Isola Vasilievskij — San Pietroburgo

Алан-э-Дейл       02.04.2024 г.

Per conoscere la «capitale culturale» della Russia, è impossibile non fare un giro sull’Isola Vasilyevsky a San Pietroburgo, dove ci sono così tante attrazioni che a volte viene chiamata «San Pietroburgo in una piazza». E questo nonostante Pietro il Grande non sia riuscito a trasformare la più grande isola del delta della Neva in una Venezia russa.

Storia dello sviluppo dell’isola Vasilevskij

La storia dell’isola Vasilevskij risale al XVIII secolo, quando Pietro il Grande la regalò a A. D. Menshikov. Egli vi costruì anche un palazzo, il cui aspetto originale si è conservato fino ad oggi. Nel 1732 fu affidato al Primo Corpo dei Cadetti. Dal 1981 qui si trovano la filiale dell’Hermitage e l’esposizione dell’epoca di Pietro il Grande.

È importante! L’isola di Vasilyevsky iniziò a essere costruita attivamente quando Pietro il Grande voleva costruire qualcosa di simile alle città europee.

Nel 1720, l’architetto Trezzini presentò un progetto con strade parallele e canali, nello spirito di Venezia. L’idea fu adottata, ma senza canali, e le strade furono rinominate in linee.

Nel 1810 fu costruita l’isola Strelka Vasilievsky nella parte orientale. Poco dopo fu spostato il porto. Fu predisposto un posto per un cimitero. Fu eretto il ponte Blagoveshchensky. Furono aperte istituzioni educative e scientifiche. Si iniziò a costruire attivamente edifici residenziali e pubblici. Le imprese industriali iniziarono a lavorare nel nord e nel sud dell’isola. Fu posata la prima linea di tram.

Nel 20°-21° secolo, dalla fusione con la vicina Isola dei Decembristi, nacque il quartiere Vasileostrovskij. Viene effettuata la ricostruzione della Prospekt Bolshoy. Vennero create delle autostrade. Furono costruite attivamente le seguenti aree: l’area del porto, l’area del lato occidentale, che rappresenta la facciata marittima di San Pietroburgo. Alla foce del fiume Smolenka, dopo la costruzione del Ponte dei costruttori navali, era prevista la costruzione di un parco chiamato «Finestra sull’Europa», ma il progetto dovette essere cancellato a causa della ricostruzione.

Una nota a margine! Nel XXI secolo è stato costruito il percorso ZSD (West High Speed Diameter) attraverso l’isola Vasilievsky per collegare le coste del Golfo di Finlandia. Sono in corso i preparativi per la costruzione del porto passeggeri marittimo per accogliere le grandi navi di linea provenienti dalla regione del Baltico.

Attrazioni dell’isola di Vasilievsky

A differenza degli abitanti del luogo che guardano sotto i piedi, i visitatori della città hanno sempre la testa rivolta verso l’alto. Non c’è da stupirsi, perché ogni casa sull’Isola Vasilievskij ha la sua storia, o anche più di una.

Il luogo più bello è giustamente considerato la strada pedonale della 6ª-7ª linea. Lungo la strada ci sono case dello stesso tipo di quelle di 100 anni fa. Un musicista di strada suona tranquillamente una melodia.

Dopo aver percorso la linea 6-7, si può continuare la passeggiata lungo il Grande Viale dell’Isola Vasilievsky, dove un tempo il conte Menshikov si recava in auto alla sua tenuta.

I credenti saranno interessati a:

  • Cattedrale di Sant’Andrea.
  • Chiesa dell’Icona Amorevole della Madre di Dio.
  • Chiesa di Santa Caterina, che fa parte della leggenda secondo cui quando i 3 angeli prenderanno posto, per San Pietroburgo arriverà un'»Era d’oro»: una d’oro sulla Fortezza di Pietro e Paolo, una di bronzo sulla Fortezza Dvortsovaya e una d’argento sulla Chiesa di Santa Caterina.

