Montagne in Turchia

Алан-э-Дейл       31.05.2024 г.

Le montagne in Turchia sono una creazione naturale unica, sono loro che rendono vario il paesaggio di questo Paese. I turisti possono non solo rilassarsi in spiaggia sotto il sole, ma anche visitare le migliori stazioni sciistiche, sciare e fare snowboard. Anche le montagne della Turchia sono varie, quindi spesso si fanno escursioni qui, e i turisti possono vedere paesaggi insoliti e piante stravaganti. Vale la pena di approfondire quali sono le montagne che vale la pena visitare in questo Paese.

Le montagne in Turchia

Le montagne del sud della Turchia sono popolari tra i turisti di tutto il mondo, ma la maggior parte delle vette si trova comunque sul lato orientale del Paese. Il punto più alto è considerato il vulcano Grande Ararat, con un’altezza di 5165 metri. Ma in questo luogo di villeggiatura ci sono diversi picchi montuosi, per cui vale la pena di raccontarli in modo più dettagliato.

A nord-ovest si trovano le catene dell’Uludag, che hanno un’altezza di 2543 metri; la montagna è chiamata Piccolo Olimpo. Il punto più alto del Tauro centrale è il monte Demirkazak, con un’altezza di 3726 metri. Sul lato orientale si trova il monte Djilo, con un’altezza di 4168 metri, mentre a ovest si trova il Beydaglar, con un’altezza di 3083 metri. Il punto più alto dei Monti Pontici è Kachkar, con un’altezza di 3931 metri.

Lo svantaggio della maggior parte di queste vette è che non si trovano in zone turistiche. Tuttavia, i turisti possono visitare il Monte Tahtali, la cui altezza sul livello del mare non è eccessiva, essendo di soli 2365 metri. Questa cima si trova vicino alla località balneare di Kemer.

Vale la pena ricordare anche il Monte Chimera in Turchia, una meraviglia naturale che si trova sulla montagna Yanartash. Sotto il suolo si accumula del gas che esce gradualmente e, quando entra in contatto con l’aria, si incendia. I turisti possono quindi osservare bellissime fiamme. Il Monte Chimera (Turchia) è molto popolare tra i turisti.

Monte Tahtali (Olympos) Turchia: descrizione ed escursioni

Il famoso monte Tahtali si trova vicino al centro turistico di Antalya ed è uno dei luoghi di villeggiatura più popolari. È possibile raggiungere questo luogo in auto, basta seguire l’indicazione tra Tekirova e Çamyuva. Olympos si trova a circa 50 chilometri da Antalya. Per raggiungere la funivia ci sono circa sette chilometri di buona pista. Sempre nelle città turistiche turche è possibile acquistare i biglietti per le escursioni per visitare il famoso Olympos.

Escursioni al Monte Chimera

Il Monte Olympos in Turchia è considerato il più alto di tutta la costa meridionale, la sua altezza è di 2365 metri. Si trova tra Finike e Antalya. Da novembre a giugno questo luogo è ricoperto da uno strato di neve e ghiaccio. Durante il periodo primaverile iniziano a soffiare venti dal Sahara che colorano la neve di arancione. Fino a un livello di 1800 metri, sul Tahtala crescono pini e cedri. Più avanti si vede solo un terreno roccioso e privo di vegetazione. La collina ha due cime principali, Tekedagy (2155 metri) e Dazkyr (2016 metri).

Leggenda del Monte Takhtaly

Ci sono molti riferimenti all’Olympos in varie leggende dell’antica Grecia, e il poeta narratore Omero scrisse della montagna in quel periodo. Nella sua opera si racconta che non lontano dall’Olimpo viveva Chimera. Si trattava di un mostro terribile, che aveva il busto di una capra e la testa di un leone; inoltre Chimera aveva la coda di un serpente. In seguito, il nome della località di Kemer è derivato dal nome di Chimera.

Secondo la leggenda, l’eroe Bellerofonte fu bandito in Licia, quindi uccise il terribile mostro e lo gettò all’interno della famosa montagna. Ma la Chimera non morì, rimase a vivere lì e ancora oggi sputa lingue di fuoco.

Interessante! Con questa leggenda, gli antichi cercavano di spiegare perché le fiamme erompessero regolarmente dal sottosuolo della montagna, particolarmente impressionanti di notte. Naturalmente, ben presto la scienza ha iniziato a svilupparsi e gli scienziati hanno dimostrato che la montagna accumula gas, che si raccoglie in superficie e si accende a contatto con l’aria.

Monte Tahtali (Turchia)

Catene montuose della Turchia

Nel paese di villeggiatura ci sono molte catene e massicci montuosi, di cui vale la pena parlare in modo più dettagliato. Alcune di esse sono adatte per le escursioni, altre sono pensate per lo snowboard:

Altipiani armeni

Se si guarda una mappa, si può vedere che il Monte Agri si erge tra la Turchia e l’Iran. È un vulcano da tempo inattivo, coperto di neve e ghiaccio tutto l’anno e alto 5137 metri. Se si legge l’Antico Testamento, si apprende che qui arrivò l’Arca di Noè quando si verificò il Grande Diluvio.

