Escursione a Pushkin con visita alla Sala d’Ambra

Алан-э-Дейл       04.04.2024 г.

Tsarskoe Selo a Pushkin attrae i turisti di tutto il mondo in quanto luogo di celebrazioni e ricevimenti ufficiali tenuti durante il regno della Casa Romanov, nonché città indissolubilmente legata al nome dello scrittore russo.

Attenzione: Pushkin, monumento storico e artistico della Russia, può essere facilmente confuso con la città di Pushkino, vicino a Mosca. Per questo motivo, il museo-riserva situato nella periferia di San Pietroburgo è chiamato con il suo nome pre-rivoluzionario — «Tsarskoe Selo».

Storia delle origini

Nel XVII secolo, nel luogo in cui sorge l’odierno Pushkin, si trovava una tenuta con il nome finlandese di Saari-moys, mentre l’analogo russo era il nome di Sarskaya manor.

Nel 1710 Pietro I donò il maniero alla moglie Caterina I e 8 anni dopo iniziò la costruzione del palazzo, che durò diversi anni. La fine dei lavori fu sontuosamente celebrata con festeggiamenti. Numerosi colpi di cannone provenienti da 13 cannoni scossero il quartiere. Pietro I volle che alla cerimonia di inaugurazione fossero presenti tutti i principali statisti. Alla tenuta fu conferito lo status di residenza cerimoniale di campagna. Approssimativamente da questo momento apparve il nome Tsarskoye Selo.

Escursione a Tsarskoye Selo

I residenti di San Pietroburgo e gli ospiti che arrivano nella capitale settentrionale cercano spesso di visitare il museo-riserva «Tsarskoe Selo». I viaggiatori indipendenti arrivano qui con mezzi pubblici o privati. Le escursioni in autobus sono praticate per gruppi organizzati. Un’escursione a Pushkin con visita alla Camera d’Ambra vi permetterà di vedere la perla dell’insieme di Tsarskoye Selo e allo stesso tempo di visitare la culla dell’opera del grande poeta russo.

I luoghi di Pushkin

Esistono diversi luoghi di questo tipo, tutti in un modo o nell’altro legati alla biografia del poeta russo.

In estate è particolarmente interessante visitare i parchi di Caterina e Alessandro.

Liceo

Il 19 ottobre 1811 fu inaugurato il liceo di Tsarskoye Selo. Ciò avvenne per decreto di Alessandro I, che intendeva creare questa istituzione educativa per i suoi fratelli minori Nikolai e Mikhail, oltre che per i figli delle famiglie nobili.

I fratelli dell’imperatore non studiarono qui. Ma tra gli studenti della prima classe c’era anche uno studente del liceo, il cui nome divenne poi noto ai lettori di tutto il mondo: Alexander Sergeyevich Pushkin.

I visitatori possono entrare nelle stanze degli studenti del liceo e vedere l’esposizione che racconta gli anni di scuola del poeta.

Oggi è difficile per gli scolari immaginare come vivevano gli studenti del liceo di allora durante i 6 anni di istruzione. Per questo motivo viene raccontata la routine quotidiana, le scienze e le materie studiate al Liceo Imperiale. Gli alunni hanno potuto imparare non solo le scienze, ma anche l’amicizia, che li ha legati per tutta la vita. I compagni di classe di Aleksandr Sergeevič giustificarono l’onorevole titolo di studenti del liceo, diventando uomini degni della Patria.

L’escursione passa attraverso la sala delle assemblee dove il giovane Puškin lesse «Ricordi a Tsarskoye Selo» durante i suoi esami.

Casa Kitaeva

Il poeta amava Tsarskoye Selo, i suoi parchi e le sue sculture. Nelle sue poesie elogiava i pittoreschi paesaggi di Tsarskoye Selo, i maestosi monumenti della gloria militare russa, le sculture e le gallerie. Qui trascorse gli anni della giovinezza del poeta. Venne qui dopo il suo matrimonio nel 1831 e trascorse l’estate in una delle «case dei cavalieri»: la casa di Kitaeva, la vedova del valletto di corte Yakov Kitaev.

Queste case presero il nome dal decreto di Elizaveta Petrovna di costruire alloggi per l’amministrazione del villaggio e per gli ospiti privilegiati in visita al paese, che all’epoca erano chiamati signori cavalieri.

In questa casa furono scritte opere famose: «Il racconto dello zar Saltan», «Ai calunniatori della Russia», «Eco» e altre. Ospiti frequenti di quell’estate furono V. A. Zhukovsky e N. V. Gogol.

I monumenti

A Tsarskoye Selo, A. С. A Tsarskoye Selo ci sono diversi monumenti a Puškin.

Studente del liceo Pushkin

Nel giardino del Liceo, su un’antica panchina di ghisa all’ombra di betulle ricciolute, siede un giovane con il cappotto del Liceo aperto e il berretto gettato con noncuranza accanto a lui. Dimenticando le sue preoccupazioni quotidiane, guarda pensieroso in lontananza.

