Palazzo Dolmabahçe a Istanbul

Алан-э-Дейл       29.05.2024 г.

L’architettura del palazzo riflette l’influenza degli stili europei, ma conserva le tradizioni delle case turche. Le sale del palazzo sono illuminate da lampadari di cristallo Baccarat, uno dei quali fu un dono della regina Vittoria. Su di esso ardono 750 lampade e il peso di questo capolavoro è di 4,5 tonnellate. Le stanze sono arredate con mobili europei e gli interni sono decorati con porcellane asiatiche e tappeti Hereke.

Storia del complesso del palazzo

L’area in cui sorge il complesso del palazzo si trova lungo lo stretto del Bosforo e per molti anni ha fatto parte dei giardini imperiali. Il nome Dolmabahçe, che significa «pieno di giardini», non è quindi casuale. La costruzione del palazzo più lussuoso dell’Impero Ottomano iniziò nel 1843 per ordine del sultano Abdul Mejid I. I lavori durarono 13 anni. La costruzione durò 13 anni, durante i quali furono spesi 5 milioni di monete, pari a 35 tonnellate d’oro. L’area di 45 mila metri quadrati ospitava 285 camere, 46 sale e gallerie, 6 bagni (hamam) e 68 gabinetti.

Dal momento della costruzione e fino al 1922 questo complesso servì come residenza dei sultani. Nel 1924, dopo la cancellazione del califfato, l’edificio passò allo Stato sotto la gestione dell’Amministrazione del Palazzo Nazionale. Successivamente, nel 1933, fu trasferito alla Grande Assemblea Nazionale di Turchia. Fino al 1938, il palazzo fu assegnato ad Ataturk come residenza estiva, dove morì.

Complesso del Palazzo Dolmabahçe

Il Dolmabahçe è composto da tre sezioni: la Sala delle Cerimonie, la metà femminile e quella maschile, che si trovano simmetricamente a sinistra e a destra dell’ingresso principale. Le decorazioni di tutte le stanze sono lussuose e ricche d’oro. Ci sono camere con vista sul mare e sulla terraferma. L’Harem si trova sul lato nord del complesso e il Selamlik, la metà maschile, sul lato sud. L’edificio si eleva per due piani sopra il seminterrato.

Nella Sala delle Cerimonie o Cerimoniale, il Sultano riceveva ospiti importanti e statisti stranieri. È qui che è appeso il lampadario regalato dalla Regina d’Inghilterra, realizzato con un magnifico vetro di Boemia. La sala è un ambiente quadrato di 2000 metri quadrati con un’altezza del soffitto di 36 metri. Il pavimento è ricoperto da un enorme tappeto turco di seta. Le stanze nella parte centrale della sala si affacciano sia sul mare (dove vivevano il Gran Visir e gli altri ministri) sia sulla terraferma (dove vivevano i rappresentanti della Camera e del Senato). In questa sala si tenevano importanti eventi statali e religiosi.

La seconda sala sul lato destro dopo la Sala Solenne è la Sala del Sekritariat o Sala della Ceramica. Qui è appeso il dipinto più grande di tutto il complesso. È opera di un maestro italiano che raffigura una carovana in viaggio verso la Mecca da Istanbul. La sala è decorata con antichi vasi di porcellana di grandi dimensioni.

I Selamlik o appartamenti di Stato sono la sezione più importante del palazzo e colpiscono per il loro splendore e la loro opulenza. Diverse grandi sale sono decorate con tappeti, lampadari di cristallo e caminetti. L’hamam imperiale è realizzato in alabastro egiziano. Una grande sala, una scala con ringhiere di cristallo e altri costosi elementi decorativi sono stati progettati per impressionare i visitatori. Qui si svolgevano importanti affari di Stato.

La sezione femminile, l’harem, era collegata a quella maschile da un lungo corridoio, rigorosamente vietato a tutti tranne che al sultano e agli eunuchi. Dalle finestre di questo corridoio, le donne potevano assistere agli eventi nella sala delle cerimonie. L’harem è composto da diverse stanze, bagni e sale. Qui vivevano le mogli, la regina madre, le concubine e i figli piccoli del sultano. Non lontano dall’harem si trova il Palazzo del Principe ereditario. Su questo territorio si trova la stanza di Ataturk, il primo presidente della Repubblica turca. Si caratterizza per la sua semplicità e per la mancanza di lusso.

