Fontana di Trevi

Алан-э-Дейл       04.04.2024 г.

La Fontana di Trevi è uno dei principali monumenti barocchi d’Italia. Alta 25,9 metri, lunga 20 metri e larga 49,8 metri, è la fontana più grande e maestosa di Roma.

Storia della fontana

L’epoca dei primi lavori di costruzione è considerata il 1732, ma la fonte da cui Trevi è «alimentata» apparve nel 19 a.C..

Nella storia, ogni città che è stata costruita ha avuto bisogno di acqua corrente potabile. È il caso di Roma. Il comandante Marco Vipsanio Agrippa, genero dell’imperatore Ottaviano Augusto, inviò i legionari a trovare una sorgente. Dopo aver ripulito il sistema fognario della città e costruito una conduttura idrica, le ciotole degli abitanti romani furono riempite con l’acqua della sorgente curativa. Secondo la leggenda, quando i soldati assetati disperavano di trovare la fonte di acqua vitale, una ragazza sconosciuta apparve loro e indicò la strada. La chiave si trovava a 13 chilometri dalla città e l’acquedotto è lungo 20 chilometri.

Fontana di Trevi

Ulteriori informazioni! L’acquedotto che fu costruito si chiamava Aqua Vigro, che in latino significa «Acqua della Vergine». È ancora in uso oggi.

A metà del VI secolo, i Goti che attaccavano Roma danneggiarono la sorgente dell’Aqua Vigro e questa cessò di funzionare. Nell’VIII secolo l’acquedotto fu riparato e tornò a funzionare.

Nel periodo di massimo splendore dell’Impero Romano, ogni acquedotto terminava con una fontana, così a metà del XV secolo, sotto il pontificato di Niccolò V, fu installato un catino in pietra per l’approvvigionamento dell’acqua dall’Aqua Vigro. Nel 1629, Papa Urbano VIII decise di smantellare il catino per dare alla piazza un aspetto maestoso. Il progettista di teatri barocchi Giovanni Bernini si occupò dei disegni, ma dopo la morte del Papa la ricostruzione fu rimandata di 100 anni.

Nel 1732, Papa Clemente XII tornò sull’idea di una fontana teatrale e, dopo un’attenta selezione di 16 artigiani, fu scelto Nicola Salvi come architetto. Egli doveva incorniciare la piazza in stile barocco e allo stesso tempo creare una buona facciata per Palazzo Poli. Salvi non visse abbastanza per vedere il completamento dell’edificio. La costante presenza nelle camere dell’acquedotto della fontana, umida e fredda, lo portò alla morte nel 1751 per polmonite.

Nel 1762 fu completata la Fontana di Trevi a Roma. Occupava la maggior parte della piazza e si fondeva con il Palazzo Poli in un unico insieme.

Ulteriori informazioni! Il più grande restauro della Fontana di Trevi è stato effettuato nel 2015 e ha restituito alla fontana il suo aspetto maestoso originale.

Architettura e decorazione

Palazzo Poli e la Fontana di Trevi sono inseparabili. Il tema nautico è centrale nella composizione. Nella nicchia centrale del palazzo si trova il dio di tutte le acque, il titano Oceano (molti credono che vi si trovi Nettuno, ma ciò non è corretto).

I suoi tremila figli — ruscelli di fiume e tremila figlie — oceanidi scendono lungo la fontana. Nel carro con la divinità sono imbrigliati due cavalli marini (ippocampi). Uno di essi è turbolento e rappresenta la tempesta, l’altro è umile e rappresenta la calma del mare. I cavalli sono governati da tritoni con conchiglie e corna in mano. Le rocce di travertino sotto le sculture di marmo simboleggiano la supremazia del dio sull’elemento marino. La nicchia centrale del palazzo è sorretta da 4 colonne, che rappresentano le 4 stagioni. Un arco di trionfo completa la maestosità del Dio Oceano.

A sinistra e a destra nelle nicchie si trovano due dee. La prima è la dea dell’Abbondanza. È raffigurata con un corno dell’abbondanza e indica quanti doni la fonte offre alla città. La seconda è la Dea della Salute, simbolo del potere curativo e della purezza delle acque della Fontana di Trevi.

Altre informazioni! C’è un fatto interessante riguardo all’enorme vasca situata sulla destra. Si ritiene che Selvi l’abbia aggiunta affinché un barbiere che lavorava nelle vicinanze, insoddisfatto dei lunghi tempi di costruzione, non potesse godere della bellezza della fontana.

Due bassorilievi ornano le Risalette di Palazzo Poli: uno raffigura l’inizio del cammino alla ricerca dell’acqua per l’acquedotto, l’altro mostra il momento dell’incontro con la ragazza che conduce alla sorgente.

La facciata della composizione è decorata con lo stemma di Papa Clemente XI, grazie al quale fu costruita la Fontana di Trevi.

Presagi e credenze ad essa associati

Il principale presagio in Italia è il lancio di una moneta nelle acque della Fontana di Trevi. Si crede che chi ha lanciato la moneta tornerà sicuramente a Roma. Se sono state lanciate due monete, una persona troverà presto l’amore, se tre — si sposerà. Dopo l’uscita del film «Tre monete nella fontana», ogni turista considera suo dovere gettare qualche moneta nella fontana. Nel XVIII secolo non esisteva questa tradizione. Per trovare felicità e fortuna, una persona doveva bere l’acqua della sorgente.

È vietato prelevare monete dalla fontana. È prevista una multa di 500 euro. Una volta cadute nell’acqua, le monete diventano proprietà delle autorità romane e vanno in beneficenza.

Sul lato destro della fontana si trovano due chiavi con getti rivolti l’uno verso l’altro. Si crede che se due innamorati bevono quest’acqua, la loro vita insieme sarà felice fino alla vecchiaia.

Rivista della Fontana di Trevi

Nel 1991 era vietato gettare monete nell’acqua perché rendevano difficile il funzionamento della fontana. Questo divieto è stato presto revocato.

Ogni settimana, i servizi comunali puliscono il fondo del monumento. A seconda della stagione, dell’afflusso di turisti e delle condizioni meteorologiche, la Fontana di Trevi «porta» a Roma dai 3 ai 12 mila euro ogni settimana. Il denaro raccolto viene devoluto in beneficenza alle chiese cattoliche e serve a fornire alle famiglie a basso reddito e ai poveri un alloggio e del cibo, migliorando la qualità della loro vita.

Una nota a margine. Turisti e locali senza scrupoli non sono restii ad arricchirsi a spese del patrimonio barocco di Clemente XII, quindi le autorità controllano attentamente l’ordine e impongono multe. Le multe vengono comminate anche per chi vi si bagna.

Nel 2004, la fontana più insolita d’Italia Trevi diventa un simbolo delle elezioni del Parlamento europeo. Nei suoi pressi è stata installata un’urna elettorale e la piazza è stata decorata con la bandiera dell’Unione Europea.

Dove si trova, come arrivare, mappa

Piazza di Trevi è raggiungibile in metropolitana con la linea A. Alla fermata Barberini, scendere, percorrere via Tritone e poi girare a sinistra lungo Poli.

È possibile raggiungere l’area della piazza utilizzando la navigazione online. Piazza di Trevi si trova all’incrocio di tre strade.

Mappa di uno dei percorsi

La Fontana di Trevi è un importante patrimonio storico e culturale e uno dei luoghi più belli d’Italia. Le mani degli artigiani hanno dato vita agli dei e se «tutte le strade portano a Roma», i cuori e l’immaginazione saranno attratti dalla Fontana di Trevi.

*I prezzi sopra indicati sono validi per il mese di agosto 2018.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]