Le terrificanti baraccopoli del Brasile

Алан-э-Дейл       02.04.2024 г.

Al solo nominare il Brasile, molti pensano alle sabbie gialle di Capocabana, ai suoni incessanti della musica latina e, naturalmente, al carnevale annuale. Siamo abituati a vedere e immaginare la vivace vita di questo paese caldo. Ma anche in un angolo così gioioso e colorato del pianeta ci sono dei punti oscuri. Uno di questi è rappresentato dalle «favelas» di Rio de Janeiro.

Molti conoscono bene le baraccopoli di Mumbai, mostrate nel film «The Millionaire». Condizioni di vita orribili, che hanno abbassato la popolazione al livello del bestiame. È spaventoso. Ma questa è la realtà. È lo stesso quadro che si può trovare in una metropoli sviluppata come Rio.

Chi penserebbe che circa un terzo della popolazione della città vive al di sotto della soglia di povertà ed è costretto ad arrangiarsi in luoghi come questo. Le Favelas pullulano di persone che sono state abbandonate e dimenticate dalla società normale. Alcolisti, tossicodipendenti, ex-criminali, persone che conducono uno stile di vita criminale sono tutti abitanti di questi quartieri. Per Rio la favela non è un caso isolato, molti quartieri di questo tipo sono sparsi per la città. Nel corso del tempo, hanno anche iniziato a spostarsi e a lasciare comunità separate.

Attualmente, le favelas sono presentate nei circoli turistici come una delle caratteristiche della città brasiliana. Si cerca di presentare la cultura e la vita, le tendenze moderne e di svelare il pensiero degli abitanti di questi quartieri. Esistono alcune guide autorizzate dalle autorità locali. Sono loro a far conoscere ai turisti l’atmosfera locale. Ma, come dimostra l’esperienza, tutto questo viene fatto solo per profitto.

Alcune persone possono persino vedere la propria bellezza in questo luogo. I graffiti sui muri delle case locali, lo stile di vita e le regole interne della vita quotidiana, tutto questo può costituire «cultura», ma la maggior parte di ciò che accade lì è illegale. Per l’uomo comune è pericoloso trovarsi nel quartiere della favela a qualsiasi ora del giorno e della notte. Persino i poliziotti che pattugliano le strade del quartiere sono diffidenti nei confronti della gente del posto, e loro stessi spesso dicono che le leggi dello Stato non sono nulla e che la polizia non è altro che un essere umano, infastidendo ulteriormente i gangster locali.

Il fenomeno delle favelas è in atto a Rio da molto tempo. Una delle prime è stata la favela del Monte Providencia, apparsa nel 1897. La popolazione del quartiere era di circa ventimila persone. La maggior parte erano persone al di fuori della legge. Il nome di questi quartieri deriva dal nome della pianta che cresceva sulle montagne dove vivevano i fondatori.

La storia dell’origine delle favelas è piuttosto banale per l’epoca. Il periodo dell’industrializzazione attirava la popolazione rurale a lavorare nelle grandi città. La gente si precipitò nelle megalopoli a grandi flussi, sperando di trovare il proprio pezzo di vita felice. Ma, non riuscendo ad ambientarsi nella nuova vita, persero tutto e con il tempo caddero in basso, iniziando a bandire e a condurre uno stile di vita antisociale. Le Favelas cominciarono a essere chiamate tutte le aree svantaggiate della città.

Un’altra esplosione, la più potente, avvenne negli anni Settanta del XX secolo. Il governo cercò più volte di affrontare i problemi delle favelas, ma ormai era troppo tardi. La maggior parte di esse finì sotto il controllo delle bande.

Oggi, una delle favelas più grandi del Brasile conta circa settantamila persone e questa cifra cresce ogni anno. È impossibile dire con esattezza quante favelas ci siano nel Paese. Secondo stime approssimative, possono essere da seicento a mille. E questo è un altro fenomeno deludente del Brasile moderno.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]