Se si considera l’area da sud-ovest, si può vedere il Piccolo Ararat, la cui altezza in questo luogo è di 3896 metri. Qui si trova anche l’altopiano di Serdarbulaklava, situato tra le due cime.

Scalare l’Ararat da soli non è una buona idea, è meglio rivolgersi a guide e accompagnatori turistici.

Toro (Djilo-Sat)

Questi massicci montuosi si trovano nella parte sud-orientale del Paese, nella provincia di Hakkari. Fanno parte di una catena montuosa chiamata Toro e situata sul lato orientale del Paese. Il Djilo-Sat costituisce la parte occidentale della catena montuosa dell’Himalaya. Il punto più alto è considerato il picco Uludoruk, con un’altezza di 4136 metri.

C’è anche un’altra cima, chiamata Çatalkaya, alta 3794 metri. L’intera superficie è ricoperta da ghiacciai, la cresta sembra quella delle Alpi. È qui che si trova il più grande ghiacciaio Izbyrak, la cui lunghezza è di ben cinque chilometri e la larghezza di circa seicento metri.

Come hanno dimostrato le ricerche, lo spessore del ghiaccio è di circa cento metri.

Cresta pontica

Anche questo è un parco nazionale, si trova nella parte nord-orientale del paese e si estende per almeno 70 chilometri da Kachkar al Mar Nero. Il punto più alto della catena è Kachkar, con un’altezza di 3932 metri. Ci sono anche diverse altre vette, come Altiparmak (3480 metri), Verdjenik (3710 metri) o Kavran (3932 metri). La parte settentrionale ha un clima particolare, grazie al quale solo in questo parco si possono osservare specie rare di piante e fiori. Circa 300 specie di piante sono presenti solo in Turchia e 160 di esse crescono esclusivamente sulle pendici del Kaçkar.

Anatolia

Questa catena non si distingue dalle altre, poiché non ci sono punti elevati e le montagne sono situate in piccoli massicci. Qui ci sono molti bacini privi di drenaggio. Qui i turisti possono visitare uno dei due laghi più grandi di tutto il Paese: il Lago di Van.

Un fatto interessante! È sull’altopiano anatolico che fu costruita la perla e capitale della Turchia, Ankara.

Le migliori stazioni sciistiche per i turisti

Come è noto, la Turchia è famosa per le sue colline e i suoi pendii, quindi il Paese è diventato più attivo nello sviluppo dello sci, e ai vacanzieri non dispiace praticare sport attivi e rilassarsi. Le migliori stazioni sciistiche sono le seguenti:

Uludag

I turisti vengono trasportati in cima agli impianti di risalita, e ce ne sono parecchi, quindi non dovrete aspettare a lungo. Le piste stesse sono ben attrezzate, non solo i professionisti sono ammessi qui, ma anche i principianti che desiderano sciare o fare snowboard. Qui è possibile scegliere il livello di difficoltà delle piste: ci sono piste per principianti e bambini, ma anche piste difficili, pensate per i professionisti. La lunghezza totale di tutte le piste è di circa sedici chilometri. È meglio venire qui da dicembre a marzo.

Palandoken

Questa stazione sciistica si trova nella provincia di Erzurum, nella parte orientale dell’Anatolia. A giudicare dalle recensioni di esperti e vacanzieri, è una delle migliori stazioni sciistiche della Turchia. Palandoken è più popolare tra gli sciatori esperti e gli snowboarder professionisti, poiché la lunghezza delle piste è di circa dodici chilometri e la ripidità delle piste è abbastanza difficile per i principianti.

Questa località è relativamente nuova, ma è già molto popolare. Ci sono hotel non lontani dalla funivia, anche se i prezzi sono molto alti. È meglio trascorrere una vacanza a Palandoken da dicembre a inizio maggio.

Sarykamysh

Altra stazione sciistica spesso visitata dai turisti, si trova a 55 chilometri dalla città di Kars. Questa collina si trova a un’altitudine di 2500 metri. Sul territorio ci sono molti alberghi, ristoranti, caffè e club. Qui si trovano anche piccoli chalet, in cui è comodo sistemarsi con tutta la famiglia. A tre chilometri dalla montagna si trovano dei cottage, anch’essi molto apprezzati dai vacanzieri.

Kartalkaya

Una popolare stazione invernale situata a quaranta chilometri dalla città di Bolu, in Turchia. Molti snowboarder e professionisti dello sci scelgono questo luogo per le loro vacanze. Qui ogni visitatore può trovare una pista di complessità adeguata, il resort ha 12 piste in totale. Si consiglia di visitare la località da dicembre a fine marzo.

Interessante! Kartalkaya si trova vicino a Istanbul e Ankara, quindi è visitata dai locali.

La Turchia è un paese davvero bello dove è possibile divertirsi. Per gli amanti dello sport sono presenti stazioni sciistiche, mentre altri visitatori possono semplicemente godersi la vista delle montagne durante un’escursione.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]