Gaudí (Barcellona)

Алан-э-Дейл       06.05.2024 г.

Barcellona, il più grande centro turistico della Catalogna e dell’intera Spagna, ha sempre attratto i viaggiatori con la sua straordinaria combinazione di clima mite mediterraneo, splendore naturale e un’enorme varietà di attrazioni da visitare.

Secondo un’antica leggenda, la capitale catalana fu fondata da Ercole e ricostruita dopo la sua distruzione nel III secolo a.C. da Amilcare Barca, uno dei più famosi generali cartaginesi dell’epoca, che diede alla città il nome di Barcino.

Architettura di Barcellona

L’architettura di Barcellona combina organicamente elementi dello stile gotico e moderno, nonché del romanico e del modernismo, ampiamente rappresentati dalle opere di molti maestri di talento, tra cui il famoso Antoni Gaudì. Convenzionalmente, è divisa in tre zone:

  • Centro storico;
  • Città Nuova;
  • La Città Vecchia è rappresentata principalmente dall’architettura gotica del Medioevo.

La Città Vecchia è rappresentata principalmente dall’architettura gotica del Medioevo, ma ci sono anche edifici precedenti che risalgono all’antichità. La prima associazione dei viaggiatori con essa è il Quartiere Gotico.

Barcellona, Quartiere Gotico

La storia della Città Nuova inizia nel XIX secolo, gli edifici qui presenti sono un classico esempio di modernismo. La parte moderna della città è costituita da edifici costruiti nel nostro tempo. L’incredibile combinazione di diversi stili architettonici trasforma Barcellona in un vero e proprio museo, una passeggiata attraverso il quale può impressionare anche i viaggiatori più sofisticati.

Attenzione! La maggior parte delle attrazioni si concentra nel centro storico della città. Pertanto, l’intero Quartiere Gotico è un insieme architettonico che non è un peccato dedicare un’intera giornata alla sua visita. Nella piazza si trova uno degli esempi più brillanti dello stile gotico: la Cattedrale, che emana un profumo di grandezza e di calma, mentre a poca distanza si trova la Basilica di Santa Maria del Mar, una chiesa con una storia molto ricca.

Nel labirinto di stradine strette, dove sembra che i tetti stiano per chiudersi sopra la testa, viene voglia di vagare all’infinito. Ma anche se ci si perde nella periferia del quartiere, i turisti possono facilmente trovare un bar o una caffetteria accogliente dove bere un caffè o un gazpacho rinfrescante. Molti locali, con foto e disegni alle pareti, conservano la loro storia e quella dei personaggi famosi che li hanno frequentati.

Il cambiamento di umore, da malinconico e rilassato ad allegro e allegro, è dietro l’angolo in Plaza Catalunya. È come una cittadina a sé stante in cui i festeggiamenti non si fermano mai: ci sono concerti a non finire, spettacoli improvvisati e centinaia e centinaia di persone di ogni età e fede che si mescolano tra la folla.

In Plaça Catalunya si può iniziare a familiarizzare con lo stile modernista, da qui si può partire per il viale Gracia, dove i viaggiatori potranno ammirare le creazioni del famoso Antoni Gaudí — Casa Batlló e Casa Mila. Il bellissimo Palacio de la Música Catalana non è da meno, mentre la Torre Belleguarde sorprenderà i visitatori con la sua architettura gotica e Art Nouveau.

Ulteriori informazioni! Molti degli antichi edifici colorati sono ora appartamenti hotel, che offrono ai viaggiatori l’opportunità unica non solo di vivere nel cuore della città, ma anche di immergersi nella storia condividendo l’indirizzo con uno degli artisti o architetti del secolo scorso.

Gli edifici moderni di Barcellona non sono meno sorprendenti per la portata e l’originalità dei progetti. Per esempio, la Torre Agbar, che J. Nouvel si è ispirato alla montagna. Nouvel, ispirata alla montagna di Montserrat, è illuminata da più di quattromila proiettori che al calar della sera creano giochi di luce davvero suggestivi.