Per i più curiosi, sull’isola Vasilievsky sono presenti targhe commemorative di edifici residenziali e pubblici. Per esempio, la casa n. 6, dove viveva Tanya Savicheva, il cui diario ha raccontato al mondo la gravità della Grande Guerra Patriottica.

Una nota a margine! Per gli amanti dell’arte, vale la pena di visitare il più grande museo di arte moderna della Russia — Erarta. Sullo sfondo delle esposizioni, qui si svolgono costantemente spettacoli, concerti e film di ogni tipo.

Sulla Prospettiva di Mezzo dell’Isola Vasilyevsky si trovano la Chiesa luterana di San Michele, costruita nel 1732, il Museo geologico di Nicola II e il Museo del trasporto elettrico urbano.

Su Maly si trovano la Chiesa dell’Annunciazione e il Cimitero ortodosso di Smolensk, che ha ancora un valore storico e artistico.

Terrapieni

Vale la pena iniziare la descrizione con la Strelka dell’Isola Vasilyevsky. Di giorno qui si può ammirare il panorama della Fortezza di Pietro e Paolo, della Cattedrale di Sant’Isacco, dell’Ermitage, del Palazzo d’Inverno e dell’Ammiragliato. E di notte si può assistere all’indimenticabile spettacolo dei ponti che vengono tirati su.

La Vasilyevskaya Strelka divide la Neva in braccio grande e braccio piccolo, il che è già di per sé bellissimo. Ma non è tutto: è ricca di: ponte del palazzo e della borsa, colonne rostrate e un segno commemorativo per il Tercentenario della città.

Sul lato destro di via Strelka si trova l’Universitetskaya Embankment, che passa agevolmente nel Leitenant Schmidt Embankment. Oltre al Palazzo Menshikov, fino alla fine della strada, qui si trovano gli edifici simbolo della città: il Museo Zoologico, la Kunstkamera, l’Accademia delle Scienze, l’Accademia delle Arti, l’Istituto Minerario con il suo museo e altri ancora. La strada non è stretta, quindi non si può fare a meno di fare delle pause. Per esempio, ci si può sedere su una panchina all’ombra degli alberi del Giardino Rumyantsevsky sotto il rumore tranquillo della fontana.

Il molo con le sfingi di Tebe

Se siete fortunati, potete vedere la formazione dei cadetti dell’Istituto Navale, dove vengono assegnati alle unità militari della Marina.

E dovete assolutamente scendere al Museo del rompighiaccio Krasin, con la sua storia più che ricca.

A sinistra della Vasilievskaya Strelka si trova il Makarov Embankment, che sfocia nel fiume Smolenka, dove c’è anche qualcosa da vedere. Per gli appassionati di storia:

  • Istituto di cultura russa con annesso museo;
  • Museo-appartamento di A. I. Kuindzhi;
  • Museo interattivo della metropolitana di San Pietroburgo alla stazione Primorskaya.

Al centro si trova una scalinata a tre rampe con sculture di leoni reclinati, che serve a scendere verso il fiume. E aggirando il cimitero di Smolensk si può raggiungere a piedi la Stazione Marittima, dove lungo l’argine di Smolensk si trovano edifici staliniani, la cui tecnologia è così resistente che è impossibile piantare un chiodo.

Escursioni sull’isola Vasilyevsky

Per gli amanti delle attività ricreative organizzate, le agenzie di viaggio hanno provato e preparato escursioni per ogni gusto e colore. Il turismo qui è talmente sviluppato che è possibile vedere l’isola di Vasilyevsky dall’acqua, dalla terraferma e persino in elicottero.

La strada può essere tracciata lungo i luoghi «iconici» o, al contrario, immergersi nel mondo del misticismo o della roccia sotterranea di San Pietroburgo.

Escursione su una nave a motore

Importante: a differenza della terraferma di San Pietroburgo, sull’isola Vasilievsky c’è sempre vento, quindi è bene vestirsi più caldi.

Anche i bambini non si annoieranno, perché qui l’intrattenimento è assicurato. Oltre alle escursioni a piedi in forma ludica, sono rilevanti le visite indipendenti al Museo delle Marionette di San Pietroburgo e al Museo dell’Ottica per i bambini più grandi.

