Monumento a Pietro il Grande nella Fortezza di Pietro e Paolo

Алан-э-Дейл       03.04.2024 г.

Il monumento a Pietro I, situato nel quartiere Pietro e Paolo di San Pietroburgo, è considerato una delle attrazioni più famose della città. La scultura raffigura l’imperatore seduto su una poltrona. Le mani del monarca poggiano sui braccioli e il monumento stesso si erge a più di due metri dal suolo su un piedistallo di granito grigio.

Storia della scultura

La figura monumentale di Pietro è un dono a San Pietroburgo dell’architetto Mikhail Shemyakin. Lo stesso scultore ammette in un’intervista che è stato Vladimir Vysotsky a dargli l’idea di creare il monumento: la personalità del monarca aveva già attratto Shemyakin in passato, e lui aveva disegnato Pietro molte volte. Alla proposta dell’attore di realizzare una scultura del sovrano, l’architetto ammise che i monumenti ai grandi personaggi non gli riuscivano bene: a suo parere, le sculture dei sovrani risultavano troppo pathos e pompose.

Dopo la morte di Vysotsky, Shemyakin decise comunque di lavorare alla creazione di un monumento in memoria del famoso musicista e attore. Inizialmente, la scultura fu creata a grandezza naturale. Per rappresentare accuratamente il volto di Pietro, l’artista utilizzò la maschera dell’imperatore in vita e la «Persona di cera» realizzata da B. K. Rastrelli nel XVIII secolo. K. Rastrelli nel XVIII secolo: il volto di Pietro fu realizzato da lui quando il monarca era ancora in vita, mentre le misure esatte del corpo furono prese solo dopo la sua morte.

Al termine del lavoro, Shemyakin si rese conto che da una distanza di pochi metri Pietro non dava l’impressione di un uomo alto. In seguito furono apportate modifiche all’immagine complessiva del monumento e la figura divenne sproporzionata.

Monumento a Pietro il Grande nella Fortezza di Pietro e Paolo

Н. P. Likhachev, in visita all’architetto, fu uno dei primi a vedere la scultura in plastilina. Lo storico disse con sicurezza a Shemyakin che la Russia avrebbe dovuto vedere il monumento. La dichiarazione dello scienziato divertì lo scultore, ma due anni dopo il monumento fu installato a Leningrado.

Per molto tempo la questione della collocazione del monumento è rimasta dibattuta: l’Unione degli Architetti e l’Unione degli Artisti hanno proposto di installare la scultura all’Ermitage, l’Unione degli Artisti ha proposto di installare il monumento a Kupchin.

Attenzione! La proposta di collocare il monumento in un’area libera di fronte al nuovo negozio di alimentari fece arrabbiare particolarmente Shemyakin, che minacciò di rimuovere il monumento da San Pietroburgo se si fosse deciso di collocarlo lì.

Su iniziativa di Anatoly Sobchak, primo sindaco di San Pietroburgo, il monumento occupò un sito a Petropavlovka, in piazza Plasovaya, dove in passato erano state praticate torture.

Il monumento a Pietro il Grande nella Fortezza di Pietro e Paolo è stato eretto nel 1991, il 7 giugno. A causa del suo aspetto molto insolito, è stato valutato in modo ambiguo. Autorevoli studiosi come N.P. Likhachev e famosi architetti come Ernst Neizvestny hanno parlato con favore della creazione di Shemyakin. I residenti della città, al contrario, si sono indignati per la scultura. Per qualche tempo è stato necessario mettere delle guardie intorno al monumento per evitare atti di vandalismo.

Alcuni abitanti della città non riescono ancora ad abituarsi a un’immagine così eccentrica del monarca russo. È stata avanzata l’idea di spostare il monumento al di fuori dei confini della città o al Palazzo d’Inverno, ma per il momento il monumento rimane al suo posto.

Monumento a Pietro il Grande nella Fortezza di Pietro e Paolo

Autore della scultura

Mikhail Mikhailovich Shemyakin, l’autore del Monumento a Pietro il Grande, è nato a Mosca nel 1943. Dal 1945 ha vissuto con i genitori nella DDR e, dopo il ritorno in patria nel 1957, è stato ammesso alla Scuola d’Arte Secondaria dell’Accademia di Pittura. L’artista e architetto non ha completato gli studi: nel 1961 è stato espulso.

Lo scultore si cimentò senza successo in diverse professioni di lavoro semplice. In seguito — si sottopose a un trattamento obbligatorio in un ospedale psichiatrico.

Nota bene: Shemyakin fu espulso dalla scuola d’arte per una visione artistica fuori standard e per aver «corrotto» i compagni.

