Cibo in Repubblica Dominicana

Алан-э-Дейл       06.05.2024 г.

Nella cucina della Repubblica Dominicana i piatti sono dominati da verdure, frutta e frutti di mare. Grazie alla posizione insulare dello Stato, si tratta di alimenti accessibili e poco costosi, oltre che sempre freschi. La banana è spesso presente nelle zuppe e nei secondi piatti. Non c’è da stupirsi: qui è letteralmente un sostituto delle patate. Viene persino utilizzata per preparare il purè di patate con carne macinata. Non tutti i turisti amano questi piatti.

I fagioli vengono aggiunti a molti piatti in varie forme. Un altro prodotto popolare è il formaggio. Viene utilizzato come guarnizione, ad esempio con il pollo. Esiste uno spuntino molto popolare, usato anche per la colazione: il formaggio fritto nell’olio. Per quanto riguarda le banane, vengono utilizzate per tutto, ma soprattutto fritte. Il piatto più popolare è la banana verde fritta con riso bianco e fagioli. Anche il riso è molto apprezzato. Le banane mature non sono molto popolari qui, ma le banane verdi.

Attenzione! Nelle città della Repubblica Dominicana i frutti di mare vengono cucinati alla griglia. Molto spesso sono cosparsi di scaglie di cocco, con cui si preparano salse liquide. Le bevande sono preparate con frutta locale e mescolate con latte.

La stagione del mango

Nella Repubblica Dominicana c’è abbondanza di frutta. Poche nazioni insulari possono vantare una tale varietà. Al secondo posto dopo la banana c’è il mango. Nella Repubblica Dominicana ne esistono più di 40 varietà, ma a differenza di molti altri frutti, cresce in una determinata stagione. I primi frutti compaiono solo a marzo. Allo stesso tempo è difficile trovarli nei negozi, il sapore non è dei più intensi e i prezzi sono eccessivi. Già in estate si raggiunge il picco della stagione. La stagione termina a novembre. Non sarà possibile assaggiare mango fresco da novembre a marzo. I manghi più economici sono quelli di agosto e luglio.

Una nota a margine! Le diverse varietà differiscono l’una dall’altra. Alcune hanno le dimensioni del pugno di un bambino, altre sono più grandi di un melone. Hanno colori e rapporti carne/ossa diversi. Quelli più grandi sono i più popolari, ma i più dolci sono quelli piccoli.

Quali frutti crescono tutto l’anno nella Repubblica Dominicana?

A differenza del mango, ci sono molti frutti che possono essere consumati tutto l’anno:

  • La pitaya è un frutto del cactus. La sua consistenza è molto simile a quella del kiwi, ma ha un colore rosa brillante o bianco. Il frutto ha un sapore dolce. Sebbene sia coltivato tutto l’anno, è difficile trovarlo nei negozi e nei mercati.
  • Maracuya — I dominicani stessi utilizzano solo il succo del frutto, non mangiano la polpa, anche se non serve a nulla. Ha un sapore aspro e dolce, senza differenze esterne.
  • La papaya a qualsiasi turista russo ricorderà un melone non zuccherato. Per questo motivo, le opinioni su di essa sono discordanti: c’è chi non ne apprezza la ricchezza del sapore e chi ne ammira l’aspetto e l’odore.

  • L’ananas della Repubblica Dominicana è semplicemente unico. Già dal suo aspetto è chiaro che il sapore e l’odore saranno incomparabili con quelli che si possono mangiare in Europa o in Russia. Un frutto molto succoso e dolce.
  • Nella noce di cocco, la polpa e il succo sono più deliziosi quando il frutto è ancora verde. Il frutto maturo e vecchio indurito ha un succo amaro e una polpa dura che è scomoda da mangiare.
  • Il frutto più popolare durante tutto l’anno è la banana. Si vende nei mercati (solo in grandi mazzi) e nei supermercati. Se ne possono comprare molte, perché è il frutto più economico del Paese.
  • I meloni di cantalupo di diverse varietà differiscono da quelli portati in Russia dai paesi dell’Asia orientale e da quelli che i russi coltivano da soli. Non sono così dolci. Ma il loro sapore è piuttosto esotico, così come la consistenza della polpa.
  • La guanabana, o mela alla panna acida, è un frutto raro che piace a tutti i golosi. Ha un sapore molto dolce e un odore gradevole.