Esistono davvero molte varianti di escursioni. È anche possibile organizzare un tour in bicicletta.

Come raggiungere l’Isola Vasilyevsky

I turisti possono orientarsi in un territorio sconosciuto con l’aiuto delle mappe del territorio vicino installate in quasi tutte le fermate e contrassegnate dalla scritta «Sei qui». Anche chiedere aiuto ai passanti non è qualcosa di cui aver paura, così come perdersi grazie all’abbreviazione «Vaska Spb»: è solo un nome affettuoso con cui i locali hanno battezzato l’isola Vasilyevsky.

Il modo più veloce per raggiungere «Vaska» è prendere la stazione della metropolitana di San Pietroburgo.

Importante: la stazione della metropolitana «Vasileostrovskaya» si immette direttamente nella strada pedonale della linea 6-7. Da «Sportivnaya» è più facile raggiungere a piedi Strelka. Da «Primorskaya» è possibile raggiungere a piedi la riva del Golfo di Finlandia.

Gli automobilisti avranno qualche difficoltà in più. L’isola Vasilyevsky è sovraccarica di trasporti. Oggi ci sono solo 26 parcheggi ufficiali. Pertanto, quando si va a esplorare l’isola, è consigliabile pensare in anticipo al percorso e al luogo in cui lasciare l’auto. Meglio ancora, contattare il parcheggio e prenotare un posto libero, se disponibile.

Souvenir sull’isola di Vasilyevsky

Stanco dei numerosi musei, ogni turista prima o poi sarà interessato ad acquistare regali memorabili per parenti e amici. E anche voi stessi vorrete acquistare qualcosa che ricordi la perla della Capitale del Nord.

Quasi ogni quartiere dell’isola Vasilyevsky ha un negozio di souvenir con le famose statuette Matryoshka e i cappelli ushanka, regali esclusivi fatti a mano da creatori pietroburghesi e altro ancora.

Chi passeggia lungo la Prospettiva Bolshoi può visitare negozi come Babushka, Matryoshka, il negozio Erarta, che si trova presso l’omonimo Museo, nonché «Regali della Patria» e «Galleria d’Arte-Expo» sulla sponda del mestolo Galerny.

Sulla Prospettiva di Mezzo, oltre ai piccoli angoli del seminterrato, si trovano il Cubo Rosso, il Laboratorio di Ceramica e il negozio giapponese Okimono.

Chi ha la forza di raggiungere Maly Prospekt sarà sempre il benvenuto nel negozio di baguette Abris, nell’Impero dei coltelli e anche nei souvenir e nei regali dei popoli del Daghestan.

Dove mangiare sull’Isola Vasilyevsky

Nonostante i ristoratori pietroburghesi abbiano a lungo soprannominato l’isola il «Triangolo delle Bermuda», a causa del fallimento di più di un progetto interessante, oggi qui stanno aprendo nuovi e non meno ambiziosi luoghi di ristorazione per gli ospiti della capitale. Per esempio, il ristorante Big Qin, che è il più grande d’Europa, o il ristorante Erarta presso il Museo, con un menu più che interessante e in continua evoluzione.

Importante: oltre ai ristoranti, l’isola Vasilyevsky offre molti caffè, anticafé, mense e caffetterie. Ma non bisogna affidarsi alla fortuna, è meglio mangiare seguendo le raccomandazioni o almeno le recensioni su Internet.

Ebbene, il «McDonald’s» di fronte alla stazione della metropolitana «Vasileostrovskaya» non è stato cancellato.

I turisti e gli ospiti della città hanno apprezzato almeno una volta personalmente l’Isola Vasilevskij, che San Pietroburgo ricorderà per sempre. Le viste panoramiche qui sorprendono e scoraggiano anche i più esigenti. La cosa principale è riflettere sul percorso prima di recarsi sull’isola, fare scorta di una mappa per ogni evenienza e risolvere questioni quotidiane come il pernottamento e il deposito degli effetti personali. Sull’isola non ci sono vere e proprie celle, ma ci sono molti alberghi e appartamenti in affitto.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]