Gli aeroporti più pericolosi del mondo

Алан-э-Дейл       03.04.2024 г.

Molti viaggiatori sono interessati a conoscere i luoghi più pericolosi e suggestivi del mondo. Gli aeroporti non fanno eccezione. L’incontro con alcuni provoca una tempesta di emozioni positive, con altri — incredibili sensazioni di orrore, ma le impressioni derivanti dalla conoscenza con tutti rimarranno indimenticabili.

Aeroporti pericolosi del mondo

Gli aeroporti pericolosi del mondo

Gli aeroporti più pericolosi del mondo — Top 10

La top ten degli aeroporti più pericolosi comprende sia piccoli aeroporti che servono solo voli charter e commerciali sia enormi hub dell’aviazione internazionale.

Juancho E. Yrausquin

I passeggeri che arrivano all’aeroporto dell’isola olandese di Saba lo trovano un luogo piuttosto estremo. La sua pista lunga 400 metri è bagnata su tre lati dalle acque dell’oceano. Non ci sono zone di sicurezza. L’isola è visitata da elicotteri e piccoli aerei gestiti da piloti di alto livello.

La proposta di un porto aereo sull’isola fu avanzata da Remy de Haene nel 1946. Dopo una lunga costruzione, ha ricevuto le prime navi nel 1963. Gli effetti devastanti dell’uragano Georges nel 1998 hanno distrutto il terminal, la cui ricostruzione è stata completata nel 2002.

Importante: secondo gli specialisti dell’ICAO, è uno degli aeroporti più pericolosi del mondo, nonostante non si sia verificato un solo incidente durante l’intero periodo di attività.

A causa delle condizioni geografiche e del rilievo (coste ripide e inespugnabili), sull’isola non ci sono baie per l’attracco delle navi. Pertanto, non esiste un’alternativa sicura per il trasporto aereo.

Kansai

È un aeroporto giapponese, per la cui costruzione è stata appositamente creata un’isola artificiale nelle acque del mare. Il motivo della costruzione è la più alta densità di aree urbane.

Aeroporto di Kansai

È diventato operativo nel settembre 1994. Le difficoltà sono iniziate quando l’isola si è insediata nella baia. Con il tempo, questo processo è rallentato. Qui vengono accettati voli nazionali e internazionali. Durante l’atterraggio i passeggeri hanno spesso la sensazione che il pilota sbagli e che la nave finisca in mare.

Oltre a questo porto, i turisti possono usufruire dell’aeroporto internazionale Narita di Tokyo.

Qamdo Bamda

Un aeroporto situato sugli altopiani del Tibet. La distanza dal livello del mare è di 4,2 chilometri, il che rende il decollo e l’atterraggio piuttosto rischiosi. La pista è lunga 3500 metri. Si tratta di una distanza sufficiente per atterrare in condizioni normali, ma per gli altopiani di Kambo Bamda, dove prevale l’aria rarefatta, è appena sufficiente per frenare l’aereo. Il porto aereo è in funzione dal 1994.

Attenzione: il terminal dell’aeroporto in montagna accetta piccoli aerei. Il numero di passeggeri a bordo è limitato.

Poiché il Tibet di alta montagna si caratterizza per la sua inespugnabilità, non c’è alternativa a Qamdo Bamda.

Pista di ghiaccio

Una delle piste più pericolose tra i ghiacci dell’Antartide a causa delle condizioni climatiche estreme della terraferma. Su queste lunghe strisce di neve e ghiaccio atterrano gli aerei di linea che trasportano rifornimenti e i membri del team di ricerca della Stazione McMurdo. La prima volta che un aereo di linea dell’aeronautica statunitense, utilizzando dispositivi di visione notturna, è atterrato sulla superficie ghiacciata dell’Antartide è stato nel 2008. Fino ad allora, il trasporto aereo veniva utilizzato solo in situazioni di emergenza, illuminando la pista con l’aiuto di barili di carburante.

 Aeroporto della Pista di Ghiaccio

Pista di ghiaccio Aeroporto

Lo spazio è ampio e l’atterraggio dei velivoli giganti è relativamente facile. La situazione diventa più complicata quando il ghiaccio si rompe o un aereo rimane bloccato nella neve soffice sotto il suo stesso peso.