Informazioni sull’architetto Antoni Gaudì

Antoni Gaudì nacque nel 1852 a Reus e all’inizio partecipò solo a piccoli concorsi e progetti — disegnando mobili, panchine stradali, lanterne. Durante il periodo di massimo splendore dello stile neogotico, rimane affascinato dall’idea di decoratività di Reskin, che corrisponde pienamente alle sue convinzioni. Sotto la sua influenza, Gaudí realizza i suoi primi progetti intensamente decorati: le Casas Vicens e Calvet a Barcellona e El Capriccio in Cantabria.

L’incontro con Eusebi Güell, che in seguito diventerà suo intimo amico, fu un momento davvero cruciale per il destino dell’architetto. Güell era l’industriale più ricco dell’epoca e poteva permettersi di realizzare qualsiasi sogno, pur avendo buon gusto e gusto per la bellezza, per cui il tandem con Gaudí portò a entrambi ciò che volevano: il magnate poteva diventare proprietario di immobili di lusso e l’architetto otteneva libertà di espressione, non limitata dalla soglia di costo.

Gaudí progettò per l’amico una serie di padiglioni a Pedralbes, cantine e cappelle, e disegnò il Palacio Güell di Barcellona e l’amatissimo parco che porta il suo nome.

Importante: Barcellona è un vero e proprio deposito dell’opera dell’architetto, ed è in gran parte grazie a Gaudì che Barcellona è diventata ciò che i viaggiatori vedono oggi: vibrante, sfaccettata e sottilmente attraente.

Dopo la costruzione del palazzo, Gaudì, che ha ormai formato il suo stile unico, diventa rapidamente l’architetto più alla moda e famoso della città. Non aderisce più a nessun confine inerente a certe tendenze: per i ricchi cittadini di Barcellona, Gaudì crea case straordinarie, ognuna delle quali è un vero capolavoro d’arte.

La Casa Batlló di Barcellona (Casa Batlló) sembra una creatura fiabesca fatta di teschi e ossa, mentre la Casa Mila, conosciuta a Barcellona come La Pedrera, assomiglia a un’enorme onda che si incurva nello spazio, inghiottendo finestre e balconi lungo il percorso. Dopo la sua costruzione, Gaudí si dedicò interamente a un progetto ecclesiastico che non riuscì mai a completare prima della sua morte, avvenuta nel 1926: la Sagrada Familia (Cattedrale della Sagrada Familia), nella cui cripta fu sepolto.

Le opere di Gaudì a Barcellona

Casa Batlló

La Casa Batlló, situata nel cuore della città, è nota anche con il nome un po’ intimidatorio di Casa delle Ossa ed è uno dei siti architettonici più visitati di Barcellona.

Dall’esterno ricorda un enorme drago: le linee morbide dell’edificio assomigliano alle curve del suo corpo, la facciata della casa ricorda le squame iridescenti della creatura mitologica, i balconi e le colonne svolgono il ruolo di ossa e teschi delle vittime. La torretta che corona il tetto (la spina dorsale del drago) simboleggia la spada conficcata nella bestia.

L’edificio, originariamente eretto nel 1877 come casa di abitazione, fu ricostruito tra il 1904 e il 1906 da A. Gaudì per diventare un esempio eclatante dell’architettura modernista dell’inizio del secolo scorso.

La sua forma insolita e le sue combinazioni di colori, anche senza associazioni mitologiche, hanno attirato a lungo gli occhi degli abitanti della città e dei turisti, e dal 2005 il monumento è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

L’interno della Casa delle ossa non è meno insolito: ogni metro quadrato racconta la sua storia ai visitatori che lo ammirano, e i giochi di luce nel cortile appositamente progettato sono davvero affascinanti. Tutti gli elementi in ferro battuto e ceramica, così come le vetrate, sono stati creati dai migliori artigiani dell’epoca.

Attenzione! Oggi la Casa Batlló funziona come museo. È possibile visitarla tutti i giorni tutto l’anno — le visite sono consentite dalle 9.00 alle 21.00.

La Casa Batlló di Barcellona si trova in Paseo de Gracia , 43.

È possibile raggiungerla tramite:

  • all’Open Bass;
  • Con gli autobus urbani di linea n. 22, 24, 7, H10 o V 15;
  • in metropolitana (scendere alla stazione Passeig de Gracia);
  • in taxi.

