Parco di Caterina — San Pietroburgo

Алан-э-Дейл       02.04.2024 г.

A 25 chilometri da San Pietroburgo e a quasi 700 chilometri da Mosca si trova la città di Pushkin, dove sono attualmente in funzione il Museo di Stato dal romantico nome «Tsarskoye Selo», il famoso Parco Babolovskij e altre attrazioni culturali e storiche. La residenza di Tsarskoye Selo della famiglia imperiale comprende il Palazzo di Caterina, un bellissimo parco e altri oggetti che attirano l’interesse di molti turisti e locali. Secondo alcune fonti, sono stati spesi più di 100 chilogrammi d’oro per rifinire e decorare la facciata del palazzo e per dorare le statue e le sculture del parco.

Storia del Parco di Caterina

L’ampio territorio (con 43 villaggi annessi) con un attraente paesaggio naturale fu concesso da Pietro il Grande a Marta Skavronskaya nel 1710. In due anni la felice proprietaria terriera divenne la consorte legale dello zar russo, avendo acquisito un nuovo nome: Caterina Alexeevna. Da quel momento iniziò il processo di costruzione attiva e di nobilitazione dell’area.

Nella prima metà del XVIII secolo furono effettuati lavori di sbancamento per la posa di canali d’acqua, con l’aiuto dei quali comparvero stagni e laghi artificiali, prima assenti. Gli stagni, in combinazione con le piantumazioni piuttosto massicce di varie piante, creano un microclima molto piacevole nell’area. I problemi di approvvigionamento idrico della residenza reale furono risolti definitivamente dopo il 1749.

Rivestimento in oro delle cupole dei templi

L’intera area del parco è suddivisa in:

  • Giardino Vecchio regolare;
  • Parco paesaggistico all’inglese.

Negli anni ’20, specialisti di giardini e parchi olandesi, Rosen e Focht, realizzarono il progetto e iniziarono i lavori di sistemazione di parte del Parco di Caterina a Tsarskoye Selo. L’area è oggi meglio conosciuta come Giardino Vecchio. Statue di marmo e sculture di personaggi mitologici e fiabeschi decorano abbondantemente l’area.

Cambiamenti e trasformazioni del parco

Una nota a margine. A metà dello stesso secolo Tsarskoe Selo e il parco subirono alcuni cambiamenti, fu eseguita una nuova fase di lavori di riparazione che portò alla comparsa del Grande Stagno e dei padiglioni dell’Ermitage e della Grotta.

Negli anni ’70 del XVIII secolo, la famiglia di architetti Neelov progettò un intero complesso composto da:

  • Ammiragliato;
  • Cucina dell’Ermitage;
  • Bagno superiore;
  • Bagno inferiore.

Più o meno nello stesso periodo V. I. Neelov, per volere dell’imperatrice Caterina, iniziò la creazione del Parco Inglese (parco paesaggistico). La zarina desiderava avere un territorio pieno di squisita bellezza, eleganza, lusso e scala. L’area del palazzo doveva stupire non solo i compatrioti, ma anche gli ospiti stranieri. Il progetto del Parco di Caterina a Tsarskoye Selo doveva corrispondere pienamente all’alto status dell’imperatrice russa.

Le statue del vecchio giardino

Negli anni 70-80 del XVIII secolo furono costruite:

  • Colonna Chesmenskaya;
  • Torre-ruina;
  • Colonna Morea;
  • Colonna di Crimea;
  • Cascata turca;
  • Chiosco turco;
  • Obelisco di Cahul;
  • Gazebo cinese;
  • Porta dell’Aquila;
  • Ponte di marmo.

Uno dei primi simboli della vittoria dell’esercito russo sui turchi e dell’aumento del prestigio dello Stato in Europa è la Torre Rovina eretta a Tsarskoye Selo, nel Parco di Caterina.

Dalla fine del XVIII secolo, il palazzo e il Parco di Caterina (San Pietroburgo) non hanno subito cambiamenti significativi.

Distruzione e restauro del Parco di Caterina e del palazzo nel secolo scorso

Dopo l’instaurazione del potere sovietico, l’intero complesso del palazzo fu nazionalizzato e iniziò a fungere da museo; nel giugno 1918 ricevette i primi visitatori. Il complesso era di grande interesse per i comuni cittadini del giovane Stato. Durante i primi anni di attività, il museo incontrò molte migliaia di visitatori interessati alla vita e alla vita della famiglia imperiale.

Durante la Grande Guerra Patriottica, il complesso museale fu quasi completamente distrutto dagli invasori tedeschi che occuparono la città di Pushkin nel settembre 1941. Il dispiegamento di attrezzature militari e di soldati sul territorio del museo, così come un terribile incendio nel 1942, distrussero la maggior parte degli oggetti, degli edifici e degli alberi unici di valore storico, artistico e compositivo.

Importante: dopo la liberazione della città dagli invasori tedeschi nel 1944, il complesso museale era uno spettacolo pietoso, con terribili distruzioni tutt’intorno. Il processo di restauro del Parco di Caterina e del palazzo è stato molto laborioso, lungo e complicato, e tutti i lavori di restauro non sono ancora stati completati.

