Cattedrale di Kaliningrad

Алан-э-Дейл       02.04.2024 г.

In modo solenne e discreto accoglie gli ospiti della maestosa cattedrale di Kaliningrad in stile gotico, costruita sette secoli fa.

L’edificio fu dedicato a Gesù Cristo e alla Vergine Maria, con una particolare menzione del nome di Sant’Adalberto. La cattedrale ha sostituito la vecchia chiesa cattedrale.

Storia della Cattedrale di Kaliningrad

Nell’erigere i muri della cattedrale furono utilizzati i mattoni della vecchia chiesa, smantellata dopo l’inizio della costruzione del nuovo edificio. La pianta dell’edificio in costruzione fu modificata più volte, subendo miglioramenti e cambiamenti. L’anno 1380 divenne la data ufficiale della fine della lunga costruzione.

Nonostante la sua veneranda età, la muratura dei muri portanti non presenta danni visibili e ha un aspetto sorprendentemente giovane per la sua età avanzata.

Un fatto interessante! Il processo di produzione dell’antica malta per il massetto era molto diverso dalla tecnologia moderna. I cittadini erano obbligati a portare fuori città tutti i resti del bestiame macellato e a gettarli nelle fosse di scarico. I resti cornei versati con la calce «languirono» per 10 anni prima che i costruttori, dopo averli mescolati con la sabbia, iniziassero a usare la composizione risultante per legare i mattoni.

Le mura della cattedrale riuscirono a sopravvivere ai cataclismi militari. I frequenti bombardamenti a cui fu sottoposta la città durante la Seconda guerra mondiale distrussero praticamente il centro storico di Koenigsberg (l’antico nome della città). La cattedrale si ergeva tra le rovine come una congiura, non essendo mai stata colpita dalle bombe.

Gli inglesi, che bombardarono il quartiere della città, la risparmiarono, usando la cattedrale, che svettava sugli edifici della città, come punto di riferimento per i raid notturni. Tuttavia, nel 1944, a seguito dei bombardamenti, l’interno della chiesa fu distrutto da un incendio. L’incendio, che causò danni irreparabili all’interno, non riuscì a danneggiare le pareti.

La cattedrale è sopravvissuta all’epoca delle costruzioni del socialismo. Negli anni ’70 del XX secolo non si inseriva nell’insieme di edifici a cinque piani rivestiti di pannelli, che erano un esempio di quell’epoca.

L’immagine complessiva incarnava lo stile tradizionale degli edifici gotici della Germania settentrionale alla fine del XVII secolo.

Questo aspetto sembrò a molti dei protagonisti indecente e persino provocatorio. Leonid Brezhnev riteneva necessario demolire «il dente marcio dell’imperialismo nel mezzo di una nuova città socialista in costruzione».

Ma l’edificio era destinato a sopravvivere sia al capo di Stato che al sistema politico, presto sostituito dall’era della Perestrojka.

La rinascita

L’inizio del XXI secolo divenne una nuova pietra miliare nella storia della cattedrale. Il restauro avviato contribuì a salvare non solo le mura secolari, ma anche a far rivivere la sua anima: l’organo. Sulla torre, come in passato, si trova un orologio, copia esatta di quelli che hanno deliziato i cittadini nei secoli passati. Si differenzia dal suo predecessore per l’imbottitura realizzata su ordine speciale di Siemens. Nel 2008 l’antico edificio, che ha ripreso vita, è stato ufficialmente riconosciuto come simbolo della regione.

Oggi gli abitanti di Kaliningrad possono vantare un grande complesso museale che opera in un antico edificio situato sull’Isola di Kant. L’edificio della chiesa, un tempo di grandi dimensioni, ospita oggi il Museo Kant, una sala concerti con il più grande organo funzionante d’Europa, un parco di sculture e il Kant Memorial Burial Ground.

Interessante! La Sala concerti di Kaliningrad attira l’attenzione di artisti nazionali e stranieri, famosi musicisti d’organo. Qui si tengono concorsi e festival musicali.

Per i più giovani il personale del museo prepara emozionanti missioni, programmi musicali ed educativi.

Museo Kant

Il filosofo tedesco, che nacque e visse tutti gli 80 anni della sua vita a Koenigsberg, fu sepolto vicino alle sue antiche mura. Il luogo di sepoltura è rimasto sorprendentemente illeso durante la guerra e si è conservato fino ad oggi.