La Moschea Dolmabahçe e la Torre dell’Orologio sono costruite vicino al palazzo. È costruita in stile europeo ed è alta 27 metri con quattro piani. Due lati della torre recano il monogramma del Sultano. L’orologio è stato installato dall’artigiano svizzero Johann Meyer, il cui meccanismo è stato parzialmente sostituito dall’elettronica nel 1979.

Oltre al palazzo principale, vi sono numerosi altri edifici: cucine imperiali, scuderie, farmacia, mulino, manifattura di vetro, fonderia, serra, laboratorio di tappeti e altri. Alcune piccole strutture sono state demolite o sono crollate nel corso del tempo.

Progetto architettonico e interni del palazzo

L’architettura del complesso del palazzo è una fusione di diversi stili come il barocco, il rococò e il neoclassicismo, combinati con la simmetria e l’assiologia della tradizione ottomana. L’influenza delle tendenze europee in architettura si fa sentire fortemente in questo progetto. L’esterno del castello è modellato sugli standard francesi, una caratteristica dei quali sono i piccoli balconi dell’edificio.

Il palazzo contiene elementi derivati dal Rinascimento italiano. Il grazioso portale che conduce al parco è modellato su un arco di trionfo. L’ingresso dal lungomare alla sala delle cerimonie è incorniciato da colonne e pilastri in stile barocco, così come la porta principale a ovest.

Il Palazzo Dolmabahçe di Istanbul possiede oltre 600 dipinti, realizzati da artisti europei invitati. Tra questi, il maestro russo Ivan Aivazovsky, che dipinse un’intera serie di quadri per il Sultano, e Fausto Zonaro, che divenne il pittore reale ufficiale dell’Impero Ottomano, oltre ad altri maestri francesi e di altri Paesi europei.

Per le occasioni speciali, ai ricevimenti di Stato partecipava un’orchestra da camera assemblata da Giuseppe Donichetti, un maestro italiano invitato a introdurre la musica occidentale nell’Impero Ottomano.

Il giardino del palazzo è ricco di stagni, fontane e sculture che colpiscono per il loro lusso e la loro bellezza. Sono state piantate piante esotiche e lungo il terrapieno si trova un recinto di pizzo bianco. Sul territorio del giardino si trovano pavoni e altri uccelli.

Orari di apertura e costi di visita

Il palazzo è aperto al pubblico tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 9.00 alle 16.00. Tuttavia, è meglio acquistare i biglietti per l’escursione in anticipo, poiché c’è un limite di visitatori — non più di 3000 persone al giorno. Pertanto, la biglietteria potrebbe chiudere prima dell’ora indicata.

I gruppi per le escursioni si formano ogni 25 minuti. La narrazione può essere ascoltata in inglese e in turco a un ritmo molto veloce. Pertanto, i turisti russi e coloro che desiderano godere appieno della bellezza del complesso del palazzo, è meglio che lo esplorino da soli.

L’ingresso al Palazzo Dolmabahce si paga in lire turche e costa 40 lire per la parte femminile e 60 lire per quella maschile.* I bambini sotto i 6 anni possono passare senza biglietto. Esistono anche tariffe ridotte per visitare piccole mostre e padiglioni all’interno del palazzo. Nel parco del castello sono vietate le riprese fotografiche e video. Durante la visita al complesso, è possibile fare uno spuntino economico in uno dei numerosi caffè che offrono una deliziosa cucina nazionale.

Nota bene! Il sito ufficiale del palazzo riporta il costo effettivo della visita alle sezioni principali del palazzo e alle altre strutture.

Come arrivare

La città in cui si trova il Palazzo Dolmabahçe è Istanbul, o meglio la sua parte europea. Dai quartieri in cui passa il tram ad alta velocità T1, prendere il T1 fino alla stazione di Kabatas. Poi si cammina per circa 10 minuti lungo il treno fino al cancello principale dove si trovano le biglietterie.

Per chi vive nella parte «alta» di Istanbul, esiste una funicolare, il cui capolinea è anch’esso la stazione di Kabatas. Da altri quartieri passano autobus o taxi che aiutano i turisti a raggiungere il palazzo per 10-15 lire.

Dalla parte asiatica, chi desidera vedere il palazzo prende un traghetto fino alla fermata desiderata.

*I prezzi si riferiscono al 2018.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]