Come raggiungere il museo-riserva

Attualmente la città di Pushkin, situata nelle immediate vicinanze di San Pietroburgo, è molto attraente per i residenti e gli ospiti della capitale settentrionale della Federazione Russa, soprattutto nella stagione calda. È qui che si concentrano le attrazioni culturali e storiche più interessanti, che richiamano folle di visitatori. Pertanto, gli ospiti della regione che hanno la possibilità di viaggiare nei giorni feriali saranno molto più a loro agio nel rinunciare a viaggiare nei fine settimana.

Un’infrastruttura di trasporto ben sviluppata permette a tutti gli amanti delle escursioni di viaggiare in tutta comodità. Per visitare Tsarskoe Selo, il parco e l’intero complesso museale, è necessario recarsi nella città di Pushkin. Il trasporto pubblico permette di raggiungere la destinazione con un minimo di tempo e denaro. Dalla stazione ferroviaria di Vitebsk partono treni elettrici con un intervallo di 20 minuti in direzione di Tsarskoye Selo; in meno di mezz’ora si prende la strada. Da Piazza Moskovskaya partono diversi bus navetta per il museo.

Attenzione! I bus navetta si fermano direttamente all’ingresso del complesso museale, mentre la stazione ferroviaria di Pushkin si trova a una certa distanza. Per andare a piedi dalla stazione ferroviaria alle attrazioni storiche non ci vorranno più di 20 minuti, che possono essere utilizzati da chi ama camminare. I visitatori che trovano faticoso camminare a lungo dovrebbero prendere l’autobus.

Gli automobilisti possono recarsi a Pushkin con un mezzo privato. Nelle immediate vicinanze di tutti i luoghi di interesse storico ci sono parcheggi, i cui servizi possono essere utilizzati. I proprietari di auto possono tranquillamente partecipare a qualsiasi escursione, l’auto intera sarà in attesa del suo proprietario.

Modalità di funzionamento del parco per il 2018

Il Museo di Stato della città di Pushkin accoglie i visitatori all’indirizzo di via Sadovaya, 7:

  • in maggio — giugno dalle 7.00 alle 23.00;
  • in luglio-agosto dalle 7.00 alle 22.00;
  • in settembre — aprile dalle 7.00 alle 21.00.

Durante il periodo estivo, i biglietti possono essere acquistati presso le biglietterie, aperte dalle ore 9.00 alle ore 19.00. Il prezzo del biglietto è in vigore dal 27.04.2018 al 21.10.2018:

  • per gli adulti — 150 rubli;
  • per alunni e studenti di età superiore ai 16 anni — 80 rubli;
  • per i pensionati della Federazione Russa e della Bielorussia — 40 rubli.

Durante il periodo invernale l’ingresso per tutti i visitatori è gratuito.

Da maggio 2017, il diritto all’ingresso gratuito in qualsiasi momento spetta a un adulto che accompagna un bambino in carrozzina. Tutte le informazioni importanti sono disponibili gratuitamente sul sito ufficiale del museo.

Nota bene! Per tutti i visitatori di età inferiore ai 16 anni l’ingresso è gratuito tutto l’anno.

Durante i mesi estivi, vengono organizzate visite guidate a piedi intorno al parco, previa richiesta telefonica. Passeggiate poco impegnative, ricche di informazioni interessanti e istruttive, affascinano sia gli adulti che i giovani visitatori. Ogni mese l’ultimo lunedì è giorno di riposo e il parco è chiuso alle visite.

Durante il periodo estivo, vengono organizzate visite a piedi del parco in tutti i giorni tranne il martedì. Da qualche tempo, oltre alle visite a piedi, si organizzano anche tour di 45 minuti in auto elettrica dell’intero parco. Quando si fa un tour a piedi, è possibile scaricare in anticipo una mappa dell’area del parco sul proprio smartphone o tablet. La mappa vi aiuterà a navigare facilmente nel complesso museale da soli.

Attenzione! È vietato entrare nel parco con i cani. Biciclette, pattini e sci non sono ammessi sul territorio del complesso museale.

Ulteriori offerte del Parco di Caterina

Sul territorio del Parco di Caterina i visitatori non solo toccano le origini della storia della nazione, ammirano il paesaggio perfetto e gli scenari pittoreschi, ma si rilassano anche. Per i piccoli escursionisti nel periodo estivo viene organizzato un lavoro di attrazioni. La sera, durante il periodo caldo dell’anno, in diverse parti del complesso del parco vengono aperte piste da ballo. Chi desidera dimostrare le proprie abilità e capacità di ballo può scegliere i ritmi preferiti di tango, valzer, jazz o musica popolare moderna.

Accoglienti caffè, piattaforme estive aperte, accolgono i visitatori con gustosi dessert, caffè aromatici e spremute fresche. È molto piacevole condividere con i propri compagni di viaggio le impressioni entusiaste di ciò che si è visto davanti a una tazza di una bevanda gustosa. Dopo un po’ di riposo, si può ripartire alla scoperta di nuovi oggetti del complesso museale.

Davanti all’ingresso del Parco di Caterina ci sono file di bancarelle che offrono souvenir, gioielli e prodotti affini realizzati da artigiani popolari. C’è una vasta gamma di matrioske tradizionali di varie dimensioni, da piccoli souvenir a enormi bellezze.

Una visita al Parco di Caterina regala a tutti solo impressioni vivide. I cuori dei nostri connazionali sono pieni di gioia e orgoglio per questi complessi museali spettacolari e di grandi dimensioni.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]