Il monumento fu realizzato in occasione del centenario della nascita del poeta e inaugurato nel 1900.

Così lo scultore R. R. Bakh ha raffigurato Puškin, che riposa in un angolo del giardino di Caterina.

Una nota a margine! L’accademico Robert Robertovich Bakh è residente a Tsarskoye Selo. Insieme ad altri architetti, ha partecipato al concorso di progetti indetto dal Comitato per il Giubileo per il centenario del poeta. I nomi altisonanti dei concorrenti non hanno potuto impedire la vittoria del progetto presentato dall’allora poco conosciuto R. R. Bakh.

Il monumento ha un aspetto non parade, in parte persino modesto, eppure è considerato una delle più famose immagini scultoree di Puškin. Numerosi visitatori vi passano davanti lungo l’ampio viale, passano autobus con turisti, ed esso, trovandosi al centro della vita moderna, è congelato nella riflessione da secoli.

Alla porta egizia

In diversi anni della sua vita il poeta si recò più volte da San Pietroburgo a Tsarskoye Selo per celebrare il giorno della fondazione del Liceo e per visitare N. M. Karamzin, che viveva lì. Ogni volta la strada passava per l’avamposto della città. Attraverso di essa Pushkin andò in esilio a Ekaterinoslav. Qualche anno dopo tornò da Tsarskoye Selo a San Pietroburgo attraverso la Porta Egizia costruita al suo posto.

Nel corso del restauro sono state eliminate più di 100 tracce di colpi d’arma da fuoco lasciati sul monumento dopo l’occupazione tedesca.

Nel 1937, in occasione del centenario della morte del poeta, fu eretto un monumento a Puškin, opera dell’architetto L. Bershman, all’ingresso della città contro la Porta Egizia.

Il poeta, fuso in bronzo, si trova al bivio di una strada rumorosa, all’ombra diffusa di un antico olmo. Incontra e saluta tutti coloro che sono giunti nella città che porta il suo glorioso nome.

Escursione a Tsarskoye Selo con visita al Palazzo di Caterina

Le escursioni si dividono in quelle che si svolgono nei parchi e quelle dedicate ai palazzi.

I parchi

In estate, l’opportunità di visitare i parchi di Caterina e Alessandro appare particolarmente attraente. Passeggiando all’ombra fresca di alberi diffusi, è impossibile rimanere indifferenti alle varie «idee di giardino»: specchi d’acqua sagomati, sculture, costruzioni architettoniche.

L’insieme del palazzo e del parco, con i suoi immensi giardini e le varie costruzioni decorative, suscitò l’ammirazione dei poeti che lodarono la «costellazione» di splendidi edifici. Durante l’escursione letteraria «La poesia dei parchi di Tsarskoye Selo» è possibile vedere i luoghi preferiti dai classici della letteratura russa, che li hanno ispirati a creare opere ben note ai lettori.

Le terrazze del parco sono collegate tra loro da scale in pietra e sulla terrazza inferiore del parco, su entrambi i lati del viale centrale, si trovano degli stagni. Per gli ospiti del museo è previsto un programma di escursioni acquatiche con attraversamento del Grande Lago su un traghetto del XIX secolo.

Una visita guidata del parco permette di conoscere le numerose sculture, fontane e strutture del giardino. Aiuta a farsi un’idea dei padiglioni, dei cancelli e delle altre strutture architettoniche, che si possono conoscere più dettagliatamente in escursioni separate.

Attenzione! Alcune esposizioni sono orientate specificamente al pubblico dei bambini. Le scolaresche, ad esempio, sono le benvenute alla mostra «Tsarskoye Selo — il Pantheon della gloria militare russa». Sul territorio del parco si trovano molte strutture commemorative erette per tradizione in onore delle vittorie militari della nostra Patria.

Oltre ai percorsi a piedi, ci sono passeggiate con auto elettriche e carrozze trainate da cavalli.

Importante: per visitare il parco da soli è necessario acquistare un biglietto d’ingresso, che deve essere presentato anche al momento dell’acquisto del biglietto per le esposizioni del Palazzo di Caterina.

Per i visitatori con problemi di mobilità sono disponibili sedie a rotelle che possono essere utilizzate previo pagamento di una cauzione.

I palazzi

L’insieme architettonico comprende il Palazzo di Caterina e il Palazzo di Alessandro, oltre all’area del parco.

Per chi visita il palazzo per la prima volta, è più appropriato fare un giro turistico, durante il quale si possono esplorare i musei del palazzo e tutte le mostre in essi contenute. Le visite ripetute possono essere utilizzate per i tour tematici che esplorano le singole stanze e gli spazi in modo più dettagliato.

