Athos (Grecia)

Алан-э-Дейл       02.04.2024 г.

Forse il Paese più insolito dell’Unione Europea, che è stato in grado di preservare e portare avanti nei secoli il patrimonio culturale e le tradizioni del suo popolo, dimostrando attivamente le ricchezze spirituali degli antenati fino ai giorni nostri, è la Grecia. Così, anche dopo 2000 anni, quasi tutte le persone istruite del mondo conoscono le 12 imprese di Ercole, i miti sulle antiche divinità greche, e la popolazione di questo Paese meridionale, in quasi ogni angolo del suo territorio, può presentare ai suoi ospiti le prove dell’esistenza e dello sviluppo della sua civiltà e della sua antica cultura.

Non bisogna dimenticare che i greci sono stati tra i primi cristiani sulla terra e che nel Paese ci sono molti santuari ortodossi, i cui abitanti e custodi onorano ancora tutte le tradizioni dei loro giusti antenati. Uno di questi luoghi è il Monte Athos.

Cos’è il Monte Athos, fatti storici

La montagna sacra della Grecia deve il suo nome alla leggenda del gigante Athos, che osò combattere con Poseidone in persona e, per sconfiggerlo, sollevò un enorme blocco di pietra e lo scagliò contro il mitico dio, ma questi lo schivò e la roccia, volando, si conficcò saldamente nel terreno, dando il nome di Monte Athos — Grecia.

I primi insediamenti nel monastero della Grecia Athos risalgono a 3000 anni fa, nella persona dei Traci, e i Greci si stabilirono nella zona solo dopo altri 500 anni. Il terreno isolato, la difficile accessibilità agli altri popoli e le eccellenti condizioni per il servizio di Dio fecero di questo luogo il principale rifugio dei monaci della Grecia. Essi stabilirono un intero insediamento sulla montagna, che portò al nome ufficiale dell’area «Santo Monte Athos» nel 1144.

Secondo un’antica leggenda, all’inizio della nostra era, nel 49° anno dopo la resurrezione di Cristo, la Vergine Maria viaggiò con l’apostolo Giovanni sul Mar Mediterraneo e la loro arca giunse sulle rive del Monte Athos; quando la Vergine Maria mise piede su queste terre, le piacquero più di ogni altro luogo del pianeta e Dio, vedendo questo, la fece patrona della montagna e delle zone circostanti. Da allora, la terra è considerata sacra e milioni di pellegrini ortodossi di tutto il mondo cercano di mettere piede nella dimora della Vergine Maria stessa.

È importante: secondo l’antica tradizione, che esiste sull’Athos da più di 1500 anni, ancora oggi nessuna donna può entrare nel Santuario. Ciò è dovuto al voto di celibato della popolazione monastica della montagna, e nessuna donna può accidentalmente risvegliare gli istinti degli uomini che vivono lì per prevenire il peccato. La legislazione dello Stato monastico prevede la responsabilità per i rappresentanti del gentil sesso che osano entrare nel territorio della montagna sacra all’insaputa del capo della comunità: fino a un anno di reclusione.

Tuttavia, il personale di servizio, tra cui c’è una piccola percentuale di sesso femminile, è autorizzato a soggiornare sul Monte Athos se è vedovo o nubile di età superiore ai 40 anni. Anche i bambini di età inferiore ai 12 anni non possono salire sulla montagna o visitare i monasteri.

Brevi informazioni geografiche sul Monte Athos

Il Monte Athos sulla mappa della Grecia e le aree circostanti ai piedi della montagna appartengono alla penisola di Halkidiki, che ha origine vicino alla città di Salonicco e assomiglia alla sagoma di una zampa a tre dita di una bestia invisibile, e la zona dell’Athos stessa è la parte più orientale (a destra sulla mappa) della penisola.

In Grecia, il Monte Athos, pur facendo parte dello Stato, non è parte della sua giurisdizione e all’interno della comunità monastica regna una propria struttura di potere e gerarchia politica. Pertanto, quest’area può essere definita una sorta di Vaticano ortodosso, e il centro amministrativo è chiamato Karje in tutti i documenti statali.

Monastero della Grande Lavra

Questa zona relativamente piccola ha un clima subtropicale mite, con un buon tempo, una piacevole e salubre aria mediterranea, dove le temperature raramente scendono sotto lo zero e gli inverni sono caratterizzati solo da piogge, ma in estate c’è un caldo debilitante che può essere sopportato solo sotto l’influenza della brezza marina. Il luogo migliore per gli ortodossi è la bassa stagione (da maggio a ottobre), quando il caldo non esaurisce il viaggiatore e le piogge non sono ancora arrivate a rovinare l’impressione della visita ai santuari.

Tutto ciò di cui i monaci hanno bisogno — olive, uva, pane, colture di frutta, acqua di sorgente — lo producono da soli per soddisfare il loro fabbisogno, mantenendo la propria fattoria sul pendio della montagna ed essendo così completamente autosufficienti.

