Palazzo d’Inverno

Алан-э-Дейл       02.06.2024 г.

Il Palazzo d’Inverno è un monumento architettonico unico, realizzato nel XVIII secolo. Nonostante la sua posizione pittoresca sull’argine del fiume Neva, non è un’attrazione molto pubblicizzata. La Residenza d’Inverno non è sopravvissuta fino ad oggi nella sua forma originale, ma è stata restaurata da architetti sovietici.

Informazioni generali

La residenza ufficiale della famiglia reale si trovava sul territorio oggi occupato dal Teatro dell’Ermitage. La parte superstite del palazzo ospita oggi un’esposizione commemorativa dedicata a Pietro il Grande e all’epoca del suo regno. È da notare che in alcune stanze è stato addirittura ricreato l’arredamento di quegli anni e le cose sono rimaste negli stessi posti in cui si trovavano quando la famiglia reale viveva nelle camere. Il pezzo forte della mostra è la Persona di cera, un ritratto scultoreo postumo di Pietro il Grande.

Il Palazzo d’Inverno è un po’ più lontano e permette ai turisti di farsi un’idea il più possibile completa di come viveva la famiglia reale, da Pietro il Grande a Nicola II.

Chi era alle origini

Il Palazzo d’Inverno è considerato uno dei monumenti più suggestivi realizzati in stile barocco. Fu l’imperatrice Elisabetta Petrovna a commissionare questo capolavoro. Cresciuta nel lusso, non voleva vivere nel «modesto» palazzo del suo predecessore, Anna Ioannovna.

Vista dalla Piazza del Palazzo

Francesco Bartolomeo Rastrelli, architetto di corte di origine italiana, fu incaricato di ricostruire il piccolo palazzo esistente. I lavori durarono dal 1754 al 1762. Il risultato degli sforzi dello specialista fu la combinazione di una struttura di scuola architettonica classica e di un gran numero di elementi decorativi. L’architetto cercò di rendere gli elementi in stucco come se fossero in dinamica e in corsa verso l’alto. Lo stesso movimento è ripreso dai numerosi vasi e statue collocati all’esterno e all’interno. L’alta qualità degli elementi ha permesso alla maggior parte di essi di sopravvivere fino ad oggi.

Il Palazzo d’Inverno (San Pietroburgo) insieme alla Piazza del Palazzo creano una splendida composizione, che fa parte del patrimonio architettonico mondiale e del sito protetto dall’UNESCO.

Dove si trova il Palazzo d’Inverno

L’indirizzo del Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo è Piazza del Palazzo 2. È possibile raggiungerlo in metropolitana, scendendo alla stazione Admiralteyskaya. Una volta usciti dal passaggio sotterraneo, è necessario camminare per circa 100 metri in direzione nord. Sul lato ovest del monumento architettonico si trova la fermata dell’autobus «Palace Embankment». La tariffa varia da 25 a 50 rubli, a seconda del numero della linea e della lunghezza del viaggio.

Il Palazzo d’Inverno nei secoli passati

Chiunque può partecipare al tour, il palazzo dispone anche di ascensori e montacarichi speciali per le persone in sedia a rotelle. L’ingresso al museo avviene solo attraverso il tornello principale.

Storia del Palazzo d’Inverno

Nel suo desiderio di superare i lussuosi palazzi europei, Elisabetta Petrovna era molto esigente nel valutare tutte le proposte di decorazione. Tuttavia, nel 1754 il progetto fu finalmente approvato. Nel corso dei lavori furono apportati piccoli aggiustamenti per allontanarsi dalle solite forme rigorose e rendere la struttura visivamente più leggera e ariosa.

Per una crudele ironia del destino, l’imperatrice Elisabetta Petrovna non era destinata a vivere nel nuovo palazzo: morì molto prima che i lavori fossero completati. Il primo proprietario delle nuove stanze fu Pietro III, che si trasferì nell’edificio incompiuto. Per liberare rapidamente l’area ingombra di rifiuti da costruzione, il sovrano ricorse a un trucco: annunciò a tutta San Pietroburgo che tutto ciò che si trovava di fronte al palazzo veniva ceduto gratuitamente. L’ordine fu ripristinato in meno di un giorno.

Caterina II divenne la prima padrona a pieno titolo delle stanze reali. Sotto di lei, il Palazzo d’Inverno subì i seguenti cambiamenti:

  • La Grande Sala del Trono, in seguito chiamata Sala di San Giorgio, fu decorata. Qui si svolgevano tutte le cerimonie ufficiali, le feste e le celebrazioni. Lo stile barocco in questa sala è stato mantenuto il più rigoroso possibile.
  • Iniziò a formarsi una collezione di dipinti, che in seguito divenne proprietà dell’Ermitage. La zarina non badò a spese per avere a disposizione veri e propri capolavori, che furono acquistati da tutto il mondo.
  • Nelle immediate vicinanze del palazzo iniziarono a sorgere altri edifici. In seguito furono riuniti in un complesso, con numerosi passaggi fuori terra e sotterranei.