La vita di palazzo viene presentata agli ospiti in tutto il suo splendore. La squisita decorazione delle sale, lo splendore creato dalle mani di famosi architetti, gli stucchi, i mosaici e i raffinati dipinti che ricoprono le pareti e i soffitti: tutto ciò suscita ammirazione e immerge nel mondo della bellezza. Ogni stanza ha una sua storia e merita una narrazione a parte. La Sala d’Ambra, una delle stanze più famose del Palazzo di Caterina, è chiamata la perla della riserva, l’ottava meraviglia del mondo.

Escursione alla Sala d’Ambra del Palazzo di Caterina

Attrae i turisti non solo per la sua decorazione unica, ma anche per la sua incredibile storia di creazione, scomparsa senza lasciare traccia e, infine, rinascita. È l’unico esempio al mondo di utilizzo dell’ambra per la decorazione delle pareti. Cassapanche a mosaico, sgabelli intagliati, scacchiere e tazze dimostrano tutte le sorprendenti qualità di questo materiale ornamentale.

I pannelli d’ambra a mosaico furono regalati dal re prussiano Friedrich Wilhelm a Pietro Alexeyevich Romanov nel 1716. Ma i pannelli videro la luce solo durante il regno della figlia di Pietro, Elisabetta. Quest’ultima li ordinò per decorare le pareti di una sala dell’Ermitage (Palazzo d’Inverno) e poi li trasferì per decreto al Palazzo di Caterina.

I pannelli in arrivo non riuscivano a coprire l’area della stanza destinata alla loro finitura. È stato necessario un lungo e minuzioso lavoro per produrre elementi aggiuntivi. Il progetto è stato guidato da Bartalomeo Rastrelli.

L’architetto ha decorato i pannelli d’ambra esistenti con figure mitologiche, stemmi, ghirlande di fiori e conchiglie intagliate su di essi con lesene a specchio e decorazioni dorate. La combinazione di diverse tonalità di ambra è stata completata con successo da dipinti a mosaico realizzati con pietre ornamentali.

Il lavoro del maestro trasformò il gabinetto d’ambra in una sala da cerimonia

Dopo la ritirata delle truppe tedesche che occupavano la città di Pushkin, il cimelio d’ambra scomparve per molti anni.

Alla fine del XX secolo, lo scrigno e un frammento del pannello d’ambra tornarono miracolosamente in Russia. Altre parti di questa esposizione non sono mai state ritrovate, sebbene siano stati fatti molti sforzi per ritrovarle.

Nonostante ciò, nel 2003 il Palazzo di Caterina ha aperto le porte ai visitatori che desideravano vedere la ricostruzione del capolavoro perduto. Ciò è stato possibile grazie al lavoro incredibilmente difficile, minuzioso e indubbiamente talentuoso di restauratori specializzati che hanno dedicato decenni alla ricostruzione.

Un fatto interessante! Il progetto è stato finanziato dallo Stato, che ha speso più di 7 milioni di dollari per la sua realizzazione. Il sostegno finanziario è stato fornito dalla Germania, rappresentata dalla compagnia del gas «Ruhrgas», che ha aggiunto altri 3,5 milioni di dollari.

Sito web ufficiale

Il museo lavora in un formato moderno. Sul territorio del complesso si svolgono vari eventi interattivi per bambini e ragazzi. Guide qualificate conducono escursioni di gruppo in russo, inglese, francese e cinese. Sono disponibili anche escursioni individuali. È inoltre possibile utilizzare un’audioguida.

Sul sito web del museo si possono trovare informazioni sempre aggiornate su tutte le questioni di interesse:

  • indirizzo del museo;
  • orari di apertura del museo-riserva in diversi periodi dell’anno;
  • esposizioni permanenti e mostre del museo;
  • eventi e festività che si svolgono sul territorio del museo;
  • orari di apertura delle biglietterie, validità dei biglietti acquistati e loro costo;
  • ordinazione ed emissione di biglietti online, regole di ricezione, rimborso dei biglietti non utilizzati;
  • numeri di telefono per richieste di informazioni sull’attività delle esposizioni;
  • numeri di telefono per la pre-registrazione di escursioni di gruppo, eventi per bambini e per chiarire il loro costo;
  • elenco dei servizi aggiuntivi forniti dalle infrastrutture di Pushkin.

Ad esempio, a pochi passi dal palazzo e dal parco «Tsarskoe Selo» si trova l’edificio di «Gostiny Dvor». Essendo un oggetto monumentale di importanza federale, è allo stesso tempo utilizzato attivamente in conformità con il suo nome.

Qui si trovano un mercato alimentare economico, un ristorante, negozi e un parcheggio.

Una passeggiata tra i parchi e i palazzi di Pushkin evoca un sentimento di riverente ammirazione per i progetti creativi degli architetti che nel corso dei secoli hanno creato uno dei più grandi monumenti della cultura artistica russa.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]