Le principali attrazioni del Monte Athos

Sul Monte Athos, nel corso degli ultimi 3000 anni, si sono formate numerose comunità monastiche, accomunate da idee, valori spirituali e tenore di vita. I principali santuari della montagna comprendono diversi gruppi di monasteri per un numero totale di 20 unità, e questa cifra non cambia da anni, poiché la legislazione di questo stato teocratico non permette di accettare chiunque nella sua comunità. Sull’isola si trovano quindi i seguenti 5 clan monastici:

  • Monastero dell’Athos in Grecia della Grande Lavra, Cattedrale di Dochiar, complesso templare di Xenophontos.
  • Il santuario di Caracallus, la chiesa di Vatoped, i monasteri di Philotheos e Pantokrator.
  • Uno dei monasteri ortodossi più famosi al mondo, il monastero di Iversky, e gli annessi Simonopetra, Philotheos e Pantokrator.
  • Un po’ più lontano, sul versante opposto del Monte Athos, si trovano i templi di San Paolo, Hilindar e Gregoriat, oltre i quali si erge Xyropotamos.
  • L’ultimo gruppo di noi comprende anche 4 monasteri — Konstamonitis, il più grande di tutti sulla montagna — San Panteleimon, e intorno Dionisiat e Zograf.

Importante: in totale, la popolazione del santuario ortodosso non può superare le 1500 persone, che vivono in 12 sketes, ognuno con il proprio clan monastico e dedicano la loro vita agli insegnamenti religiosi e ai principi ascetici nel vestire, nel cibo, nell’ideologia dei valori materiali e spirituali.

Tour organizzati al Monte Athos

Molte compagnie turistiche russe e greche offrono ai nostri connazionali assistenza nell’organizzazione di viaggi al Monte Athos, che vanno da una semplice visita turistica di un giorno a tour di pellegrinaggio di 10 giorni.

Le principali compagnie che offrono viaggi al Monte Athos con una guida di lingua russa sono il servizio di pellegrinaggio «Tovia», un grande tour operator greco, Greece Transfers, e un altro — GidvGreece.

Quasi tutte le compagnie che visitano l’Athos, a seconda del tempo a disposizione, offrono i seguenti programmi per turisti e pellegrini:

  • Richiesta di un visto presso la direzione del Monte Athos, ottenimento dello stesso.
  • Trasferimento via terra da qualsiasi grande città della Grecia al porto del Monte Athos di Ouranoupolis.
  • Trasferimento su una nave speciale e attraversamento della baia fino all’antico porto di Dafne.
  • Trasferimento dal porto alla montagna in minibus.
  • Deviazione verso i monasteri, a seconda del programma del viaggio, con conoscenza della storia di ciascuno di essi, della tradizione, della cultura e dei costumi di una particolare comunità monastica, nonché una gita nelle aree adiacenti ai monasteri. Da lontano gli uomini potranno vedere la vita e la vita dei monaci.

Importante: durante l’escursione è necessario seguire scrupolosamente le istruzioni della guida di lingua russa per non danneggiare l’attività religiosa del santuario e lo stile di vita tradizionale dei monaci.

Monasteri sul Monte Athos

Ingresso all’Athos

Come già detto, solo la parte maschile della popolazione ha il diritto di accedere alla catena montuosa sacra, e anche in questo caso è obbligata a procurarsi un lasciapassare speciale — il diamonitirion — per ottenere il quale sono necessari i seguenti passaggi:

  • Presentare la domanda di visita al santuario al centro di pellegrinaggio del Monte Athos non più tardi di un mese prima del viaggio proposto. Il viaggiatore può lasciare la domanda sul portale.
  • Inviare una copia della prima pagina del passaporto.
  • All’arrivo in trasferimento o con un veicolo privato a Ouranoupolis, è necessario recarsi all’ufficio dell’Ufficio Pellegrinaggi e ottenere il visto.
  • Per ottenere il diamonitirion, il richiedente deve pagare una tassa consolare di 25 euro (da agosto 2018).
  • Per i turisti che non hanno provveduto in anticipo al rilascio del pass per il monastero monastico, ci sono numerose compagnie turistiche che operano sotto il Monte Athos che elaborano il diritto di ingresso su base accelerata, ma il costo è quadruplicato — fino a 100 euro per uomo o ragazzo.

Importante: il diritto di ingresso singolo al santuario consente a ogni viaggiatore di soggiornare e risiedere sul territorio di uno qualsiasi dei monasteri in stanze per gli ospiti per 96 ore, nonché di partecipare alle funzioni e lasciare note per la salute in greco, leggere preghiere e fare veglie. Il pellegrino non paga per la sistemazione nel monastero, ma tradizionalmente il viaggiatore dovrebbe acquistare alcuni prodotti del monastero (vini, souvenir, ecc.) in segno di gratitudine. Se necessario, il periodo di validità del visto può essere prolungato a Ouranoupolis, nello stesso luogo in cui è stato ottenuto il documento.