Alla fine di ottobre del 1960, un aereo Lockheed si è schiantato durante un atterraggio. La maggior parte dei membri dell’equipaggio riportò ferite lievi, solo due furono feriti gravemente.

Quando inizia lo scioglimento della neve, le funzioni di manutenzione della stazione passano a Williams Field e Pegasus Field.

Gustaf III

L’aeroporto Gustaf III si trova su una delle Antille (St Barth) nel Mar dei Caraibi. È in funzione dal 1984 e accetta solo charter e aerei commerciali.

La pista di decollo e di atterraggio, il cui inizio si trova ai piedi della collina e la fine vicino alla spiaggia, è di breve lunghezza. Gli aerei volano proprio sopra i turisti e sulla spiaggia ci sono persino dei cartelli che indicano di non utilizzare l’area adiacente alla pista.

È qui che nel 2009 si è schiantato un aereo di linea. Il fatto è stato ripreso da una telecamera e pubblicato su YouTube.

Aeroporto Principessa Giuliana

Situato sull’isola di St Martin, nei Caraibi orientali. Entrato in funzione nel 1943, è oggi uno dei porti aerei più trafficati al mondo. Nel 2017 è stato gravemente danneggiato dall’uragano Irma.

Aeroporto Principessa Giuliana

Aeroporto Principessa Giuliana

Per l’atterraggio e il decollo viene utilizzata una pista di 2.180 metri. Per gli aerei di linea di grandi dimensioni, questa distanza è appena sufficiente. L’atterraggio inizia proprio sopra la zona di Maho Beach.

Per vostra informazione! Nonostante le condizioni difficili, non sono stati registrati incidenti in questo aeroporto.

Courchevel

L’aeroporto della località sciistica francese di Courchevel gode di una cattiva reputazione nella comunità aeronautica, a causa della breve lunghezza della pista, solo 525 metri. È l’aeroporto più difficile al mondo per gli atterraggi. Per impostare la giusta velocità, gli aerei decollano e atterrano su un pendio. Qui vengono accolti i passeggeri di voli charter, jet privati, elicotteri, che sono controllati da piloti con una formazione speciale.

Aeroporto di Courchevel

È possibile raggiungere Courchevel anche dagli aeroporti di Parigi, Ginevra, Monaco, Nizza e Chambery.

Congonhas

È il porto aereo della città brasiliana di San Paolo, costruito proprio nel suo centro. È uno degli aeroporti più estremi del mondo. Iniziato nel 1936, l’aeroporto ha accolto per lungo tempo voli internazionali, mentre oggi è destinato solo al traffico nazionale.

A Congonhas si sono verificati diversi piccoli incidenti e due grandi disastri. La causa dell’incidente del 1996 fu un malfunzionamento tecnico, mentre nel 2007 199 persone morirono per colpa del pilota.

Aeroporto di Sochi

È uno dei porti aerei più pericolosi della Russia. Il motivo è la sua posizione vicino al mare. La costruzione è iniziata già nel 1941. Ma solo nel 1956 è stato eretto il terminal dell’aeroporto ed è stata costruita la prima pista. Grazie alla modernizzazione effettuata nel 2014, è diventato internazionale.

Aeroporto di Sochi

Importante: a causa della vicinanza al mare e alle montagne, i membri dell’equipaggio in cabina di pilotaggio devono essere estremamente attenti durante il volo.

L’aeroporto più vicino si trova ad Adler.

Agatti

Questo è uno degli aeroporti più spaventosi del mondo, situato sull’isola indiana di Lakshadville. Le impressioni al decollo e all’atterraggio sono semplicemente terribili, perché c’è sempre il pensiero di cosa succederà se lo spazio di frenata è breve, il volo va male. I primi aeroplani sono stati accolti qui nel 1988. La brevità delle piste di decollo e atterraggio rappresenta un pericolo particolare e più volte è stato suggerito di ampliarle. Ma finora i voli sono stati effettuati con la stessa modalità. Non ci sono alternative all’hub aereo in questa regione.

Ci sono molti aeroporti pericolosi sulla mappa del mondo, ma non dimenticate che l’aereo di linea è gestito da membri dell’equipaggio esperti che risolveranno i compiti più difficili indipendentemente dalle condizioni meteorologiche e geografiche.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]