Importante: le ossa all’interno del frutto non devono essere mangiate, sono velenose!

Gamberi, frutti di mare

Se nella Repubblica Dominicana la frutta è nei mesi, i frutti di mare sono presenti tutto l’anno.

  • I frutti di mare qui sono più economici che in altri Paesi. È possibile pescare il polpo da soli. Alcuni pescatori subacquei esperti gli staccano l’occhio a morsi, paralizzandolo. Ora, nella Repubblica Dominicana, si tratta per lo più di polpi piccoli. O meglio, non lunghi. Trovare un polpo lungo più di mezzo metro è una grande rarità.
  • Granchi e aragoste nella Repubblica Dominicana sono solo di 3 specie. La parte più difficile è tagliarli. Non vengono venduti tagliati. Assaggiare il granchio fresco senza tagliarlo è possibile solo nei ristoranti e nei caffè in piatti pronti.
  • Le ostriche qui costano poco e i venditori nei mercati e i pescatori ne danno anche un paio di pezzi da provare. Le vongole e le ostriche sono di colore grigio-giallo e possono contenere sabbia. Vengono anche utilizzate per preparare cocktail.
  • Nella Repubblica Dominicana, le vacanze all’insegna dei gamberi si combinano con la pesca indipendente — catture da 2 a 30 centimetri. In totale ne esistono più di 2000 specie. Nell’Oceano Atlantico sono i più prelibati e incomparabili con gli altri. Di diritto, nei Paesi continentali settentrionali sono considerati una prelibatezza. I loro prezzi sono molto fedeli. Tuttavia, è possibile acquistarle direttamente dai pescatori locali.

La bevanda nazionale Mama Juana

Questa bevanda nazionale viene prodotta in piccoli caffè e fattorie locali. Naturalmente, anche i ristoranti e gli hotel la servono spesso. Esistono molte ricette, ma gli ingredienti principali sono legno, erbe, spezie e miele. L’alcol aggiunto è il vino rosso.

È una bevanda popolare aggiunta ai cocktail di tutto il mondo. Ad esempio, nei Mojito. Si consuma con ghiaccio, verdure e frutta. Nella sua forma pura, questa tintura è migliore da bere con gli shot.

Di cosa è fatto il rum nella Repubblica Dominicana

Nella Repubblica Dominicana si è iniziato e si continua a produrre rum dalla canna da zucchero con l’aggiunta di erbe medicinali. In totale esistono 3 marchi ufficiali di produttori di rum. Il rum della Repubblica Dominicana ha un odore di legno e frutta secca. Alcune varietà presentano note di caramello. In generale, il rum è di colore dorato chiaro, ma nella Repubblica Dominicana il rum Oliver è prodotto in colore scuro.

Si trova spesso nei negozi in bottiglie simili a quelle della birra russa. Nonostante i diversi produttori e la storia, l’ingrediente principale del rum dominicano è la canna da zucchero. Questo conferisce alla bevanda un sapore leggermente dolce.

Il rum nella Repubblica Dominicana

Rum Barceló, Oliver

Il Rum Barceló della Repubblica Dominicana è uno dei marchi più prestigiosi. Oggi ha una produzione estesa e un numero enorme di sottospecie diverse. Viene prodotto specificamente nella Repubblica Dominicana.

Attenzione! L’esportazione all’estero è piuttosto pesante. Per la degustazione è meglio acquistare bottiglie per uso locale.