Grande Sala del Trono

Nel 1837, un malfunzionamento del camino provocò un grave incendio che distrusse tutte le decorazioni realizzate sotto la direzione di Quarenghi, Rossi e Monferrand. Inoltre, a causa dell’imminente matrimonio dell’erede al trono, Alessandro II, fu necessario riprogettare l’ala sud-ovest. Si pensava di ricavarne gli alloggi della giovane famiglia. Tutti i lavori furono eseguiti da Vasily Stasov e Alexander Bryullov, che aggiunsero ulteriore ricchezza e lusso al palazzo. Tuttavia, nel 1904 il Palazzo d’Inverno cedette la sua posizione al Palazzo d’Alessandro a Tsarskoye Selo: era ormai considerato la residenza della famiglia reale. Il complesso del palazzo di San Pietroburgo fu adibito a museo, dove potevano entrare solo i funzionari di alto rango.

La Prima guerra mondiale portò cambiamenti significativi nelle stanze del palazzo: la collezione d’arte, unica nel suo genere, fu in parte portata a Mosca e numerose stanze furono utilizzate come ospedale. Dopo la Rivoluzione di febbraio, il palazzo divenne proprietà dello Stato ed entrò ufficialmente a far parte del complesso museale dell’Hermitage. Il nuovo regime rese il palazzo accessibile a tutti coloro che desideravano visitarlo.

Durante la Seconda guerra mondiale, l’intera collezione d’arte fu portata negli Urali e i locali, un tempo lussuosi, furono utilizzati per scopi domestici. Tuttavia, a partire dall’autunno del 1945, il Palazzo d’Inverno iniziò a ricevere normalmente i visitatori. Durante questo periodo, la rara collezione non solo fu restituita, ma si moltiplicò.

Perché il Palazzo d’Inverno si chiama Palazzo d’Inverno

Ad oggi, non esiste una spiegazione storicamente accurata del nome. Tuttavia, esiste una leggenda, che molti considerano abbastanza plausibile. La zarina Elisabetta Petrovna era caratterizzata da un carattere esplosivo e non stava mai ferma. Con l’arrivo del caldo, insieme ai cortigiani si recava in periferia, dove a volte preferiva addirittura vivere in baracche o tende.

Tuttavia, il breve periodo dei rigidi inverni russi doveva essere «aspettato» da qualche parte. A questo scopo fu costruito un lussuoso palazzo, dove era possibile non solo soggiornare, ma anche organizzare festeggiamenti. Credere o meno a questa leggenda è lasciato alla discrezione di ogni turista.

Decorazione interna del palazzo

Cosa comprende l’infrastruttura del palazzo

Prima ancora di iniziare la costruzione, Elizaveta insistette perché l’altezza dell’edificio fosse di 22 metri. A San Pietroburgo non esistevano edifici di tale altezza, ma i costruttori riuscirono a superare il desiderio: l’altezza finale era di 1,5 metri superiore a quella dichiarata. In seguito, per evitare la concorrenza, Nicola I limitò l’altezza consentita di tutti i nuovi edifici.

In origine, il Palazzo d’Inverno aveva più di 1000 stanze, utilizzate per le cerimonie ufficiali, per conservare gli utensili domestici e le collezioni d’arte e per ospitare la famiglia reale e i suoi eredi. Inoltre, un gran numero di stanze era destinato a lavori ausiliari.

Piano inferiore

I turisti raramente si fermano qui a lungo, ma l’esposizione è davvero affascinante. Nelle camere che un tempo appartenevano alle figlie di Nicola I sono esposti manufatti risalenti al Paleolitico.

Un’attenzione particolare merita il Salotto degli amorini, apparso nel palazzo negli anni ’50 del XIX secolo. L’idea fu dell’architetto Shtakenshneider, che realizzò i bambini nel modo più realistico possibile: con le guance spesse e ben nutriti, come la maggior parte dei bambini dell’epoca. Oggi il Salotto degli amorini è una sala espositiva dove è conservata una collezione di antichità dell’età del bronzo.

Le semplici stanze, un tempo ausiliarie, sono ora diventate un deposito dell’epoca scita, ben studiato dagli studiosi nazionali. Proseguendo, attraverso i locali del brigantino, si può esplorare l’arte dell’intero Paese: dalle foreste dell’Altai alle montagne del Caucaso. Per vedere da vicino i manufatti, è possibile guardare un video interattivo.

Piano superiore

Il primo piano è di per sé di valore architettonico: qui si può vedere come era il palazzo in epoca elisabettiana. Qui tutto è unico: marmo di Carrara e parquet di 16 tipi di legno, la prima decorazione in pietra dei salotti nella Russia zarista. Al centro di una delle sale si trova un trono in posizione elevata, ordinato in Inghilterra per l’imperatrice Anna Ioannovna. L’attenzione su di esso è ancora più attratta da fantasiose lampade con doratura in bronzo. Sono loro che permettono di creare un’atmosfera davvero festosa nella sala.

