I luoghi più misteriosi e pericolosi della Russia

Алан-э-Дейл       05.04.2024 г.

Ci sono persone che non credono nelle cose mistiche. Pensano che ogni caso o luogo abbia una spiegazione logica e possono dubitare della veridicità delle informazioni riportate nell’articolo. Le misteriose sparizioni di persone e le morti in luoghi mistici, che si trovano in Russia, fanno scorrere il sangue e la loro vista può davvero spaventare. Nell’area di Krasnoyarsk c’è un sito chiamato Cimitero del Diavolo.

Vi si trovano circa 75 persone uccise negli anni Trenta. Nella zona di Krasnojarsk, su una piccola montagna, c’è una radura mistica con un buco al centro. Come dicono gli scienziati, è apparsa nel 1908. Esistono diverse versioni secondo le quali l’apparizione del luogo è legata alla caduta del meteorite Tunguska, e il buco al centro è uno sfiatatoio del vulcano, rotto dalla caduta.

Gli abitanti del luogo hanno chiamato questo orribile spazio il Cimitero del Diavolo. L’accesso al sito è fatale per gli uomini e gli animali. Mandrie di mucche che volevano mangiare nella radura d’erba sono state uccise. Dopo la fine della guerra, tutti i residenti sono stati trasferiti dai luoghi pericolosi. Dalle parole dei residenti abbiamo appreso che molte persone sono morte nella radura o non lontano da essa.

Negli anni ’80, gli scienziati si occuparono di un’area così insolita e iniziarono a cercare questo cimitero. Diverse spedizioni sono state inviate lì e sono state date per disperse. Così come le altre 75 persone. Nel ’91 viene ritrovata la radura. Fu organizzata una spedizione per studiarla. Sono stati scritti articoli su questo luogo, sono state scattate fotografie ed è stato girato un film con lo stesso nome.

Chi vuole arrivarci deve sapere che non è necessario fare una sosta più vicina di 1 km alla radura. È meglio accamparsi presso il fiume Deshemba. È anche possibile fare rafting, ma è meglio farlo nel periodo di maggio e fino a giugno. La spedizione è consentita solo a persone esperte, poiché la radura è molto difficile.

Nella regione di Sverdlovsk esiste una montagna di morti. Nel 59 un gruppo di scienziati si recò in spedizione sulla Montagna dei Morti sotto il comando di Igor Dyatlov. Iniziarono a scalare la montagna il 1° febbraio. Non avendo raggiunto la cima, gli scienziati decisero di fare una pausa. Non è chiaro cosa abbiano visto, ma li ha costretti a tagliare la tenda dall’interno e a uscire al freddo quasi nudi.

Non c’erano passanti vicino a loro e non c’erano segni di lotta. Tutti gli scienziati presentavano terribili mutilazioni, non c’era la lingua, la pelle era diventata di colore viola e arancione, come nemmeno i morti. Per ordine delle autorità, tutte le informazioni sul caso Dyatlov erano segrete. Non furono gli unici a morire lì. C’era chi non era tornato a casa dopo aver scalato questa montagna.

Sono stati pubblicati molti articoli su questo argomento, in cui gli scienziati hanno avanzato versioni sul perché ciò sia accaduto. All’epoca, gli scienziati di Vladivostok fecero degli studi ufologici. Ora questa montagna non è molto popolare tra i turisti, ma non si osservano cose mistiche su di essa ed è sicura per le scalate.

Vicino a Volgograd c’è un luogo chiamato «Tana di Chertovo». Nella regione di Volgograd, sul crinale chiamato Medvetskaya, c’è un luogo chiamato «Tana del Diavolo». Secondo i dati accertati, in questo luogo avviene la combustione spontanea delle persone. Vi sono stati rinvenuti i cadaveri di un pastore locale, Yuri, nel 90, e di un mietitore, Ivan.

Tuttavia, è stato definitivamente accertato che Ivan è morto per salvare una mietitrebbia e un campo di grano da un incendio improvviso. Nel caso del pastore, è confermato che la sua morte è stata causata dall’incendio del fieno.

Tuttavia, questo spazio non è buono, nonostante il fatto che il viaggio non abbia rivelato quasi nessuna anomalia. È sicuro per viaggiare. Ma vale la pena di riflettere e di non viaggiare dove non si dovrebbe.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]