Nel 1971, Mikhail Shemyakin fu espulso dall’URSS. Lui stesso ricorda con indignazione che non gli fu permesso nemmeno di salutare i suoi parenti. Lo scultore ha ottenuto il permesso di tornare in patria solo nel 1989, e prima di allora ha lavorato in Francia e negli Stati Uniti.

Lo scultore possiede un appartamento sulla Fontanka regalatogli da Vladimir Putin, ma, a detta dello stesso Sheyakin, non ama lavorare «in patria»: i problemi burocratici legati alla creazione di una scultura a San Pietroburgo o alla sua importazione nella capitale culturale rendono difficile il lavoro. L’autore del monumento a Pietro il Grande preferisce lavorare in Siberia.

La statua raffigurante Pietro il Grande è la prima, ma non l’unica opera di Shemyakin a San Pietroburgo. Nel 1995 sono stati inaugurati i monumenti dedicati agli architetti che hanno progettato San Pietroburgo e alle vittime della repressione politica.

Mikhail Shemyakin è ora cittadino statunitense, ma è ancora considerato un artista russo. È Artista del Popolo di Kabardino-Balkaria e Adygea e membro d’onore di molte istituzioni.

Ora l’architetto e scultore non lotta più con le autorità sovietiche, ma con i funzionari moderni per la conservazione dell’immagine storica della città. Shemyakin è molto indignato per le aggiunte che gli architetti moderni fanno all’immagine complessiva della città. L’artista definisce addirittura vandalismo le sovrastrutture che sovrastano parti storiche delle case di San Pietroburgo.

Mikhail Shemyakin al lavoro

Caratteristiche del monumento

Si è già detto che il monumento a Pietro il Grande non fu accolto favorevolmente dai cittadini di San Pietroburgo. Il motivo principale delle accese dispute intorno a questa scultura era la sua sproporzione: la testa della scultura è realizzata a grandezza naturale, mentre il busto è stato ingrandito da Shemyakin di 1,5 volte, il che rende il monumento poco familiare.

Tra le persone che non conoscono bene la storia c’è l’idea errata che il monumento sia l’unica immagine plausibile di Pietro il Grande. Questa opinione nasce da un fatto ben noto: il sovrano era caratterizzato da un’elevata crescita.

Lo scultore stesso spiega la sua decisione creativa con il fatto che voleva che l’imperatore assomigliasse alle immagini degli apostoli della Chiesa, poiché la testa piccola e il corpo lungo dei santi simboleggiano la grandezza del loro spirito.

L’interessante immagine di Pietro I riflette la sua natura complessa e sfaccettata. L’insolita raffigurazione del primo imperatore russo era il modo di Shemyakin di mostrare che anche la storia dello Stato governato da Pietro è molto ambigua e contraddittoria come l’aspetto del monumento.

Le dita del monumento stringono con tensione il bracciolo

Il valore culturale del monumento risiede anche nel fatto che si tratta della prima rappresentazione non ufficiale del sovrano che «ha aperto una finestra sull’Europa». L’obiettivo dello scultore era quello di trasmettere non l’aspetto ma il carattere dell’imperatore, di dargli caratteristiche di vitalità, psicologia e di rendere l’immagine metafisica.

La forza del carattere di Pietro il Grande è evidenziata dalle sue lunghe dita simili ad artigli. Il sovrano afferra i braccioli della sedia con grande tensione. Con questo dettaglio lo scultore ha voluto attirare l’attenzione sulla forza di volontà di Pietro e allo stesso tempo sulla sua delicata organizzazione mentale.

Attenzione! La profonda venerazione che l’autore del monumento provava per Pietro il Grande si riflette nelle parole scolpite sul lato.

Il monumento è relativamente giovane, ma attorno ad esso si sono già formate diverse leggende. I cittadini e i turisti esprimono desideri strofinando le dita di Pietro il Grande e, a giudicare da quanto brilla la mano di bronzo lucidato, questa leggenda è popolare.

Ci sono anche altri presagi: strofinando la mano destra del monumento si può attirare denaro dalla propria parte, toccando la sinistra — per ottenere la spiritualizzazione. Le ragazze si siedono spesso sulle ginocchia di Pietro, poiché la leggenda vuole che questa azione aiuti a perdere indolore l’innocenza durante la prima notte di nozze. I novelli sposi depongono fiori sul monumento dell’autocrate della Russia, affinché il loro matrimonio sia forte e la comprensione reciproca regni nella famiglia.

Oggi il monumento è parte integrante del paesaggio cittadino e una delle attrazioni più famose. Le numerose leggende ad esso associate dimostrano che gli abitanti della città non solo si sono abituati alla creazione anticonvenzionale di Shemyakin, ma se ne sono anche innamorati.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]