Per una visita tranquilla con un numero relativamente basso di turisti, è meglio arrivare all’apertura o la sera, ma è bene tenere presente che dopo le ore 20 non è consentito l’ingresso ai visitatori. I biglietti possono essere acquistati in loco o sul sito ufficiale dell’attrazione.

Casa Mila

Casa Mila (Casa Mila) si trova un po’ più avanti nel Passeig-de-Gracia, all’incrocio con Carrer de Provença (indirizzo: Passeig-de-Gracia, 92).

La sua forma ricorda una scogliera bagnata dalle onde del mare: la facciata, completamente priva di spigoli, scorre dolcemente tra le finestre e i balconi, le cui grate in ferro battuto sembrano intrecciate con le alghe. La casa è progettata con tre cortili che forniscono una buona illuminazione ai locali di servizio, poiché solo le finestre delle zone giorno si affacciano sulla facciata.

Come riferimento! Al 7° piano si trova un piccolo museo dell’opera di Gaudì, dove si possono vedere disegni e fotografie della casa, oltre a una collezione di oggetti che hanno ispirato l’architetto per un progetto così insolito.

È possibile visitare anche l’appartamento, dove sono stati conservati in condizioni incontaminate gli interni dei suoi abitanti dell’inizio del XX secolo.

L’attrazione porta il nome del suo committente, il magnate Pere Mila i Caps, che chiese a Gaudì di costruire per la sua famiglia una casa che colpisse per la sua stravaganza.

La realizzazione dell’idea dell’architetto superò ogni aspettativa e le dimensioni della casa erano così imponenti che i suoi proprietari dovettero addirittura pagare una multa per aver superato le norme consentite in materia di altezza e superficie.

Questo monumento architettonico è unico nel suo genere perché è ancora utilizzato per lo scopo per cui è stato costruito: alcuni appartamenti sono ancora occupati da cittadini comuni, mentre la maggior parte dell’edificio è occupata da una banca e da numerosi uffici.

Nel 1984, la Casa Mila è stata iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

L’attrazione è raggiungibile con gli stessi mezzi della Casa Batlló e i biglietti possono essere acquistati in loco o online.

Palacio Güell

L’architetto iniziò a lavorare a questo progetto nel 1886 e lo affrontò con tutta la cura e la profondità di un’idea: doveva costruire un palazzo su un piccolo appezzamento di terreno che si affacciava su una strada stretta, ma allo stesso tempo rispecchiare simbolicamente lo status esistente del proprietario e il suo difficile percorso per raggiungerlo — all’epoca non ci si vergognava del fatto di essere riusciti a farsi strada verso l’alto partendo dai livelli più bassi della società, come dimostra lo stemma della famiglia Güell, coronato dallo slogan «Ieri un pastore, oggi un gentiluomo».

Le torri del Palacio Güell

Se ai piani inferiori la casa si presenta come una tetra stalla, salendo verso l’alto gli interni diventano più lussuosi e il tetto è un’opera d’arte a sé stante: tutti i camini e le canne fumarie sono decorati con mosaici di ceramica multicolore, dando l’impressione che il visitatore sia entrato in un magico giardino stilizzato.

L’esterno dell’edificio è piuttosto tranquillo e austero, ma una volta all’interno si può notare quanto siano ben studiate tutte le piccole cose che un tempo contavano per i proprietari: camere ben delineate per ricevere gli ospiti e salotti, tenendo conto di tutti i requisiti per l’acustica — la cupola del palazzo ha uno spazio aperto fino al piano terra.

Il Palacio Güell si trova nel centro storico di Barcellona, al 3-5 di Carer Nou de la Rambla.

Per arrivare qui è possibile:

  • all’Open Bass;
  • sugli autobus N12, N13, N9, N15 e 59;
  • in metropolitana (scendere alla stazione Liceu sulla linea L3);
  • in taxi.

Importante: i biglietti sono venduti per un orario e una data specifici e possono essere acquistati presso il botteghino del museo o in anticipo online. In estate si può visitare dalle 10.00 alle 20.00, in inverno dalle 10.00 alle sei e mezza di sera.

