Cattedrale di Kazan

Алан-э-Дейл       06.05.2024 г.

La Cattedrale di Kazan a San Pietroburgo è un luogo di pellegrinaggio, dove ogni anno migliaia di persone vengono a pregare l’icona miracolosa della Madre di Dio. L’icona, che si trova a Pietroburgo, rappresenta una copia. L’originale è apparso a Kazan nel 1579 e non è arrivato ai giorni nostri.

La cattedrale stessa inizia la sua storia con una piccola cappella, costruita presumibilmente nel 1710. Dopo qualche tempo la cappella fu ricostruita in una chiesa di legno. E poi, nel 1733, in una chiesa di pietra in stile barocco. Questo era il desiderio di Anna Ioannovna, l’imperatrice madre. Al tempio fu dato il nome di Rozhdestvensky. Presumibilmente, l’architetto dell’edificio fu M. Zemtsov.

L’edificio cadde gradualmente in rovina e Paolo I, dopo la sua ascesa, decise di ricostruirlo. Voleva che il nuovo edificio assomigliasse alla cattedrale romana di San Pietro, che tanto lo aveva impressionato. Nel 1799, per volere dell’imperatore, fu indetto un concorso di progettazione. Da questa data inizia il cammino della Cattedrale di Kazan come la conosciamo oggi.

Veduta panoramica con il colonnato e la piazza antistante la cattedrale

Lo sfondo: come tutto ebbe inizio

La Cattedrale di Kazan fu concepita come luogo in cui conservare l’icona della Madre di Dio di Kazan. Fu portata a San Pietroburgo nel 1710 e collocata in una chiesa di legno sul fiume Nevka. Dopo 17 anni la chiesa divenne fatiscente e l’icona, insieme ad altri utensili della chiesa, fu trasferita nella Cattedrale della Santissima Trinità.

L’imperatrice Anna Ioannovna non era soddisfatta di questo stato di cose e nel 1733 si appellò al Sinodo chiedendo di costruire una nuova chiesa per l’icona sulla strada «Prospect». Il permesso fu concesso e in quattro anni, nel 1737, il nuovo edificio era pronto.

Il tempio fu consacrato in onore della Natività della Santissima Madre di Dio, per questo fu dato il nome di Natale. In realtà, non appena l’icona fu trasferita lì, il tempio iniziò a essere chiamato Kazan. I cittadini di San Pietroburgo guardavano con soggezione alla patrona della Madonna.

Fate attenzione! Il tempio non si distingueva per fascino e splendore, ma svolgeva un ruolo importante nella vita dei reali. I membri della famiglia imperiale vi si sposavano. Sotto Elisabetta Petrovna il tempio ricevette lo status di cattedrale.

Concorso per il progetto

Dopo l’incoronazione, l’imperatore Paolo I ordinò di bandire un concorso per creare un progetto per la cattedrale di Kazan. Egli pose ai concorrenti il seguente compito: la nuova cattedrale doveva essere simile alla cattedrale italiana di San Pietro e con un colonnato simile a quello del Bernini.

Il compito non era facile e nessuno dei progetti proposti impressionò Paolo, finché un giorno vide la presentazione del progetto dell’allora poco conosciuto architetto A. N. Voronikhin. Il giovane architetto di talento trovò una soluzione che si adattava al cliente coronato.

Inizialmente Voronikhin voleva che le colonne cingessero l’edificio da due lati (nord e sud), e intorno al tempio propose di costruire tre piazze. L’aspetto sarebbe stato maestoso, ma l’idea si rivelò troppo costosa, così alla fine il colonnato fu costruito solo sul lato della Prospettiva Nevskij.

Colonnato della Cattedrale di Kazan

La Cattedrale di Kazan dalla fondazione alla consacrazione

Non appena il progetto di Voronikhin fu approvato, i preparativi per la ricostruzione iniziarono una settimana dopo. Era il novembre 1800. Furono assegnati tre anni per la costruzione del nuovo edificio. Nel luogo scelto per la cattedrale furono demolite undici piccole case. I proprietari furono pagati 500 rubli ciascuno per il loro consenso al reinsediamento.

I lavori procedettero rapidamente, il luogo fu sgomberato, furono scavati i fossati, fu pompata l’acqua, furono installati i pali. L’imperatore Paolo stava per tenere la cerimonia di posa della prima pietra, ma non ne ebbe il tempo. Gli ufficiali cospiratori irruppero di notte nella sua camera da letto, picchiarono l’imperatore e alla fine lo strangolarono.

Di conseguenza, la cerimonia solenne di posa della prima pietra fu tenuta da Alessandro I, erede di Paolo. L’architetto Voronikhin temeva che Alessandro avrebbe sospeso o chiuso del tutto la costruzione del nuovo tempio. Ma accadde esattamente il contrario. Sapendo quanto il padre tenesse a questo progetto, Alessandro si affrettò a realizzare la posa della pietra, senza aspettare l’ascesa al trono. La cerimonia ebbe luogo il 27 agosto e Alessandro fu incoronato il 15 settembre. Anche lui contribuì alla costruzione, e a volte i lavori proseguivano anche di notte.