Caffè della Repubblica Dominicana

Il caffè Santo Domingo della Repubblica Dominicana è prodotto nella stessa Santo Domingo. Viene venduto in tutto il mondo, è possibile acquistarlo anche in Russia. Il prezzo è superiore alla media. Soprattutto chi è stato nella Repubblica Dominicana o in altri Paesi del Sud America lo acquista volentieri. Si tratta, infatti, di un caffè macinato di alta qualità della Repubblica Dominicana.

Dominicana Barahona — prodotto nel sud-ovest della Repubblica Dominicana, a Barahona. Un altro marchio di qualità di caffè di prestigio. Entrambe le marche hanno un colore intenso, una consistenza densa. Buon retrogusto, stratificazione e persistenza: proprio quello che piace ai veri intenditori di caffè.

Il sud della Repubblica Dominicana è un luogo bellissimo con un clima ideale per la coltivazione dei chicchi di caffè. Anche se i dominicani bevono un caffè così ricco, i loro denti sono ancora bianchi, nonostante il noto stereotipo secondo cui il caffè rovina lo smalto: il caffè più naturale non lo rovina.

Alimentazione in Repubblica Dominicana

Mangiare nella Repubblica Dominicana è molto economico. I mercati vendono frutti di mare, frutta e verdura a basso prezzo. È un’ottima occasione per mangiare varietà di frutta e frutti di mare costose in Russia e in Europa a un prezzo molto conveniente. Anche 800 rubli per un’aragosta o un granchio sono economici. Soprattutto nel rapporto qualità/prezzo.

Nota bene: un pranzo o una cena in un ristorante costa in media 3.500 per due persone, compreso il vino naturale in bottiglia da 700 ml. I prezzi di pizza, birra e altri piatti sono più bassi rispetto a Mosca, e la qualità è eccellente.

È possibile mangiare a buon mercato nelle taverne e nei fast-food. È possibile cucinare da soli il pesce locale. I prezzi dei caffè non differiscono molto da quelli dei ristoranti. I caffè sono orientati ai locali. Ma per coloro che non conoscono la lingua, questo non causerà molti disagi.

Se parliamo dei soliti prodotti, separatamente dai ristoranti e dalle caffetterie — formaggio, latte, salsicce, verdure e tutto il resto — allora il cibo nella Repubblica Dominicana a un prezzo vi sorprenderà piacevolmente. I prezzi sono addirittura inferiori a quelli dei negozi di Mosca. Se si fa un confronto con i negozi russi, allora da qualche parte e più costoso. Ma non bisogna dimenticare le peculiarità dei prodotti locali e la loro qualità. Il denaro speso ne vale la pena.

Consigli e raccomandazioni di turisti e viaggiatori esperti

Anche negli hotel e nei ristoranti più elitari è meglio che il cibo e l’acqua cruda siano lavorati e che si riconosca la fonte da cui sono stati presi. Il rischio di avvelenamento è elevato.

È consigliabile portare con sé dell’acqua e chiudere gli oggetti di valore e i documenti nella cassaforte dell’hotel, se disponibile. È meglio caricare il telefono e gli altri dispositivi durante il giorno. La sera e la notte l’elettricità non funziona sempre a causa della bassa tensione.

Attenzione! In anticipo, il miglior shekhe è non pagare nessuno e controllare i conti nei ristoranti. Alcuni elementi dell’ordine vengono timbrati 2 volte o del tutto, inserendo quelli di qualcun altro.

È più redditizio e affidabile cambiare la valuta presso uno sportello automatico. È meglio usare i dollari piuttosto che i pesos locali. I dollari hanno un grande valore e i venditori contrattano volentieri con i turisti. Prima di partire, è meglio fare una serie di vaccinazioni, e quali — è bene verificarlo con i medici. Il rischio di contrarre malattie piuttosto gravi è elevato.

La Dominica è un paese con una cultura e una cucina dominicana straordinarie. Tutti questi prodotti — caffè, frutti di mare e frutta — possono essere degustati al meglio al mercato.

*I prezzi sopra indicati sono aggiornati al 2018.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]