Altre opere di Gaudì

Altrettanto interessanti sono i progetti di Gaudì a Barcellona:

  • Casa Calvet;
  • Casa Vicenç;
  • Parco Güell;
  • Sagrada Familia.

Casa Calvet fu costruita come casa privata a reddito, Casa Vicens fu una residenza commissionata dall’architetto per la sua famiglia dal grande industriale Manuel Vicens.

Una nota a margine. Il Parco Güell è un’attrazione turistica molto popolare. Il progetto di Eusebi Güell prevedeva la costruzione di un quartiere di 60 case per l’élite di Barcellona, ma l’idea non fu sostenuta dai potenziali abitanti del quartiere e di conseguenza solo due lotti furono utilizzati per la costruzione. Il parco è una miscela armoniosa di case fiabesche e varie aree per passeggiare e rilassarsi, oltre a una delle panchine più lunghe del mondo, splendidamente decorata con mosaici di ceramica.

Ma, naturalmente, la creazione più famosa dell’architetto è la Sagrada Familia, che è anche il più famoso progetto di costruzione di lunga durata. La sua costruzione iniziò nel 1882 e Antoni Gaudí la supervisionò fino alla sua morte, avvenuta nel 1926. Tutti i lavori furono pagati esclusivamente da donazioni private, quindi i tempi furono piuttosto lenti. L’architetto investì anche tutto il suo capitale personale nel suo progetto, ma non era ancora sufficiente.

Il tempio è costruito a forma di croce latina ed è decorato in modo molto insolito con sculture su temi biblici: tutte le scene hanno un significato simbolico così profondo che sono semplicemente ipnotiche e si possono guardare all’infinito, cercando di svelare il significato dell’esistenza.

Sebbene il tempio sia ancora incompiuto, è in grado di competere con il Museo del Prado e il Palazzo di Alhambro in termini di affluenza.

Oltre a questi oggetti, Gaudì si dedicò anche alla creazione di piccole forme architettoniche. Progettò la Porta Mirallas, le lanterne della Piazza Reale e molto altro. Progettò anche le scuole del Monastero di Santa Teresa e la Sagrada Familia.

Il contributo dell’architetto all’immagine di Barcellona è così grande che si può dire che nella persona di Gaudì la Spagna ha acquisito una grandezza creativa di portata mondiale, una sorta di talismano.

Consigli dei viaggiatori esperti

Barcellona è una città davvero favolosa e molto «gustosa». Qui i viaggiatori non si annoieranno di certo e non resteranno affamati, perché ci sono ristoranti, caffè e taverne a ogni angolo.

I viaggiatori più esperti consigliano di dare un’occhiata ai piccoli locali di strada, poiché più opzioni vengono fornite agli ospiti — ad esempio, tovaglie bianche inamidate o flutes di cristallo — più costoso sarà il pranzo/cena. Di norma, pochi turisti sono disposti a pagare l’80% del costo solo per l’entourage.

Fate attenzione! Se volete mangiare un boccone veloce e molto economico, le catene di fast food (ad esempio McDonald’s) vi aiuteranno.

E un altro punto importante: quando non avete voglia o forza di camminare molto, e volete vedere di più, potete acquistare i biglietti per gli autobus turistici notturni, i cui percorsi sono pianificati appositamente tenendo conto della posizione dei luoghi più belli e iconici della città.

Barcellona, Plaça Espanya

Importante: i biglietti sono validi tutto il giorno, quindi è molto comodo scendere in qualsiasi punto della città e continuare il viaggio con l’autobus successivo. Presso gli uffici delle agenzie di viaggio è possibile ritirare una mappa che mostra la traiettoria degli autobus su diversi percorsi.

Quando salgono a bordo dell’Open Bus, i turisti ricevono delle cuffie: il viaggio è accompagnato da una narrazione in diverse lingue, tra cui il russo, basta selezionare quella desiderata nel menu dell’apparecchiatura.

Tenendo conto di queste insignificanti sfumature, potrete rendere la vostra vacanza più ricca e confortevole, e trasformare i vostri ricordi in un vero e proprio diario della memoria: Barcellona ne vale davvero la pena!

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]