Informazioni aggiuntive! La pietra per la costruzione fu portata da Gatchina, il marmo dalla provincia di Olonets. Centinaia di operai lavorarono al cantiere della cattedrale. Tuttavia, Voronikhin non riuscì a terminare i lavori in tempo. La cattedrale fu terminata solo nell’autunno del 1811.

La Cattedrale di Kazan dal momento della consacrazione alla Rivoluzione d’Ottobre

Al momento della consacrazione della chiesa (15 settembre 1811) solo l’edificio era completato. I lavori di finitura continuarono per altri due anni. La cattedrale si arricchì di dipinti con scene religiose, ma era ancora povera di icone. Le sculture con cui la cattedrale era decorata rimasero in piedi solo fino al 1814, poi si inumidirono e crollarono.

E nel 1812 iniziò la guerra patriottica. Prima della sua partenza, l’8 agosto 1812, M.I. Kutuzov, che aveva assunto il comando dell’esercito, si recò alla Cattedrale di Kazan per pregare l’icona miracolosa. Non nascose il suo atteggiamento di riverenza verso la Madre di Dio, attribuì le vittorie dell’esercito al suo sostegno e donò al tempio tutti i trofei catturati. Dall’argento, che il grande condottiero conquistò ai francesi, fu ricavata una cornice per l’icona.

Attenzione! Dopo la morte del comandante M.I.Kutuzov, le sue ceneri furono trasferite nella Cattedrale di Kazan a San Pietroburgo.

Subito dopo la sua consacrazione, la Cattedrale di Kazan iniziò a svolgere un ruolo importante nella vita della città. Qui non solo pregavano spesso i membri della famiglia imperiale, ma si tenevano anche preghiere in occasione di determinati eventi e si pubblicava un giornale. Quasi metà della città si rivolgeva al tempio con bisogni e dolori. Per aiutare le persone, la cattedrale aprì una mensa con cibo gratuito, un ospizio per anziani soli e abbandonati, un orfanotrofio per bambini e una scuola.

La cattedrale di Kazan nel periodo sovietico

Dopo la rivoluzione, fu un periodo difficile per la Chiesa. Iniziarono le persecuzioni e le fucilazioni dei chierici che cercavano di difendere la Chiesa ortodossa. Durante il sequestro forzato e brutale degli oggetti di valore del tempio della Cattedrale di Kazan, la meravigliosa iconostasi d’argento fu distrutta. Il tempio fu sottratto alla Chiesa e consegnato ai rinnovatori, per poi essere chiuso e convertito per le esigenze del potere sovietico. La croce fu rimossa e sostituita da un campanile. Nel 1932 l’edificio del tempio fu ceduto al Museo di Storia della Religione e dell’Ateismo.

Il ritorno della croce

Dopo la vittoria dell’Armata Rossa, il tempio era in condizioni deplorevoli. Il tetto era bucato in diversi punti, le pareti del tempio e le colonne presentavano tracce di conchiglie. Parte dei soffitti era crollata. Gli affreschi sulle pareti furono distrutti dalla muffa.

La cattedrale durante gli anni della guerra

La cattedrale fu restaurata per più di 10 anni. Dal 1951 i lavori furono eseguiti all’interno, l’interno fu messo in ordine. Negli anni ’60 fu terminato il restauro della facciata.

Come museo, l’edificio della Cattedrale di Kazan visse fino alla fine degli anni ’80. Poi lo Stato iniziò gradualmente a modificarlo. Poi lo Stato iniziò gradualmente a cambiare il suo punto di vista sulla Chiesa e sul suo ruolo nella vita dei cittadini credenti. Dall’estate del 1989, le autorità sovietiche iniziarono a restituire gradualmente le reliquie dei santi alla Chiesa. E nel 1994 la croce tornò a splendere sulla Cattedrale di Kazan.

Architetto della Cattedrale di Kazan

Andrei Nikiforovich Voronikhin proveniva dai servi della gleba del conte A. S. Stroganov. Poiché il conte stesso era vicino all’arte, non poteva non notare il talento del giovane. Nel 1777, su suggerimento del conte Stroganov, il giovane si recò a Mosca per studiare pittura. Due anni dopo Voronikhin tornò e iniziò a vivere nel palazzo pietroburghese del conte, eseguendo i suoi ordini. In particolare, completò il Palazzo Stroganov, ricostruì la dacia di Stroganov sul fiume Nero. Modificò gli interni di altre tenute.

Il conte Stroganov rispetta il giovane maestro e nel 1785 gli lascia mano libera. Insieme al figlio, Stroganov inviò il giovane maestro all’estero per studiare architettura, design e meccanica. Voronikhin visitò la Svizzera e la Francia.

Nel 1800 Voronikhin ricevette il titolo di accademico di architettura per il progetto dei colonnati e delle cascate di Peterhof. Altre sue opere famose sono l’edificio del Corpo dei Cadetti delle Miniere, la Casa del Tesoro, gli interni del palazzo di Pavlovsk e altri luoghi. È stato il suo progetto ad aggiudicarsi la costruzione della Cattedrale di Kazan.