Il museo, che porta il famoso nome, è composto da tre piani, su ognuno dei quali i visitatori possono conoscere i diversi temi dell’esposizione:

  • I piano — storia locale, racconta la storia dell’isola di Kneiphof, oggi chiamata Isola di Kant;
  • II piano — è una mostra numismatica di monete antiche e una collezione di libri antichi, i resti della famosa biblioteca del 1650, donata alla cattedrale dai rappresentanti della famiglia Wallenrodt;
  • Il terzo piano racconta la vita e l’opera del filosofo.

Il luogo di sepoltura del grande filosofo è stato ricostruito prima nel 1809, poi nel 1924, ed è sopravvissuto fino ad oggi.

Nota bene: da quando l’antica cattedrale ha acquisito lo status di complesso concertistico e museale, nel 1995 è stata eretta una nuova chiesa in città. La Cattedrale di Cristo Salvatore è una cattedrale ortodossa situata in Piazza della Vittoria. La costruzione di culto è pronta ad accogliere fino a tremila persone. L’altezza dell’edificio, insieme alla croce che corona le cupole dorate, supera i 50 metri.

Sala da concerto

Durante l’incendio del 44° anno, la cattedrale perse non solo la decorazione interna, ma anche la voce. Gli strumenti musicali e, soprattutto, l’organo furono bruciati nell’incendio. Grazie all’impegno di molte persone che hanno investito molte energie e denaro nel restauro dell’antico monumento, è iniziata la rinascita della cattedrale e la costruzione dell’organo.

Da 10 anni gli abitanti di Kaliningrad possono godere del suono a più voci di due organi situati alle estremità opposte della sala da concerto.

Il design dell’organo, composto da figure di angeli che suonano strumenti musicali e dalla Vergine Maria in piedi al centro, la grafica delle vetrate, le reliquie conservate nelle antiche mura: tutto questo merita un’attenzione particolare.

L’organo piccolo o corale, che è stato il primo a comparire, è stato realizzato in Germania nel 2006. Due anni dopo ha iniziato a cantare il secondo organo, il Grand’Organo. A causa del suo imponente peso di 35 tonnellate, è stato assemblato e montato in loco.

Il costruttore tedesco di organi Alexander Schucke è giustamente orgoglioso delle dimensioni e della qualità del suono della sua «creatura».

Nonostante la somiglianza esteriore con il suo antico predecessore, lo strumento moderno presenta innegabili vantaggi in termini di dimensioni e di gamma musicale, grazie alla struttura composta da oltre 6.000 canne.

La moderna tecnologia informatica consente a un musicista di suonare due strumenti contemporaneamente. In altre occasioni, due organisti dirigono il concerto.

Concerti e tournée

La musica d’organo viene eseguita quotidianamente in concerti che si tengono di giorno e di sera. I concerti si tengono per gruppi organizzati e per singoli visitatori che desiderano ascoltare il suono di uno strumento unico.

Giovani ascoltatori nell’ambito del progetto «Organo per bambini».

Durante il giorno vengono organizzate attività didattiche per i giovani ascoltatori nell’ambito del progetto «Organo per bambini». I bambini non solo ascoltano opere conosciute con il suono dell’organo, ma imparano anche molte cose nuove e interessanti sulla storia del complesso e dello strumento stesso.

Tra le innovazioni ci sono i concerti durante i quali la melodia delle opere musicali viene suonata a due voci: l’organo in duetto con un altro strumento.

Sono previste anche escursioni su un battello fluviale con visita alle attrazioni dell’Isola di Kant.

Nota bene! Per i visitatori sono previste escursioni d’autore, la cui partecipazione consente di visitare le porte chiuse del complesso e di conoscere meglio i reperti più rappresentativi.

Sito web ufficiale

La Cattedrale di Kaliningrad ha una pagina su Internet, dove è sempre possibile trovare informazioni precise e dettagliate:

  • L’indirizzo dell’istituzione museale e concertistica;
  • sulla storia della creazione e altri fatti direttamente collegati all’oggetto del museo;
  • informazioni su musicisti e operatori museali;
  • {un calendario e una locandina degli eventi;
  • informazioni sull’acquisto dei biglietti;
  • sul programma delle escursioni.

Ciascuno dei reparti del complesso museale aiuta a percepire il legame tra i secoli, suscitando il desiderio di custodire le radici e di non dimenticare di guardare talvolta al passato per non commettere errori in futuro.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]