Oltre alle camere degli ospiti, i turisti possono visitare gli alloggi privati degli zar. Nicola I non ha mai risparmiato sulle decorazioni, quindi ogni camera da letto è un vero capolavoro di arte del design. Il set inglese è stato realizzato dai migliori artigiani su ordinazione, in un’unica copia.

La camera degli ospiti in malachite di Alexandra Feodorovna è rigorosamente in tinta verde: mobili, vasi, decorazioni dei tappeti. Tutti i mobili sono stati realizzati su misura dal miglior maestro dell’epoca, Gumbs.

Quasi tutti i sovrani, ad eccezione di Nicola I, diedero il loro contributo artistico alla decorazione del Palazzo d’Inverno. Quest’ultimo sovrano preferì altre residenze dove realizzare le sue idee artistiche. Solo la sua biblioteca, che imita esteriormente un deposito di libri medievale, è sopravvissuta nella residenza.

Il terzo piano

Le sale dedicate alla storia dell’arte islamica sono poche. Di particolare valore è una composizione di reperti provenienti dalla «Grotta dei 1000 Buddha», una buona serie di utensili cinesi e manufatti tibetani.

Qual è la differenza tra il Palazzo d’Inverno e il Museo dell’Ermitage?

Molti turisti che vengono a Pietro per la prima volta credono erroneamente che l’Hermitage e il Palazzo d’Inverno siano identici. In realtà, questo non è del tutto vero. Durante il periodo di costruzione, il piccolo Ermitage faceva parte della composizione del palazzo. Ora la situazione è cambiata e il Palazzo d’Inverno è già diventato parte del complesso museale dell’Hermitage.

Qual è il giardino del Palazzo d’Inverno

Oltre a condizioni di vita confortevoli, la famiglia reale aveva bisogno anche di paesaggi pittoreschi per le passeggiate. Il piccolo progetto fu disegnato da N. I. Kramskiy e realizzato dal miglior maestro di giardini — R. F. Katzer. La creazione del giardino fu associata a diversi fatti interessanti:

  • Il nuovo progetto non aveva solo un significato estetico, ma anche pratico. Le stanze reali si trovavano nelle immediate vicinanze delle strade della città e il rumore del viale del palazzo avrebbe potuto facilmente coprire un potenziale tentativo di assassinio.
  • Per rendere la composizione il più possibile gradevole dal punto di vista estetico, il livello del suolo vicino al palazzo fu rialzato di un metro. Il giardino è stato progettato in modo tale che l’ingresso iniziasse proprio all’ingresso del palazzo. Inoltre, era sempre presente una sentinella.
  • Le recinzioni dell’area del giardino furono progettate appositamente per la famiglia reale e nel 1900 ricevettero il massimo riconoscimento all’Esposizione Mondiale.
  • La Rivoluzione del 1917 ha rovinato il giardino: le recinzioni e le statue sono state distrutte e i prati calpestati. Per liberare l’area, fu persino organizzata una ferrovia temporanea per il Palazzo d’Inverno.
  • A partire dal 2007 è iniziata la ricostruzione completa del giardino secondo il suo aspetto storico. La presentazione del nuovo oggetto ha avuto luogo nel 2008. Attualmente, chiunque può accedervi.

Nota bene! L’ingresso al giardino è a pagamento per tutte le categorie di cittadini (tranne i bambini sotto i 3 anni). È possibile visitarlo gratuitamente solo in inverno.

Giardino del Palazzo d’Inverno

Escursioni al Palazzo d’Inverno

È praticamente impossibile girare tutto il Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo in un solo giorno, quindi i turisti dovrebbero pensare al loro itinerario in anticipo. All’ingresso del complesso museale si trova una mappa sulla quale è possibile tracciare un piano di visita. Il piano terra è un’esposizione per lo sviluppo generale, che permette di conoscere la storia domestica di diversi periodi. Chi è interessato alla storia dell’Asia deve assolutamente salire al terzo piano.

Per coloro che vogliono conoscere la vita della famiglia reale, è necessario andare direttamente al primo piano. Meritano particolare attenzione le seguenti sale: la Sala del Trono, la Sala Petrovskij e la Sala Grande.

È possibile visitare il Palazzo d’Inverno in modo organizzato, con una guida esperta che sceglierà autonomamente un tour appropriato per ogni gruppo. Una classe scolastica e un gruppo di turisti adulti riceveranno una presentazione diversa delle informazioni e una descrizione dettagliata di tutti gli oggetti di interesse. Chi lo desidera può anche girare per il palazzo da solo. È possibile acquistare un biglietto in anticipo presso la biglietteria o prenotarlo visitando il sito web ufficiale.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]