Informazioni aggiuntive! Per il suo lavoro, l’architetto Voronikhin è stato insignito dell’Ordine di San Vladimir, 4° grado, e dell’Ordine di Sant’Anna, 2° grado.

E la croce risplendeva

La vita familiare di Voronikhin non fu felice. Nel 1801 sposò la governante degli Stroganov, Mary Lond. Era una donna inglese e professava il protestantesimo, per cui Voronikhin non poté ottenere la licenza di matrimonio per molto tempo. Dopo il matrimonio diede alla luce sei figli, ma sfortunatamente due di loro morirono in tenera età, mentre gli altri non sopravvissero e non lasciarono alcuna prole.

Architetto di talento, Voronikhin morì nel febbraio 1814. Fu sepolto nel cimitero Lazarevsky, appartenente alla Lavra Alexander Nevsky. Sua moglie gli sopravvisse di otto anni.

Indirizzo e come arrivare

L’indirizzo ufficiale della cattedrale è quello della città di San Pietroburgo, piazza Kazanskaya, 2. L’indirizzo attuale è 25 Nevsky Lavra. Quello attuale è 25 Nevsky Prospekt.

Non è difficile raggiungere la cattedrale. È necessario raggiungere la stazione della metropolitana «Nevsky Prospekt», «Gostiny Dvor» (uscita per il canale Griboedov). La cattedrale si trova di fronte all’uscita della metropolitana per Nevsky Prospekt. Poi bisogna camminare verso la Piazza del Palazzo. Dopo pochi minuti vedrete il maestoso edificio della Cattedrale di Kazan sulla sinistra.

Se il viaggio è programmato con i mezzi di trasporto via terra, è possibile raggiungere:

  • In autobus — № 3, 22, 27, 181, 191;
  • filobus — nn. 1, 7, 10, 11, 22;
  • con trasporto privato a motore.

Attenzione! Non è consigliabile arrivare con la propria auto, perché ci saranno problemi di parcheggio. Un tempo c’era un parcheggio a pagamento dietro la Cattedrale di Kazan, ma è stato chiuso. Non è possibile parcheggiare l’auto davanti all’edificio, anche se non ci sono cartelli di divieto, ma un carro attrezzi arriverà subito.

Andrey Nikiforovich Voronikhin

Calendario dei servizi e orari di apertura

Il programma completo può essere consultato sul sito web della cattedrale.

Le funzioni nella cattedrale si svolgono ogni giorno. La cattedrale apre nei giorni feriali alle ore 7.00, la domenica e i giorni festivi alle ore 6.30. Chiude al termine della funzione serale.

Battesimi, matrimoni, servizi di preghiera, servizi commemorativi sono celebrati secondo le necessità durante il giorno, secondo le modalità normali. Nel tempio è sempre presente un sacerdote in servizio.

Prezzo del biglietto d’ingresso

Per visitare la cattedrale non è necessario il biglietto d’ingresso. Il tempio è attivo e l’ingresso è gratuito.

Importante: è obbligatorio osservare i requisiti per la visita alla cattedrale: aspetto adeguato, divieto di scattare foto e fare riprese video, divieto di conversare ad alta voce nel tempio.

Monumento a Kutuzov e Barclay de Tolly

La decisione di erigere i monumenti fu presa da Alessandro I dopo la morte dei grandi generali. Il decreto fu firmato il 23 settembre 1818. Ma i lavori si bloccarono perché l’imperatore voleva che i capi militari fossero raffigurati nelle loro uniformi, mentre gli scultori imperiali insistevano sulle tuniche classiche. Anche gli artisti inglesi e tedeschi non riuscirono a soddisfare Alessandro e a raffigurare i grandi generali in modo dignitoso e convincente.

Di conseguenza, la questione non si spostò dal luogo fino al 1829. Ancora una volta l’imperatore, già Nicola I, indisse un altro concorso. All’imperatore piacque il lavoro di uno dei concorrenti, B.I. Orlovsky. L’artista raggiunse una somiglianza esteriore e raffigurò i generali esattamente come voleva l’imperatore. In una breve descrizione dei monumenti: entrambi sono raffigurati in uniforme, Kutuzov — in movimento, Barclay de Tolly — con lo sguardo rivolto in lontananza.

I lavori di realizzazione iniziarono nel gennaio 1830. Orlovsky affrontò numerosi dibattiti sull’aspetto delle sculture. I modelli stessi furono realizzati nel 1831. La scultura di Kutuzov fu fusa nel 1832 (altezza 4,1 m), mentre Barclay de Tolly nel 1936 (altezza 4 m). Quest’ultima dovette essere fusa due volte.

Le sculture finite furono installate nei portali laterali del tempio, di fronte ai colonnati. Nel 1839 fu costruita una recinzione intorno ai piedistalli, successivamente furono installati dei dissuasori con una catena tesa.

La Cattedrale di Kazan a San Pietroburgo è una delle più grandi della città. Non è solo un contenitore per l’icona miracolosa della Madre di Dio di Kazan, ma anche un notevole monumento alla gloria militare del popolo russo.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]