Viaggio indipendente al Monte Athos

Molti pellegrini effettuano viaggi indipendenti al Monte Athos, preparando il viaggio in anticipo. Non è difficile farlo, ma è necessario svolgere alcune azioni preparatorie:

  • Ottenere il permesso di ingresso (come descritto sopra).
  • È auspicabile studiare attentamente la letteratura disponibile sui santuari del Monte Athos, perché senza la presenza di una guida orientarsi la prima volta sarà difficile.
  • Per il viaggio, il pellegrino deve collegarsi al sito web della Chiesa ortodossa russa, al Dipartimento delle Relazioni esterne e richiedere la benedizione del Patriarca ecumenico.
  • Dal punto di vista legale, il Monte Athos si trova all’interno della Grecia, il che significa che ogni pellegrino è obbligato a ottenere un visto per i Paesi Schengen. Le modalità di ottenimento sono presentate in dettaglio al link.
  • Il viaggiatore dovrebbe portare con sé durante il viaggio cose come un libro di preghiere, un contenitore per l’acqua potabile, un coltellino per le necessità domestiche, una scorta di provviste secche da utilizzare durante un lungo viaggio.
  • Una torcia ricaricabile tascabile, poiché il santuario non è eccessivamente elettrificato durante le ore di buio.
  • Una mappa della zona è d’obbligo.

Importante: quando si viaggia in modo indipendente, il pellegrino può avere difficoltà a far fronte a spese impreviste, quindi conviene sempre portare con sé del denaro extra.

Un pellegrino può alloggiare direttamente nel monastero, in uno degli sketes, ma per chi ama la comodità, una stanza comune per 25-40 persone potrebbe non essere adatta, e in questo caso sulla penisola, a Ouranoupolis, il viaggiatore può alloggiare in uno degli hotel resort, da cui si può sempre raggiungere a piedi il molo, al costo di 6 euro per arrivare al porto di Dafne e visitare la montagna sacra. È anche possibile lasciare la propria donna in albergo.

Per saperne di più sul Monastero di San Panteleimon sul Monte Athos

Durante il regno del principe Vladimir in Russia, fu fondato il primo monastero russo sul Monte Athos, che allora portava il nome di Monastero della Vergine Xylurgu, ma con il passare dei secoli i monaci russi si spostarono più volte sulla montagna e alla fine, dalla fine del XVIII secolo, presero il loro posto permanente — il Monastero di Panteleimon — l’unico in questi luoghi sacri.

Informazioni dettagliate sul tempio sono disponibili sul sito ufficiale del Patriarcato russo, al link, ma possiamo dire che si tratta di uno dei templi più grandi della montagna, la cui popolazione monastica permanente supera oggi le 100 persone.

Monastero di San Panteleimon

Il monastero si trova il più vicino possibile alla baia di Dafne e le sue cupole dorate sono ben visibili dal traghetto, che si trova a 500 metri dalla montagna sacra. All’interno del complesso si trovano gli eremi dei suoi abitanti e al centro si trova la chiesa principale di San Panteleimon, al cui interno sono conservate le reliquie del grande martire. Vi si trova anche una famosa icona della Madonna di Gerusalemme, alla quale vengono attribuite proprietà miracolose.

Ogni pellegrino russo e anche i turisti non battezzati saranno contagiati dall’energia senza precedenti del tempio durante la Divina Liturgia, attraverso la quale troveranno un collegamento con i loro santi antenati, che per molti secoli hanno svolto attività sacre lontano dalla loro terra natale.

Alcune raccomandazioni per i pellegrini

Molti pellegrini esperti, che hanno visitato i santuari del Monte Athos più di una volta, danno i seguenti consigli ai viaggiatori alle prime armi:

  • È meglio pianificare un pellegrinaggio in compagnia di compagni di fede, poiché in un grande spazio tra estranei non si possono fare nuove conoscenze, il che sarà psicologicamente difficile per il viaggiatore.
  • Se il pellegrino non conosce nemmeno le basi dell’inglese o del greco, si raccomanda vivamente di portare con sé un traduttore tascabile per comunicare.
  • In previsione di lunghe camminate, è opportuno portare con sé scarpe comode e chiuse.
  • Non bisogna dimenticare che la montagna dei monaci in Grecia non è un luogo turistico, e a tutti coloro che vi si recano non è permesso prendere il sole, fare il bagno, fumare, fare servizi fotografici, vestirsi con pantaloncini e magliette con le spalle scoperte, essere in stato di ebbrezza alcolica e avere comportamenti inappropriati.

Pellegrini sul Monte Athos

In conclusione, va detto che non ci sono più santuari ortodossi di questo tipo nel mondo e, almeno una volta nella vita, ogni cristiano è semplicemente obbligato a visitare questa terra sacra, anche per pagare il suo tributo ai suoi antenati, che hanno cambiato il loro abituale stile di vita per un monastero, per amore della fede in Dio di altre persone.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]