Piscina di Cleopatra a Pamukkale

Алан-э-Дейл       06.05.2024 г.

Il nome del complesso bianco-latte delle sorgenti termali di Pamukkale significa in turco «castello di cotone», il che rende bene l’idea della raffinatezza e della lucentezza di questi luoghi di cura. Secondo la leggenda, Cleopatra stessa faceva bagni caldi per la bellezza e la salute, e la Turchia ha creato la piscina per secoli, quindi ogni viaggiatore dovrebbe essere interessato a questa attrazione.

Storia della piscina di Cleopatra

Nel sud-ovest della Turchia si trova un monumento storico e naturale unico nel suo genere, inserito nella lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1988. Pamukkale, che in turco significa «castello di cotone», comprende sorgenti geotermiche e il territorio dell’antica città di Hieropolis.

Le particolari sorgenti naturali di Pamukkale sono rese possibili da una roccia speciale chiamata travertino. Si tratta di una roccia bianca, friabile e a grana fine. Grazie allo stesso minerale, le acque sono sature di carbonato di calcio.

Le acque minerali affiorano su una collina, a quasi 200 metri di altezza, creando paesaggi sorprendenti. Si tratta infatti di un complesso di bagni geotermici situati a diverse altezze. Le stalattiti bianche fungono da decorazione dell’attrazione naturale.

Piscina di Cleopatra a Pamukkale

Le proprietà curative dell’acqua e la bellezza della natura locale erano apprezzate dai governanti del Regno di Pergamo. Alla fine del II secolo a.C., la dinastia Attalide divenne la fondatrice della località. Il complesso di antichi edifici ellenistici, tra cui spiccano le terme e i templi, era già chiamato Hieropolis.

L’area è stata restaurata a partire dagli anni ’60 e da allora è piuttosto popolare tra i turisti.

Un fatto interessante! Gli abitanti dell’antica Roma, venuti a conoscenza delle proprietà benefiche della sorgente, cercarono di visitarla, così in origine la piscina di Cleopatra a Pamukkale fu chiamata piscina «antica» o «romana», ma questo nome non era all’altezza del compito di attirare i turisti. Quindi il luogo fu ribattezzato.

Secondo una leggenda, la stessa Cleopatra visitò la sorgente più di una volta e si bagnò nelle sue acque curative, ma questa leggenda fu probabilmente creata per scopi commerciali. Il lago minerale si chiama Piscina di Cleopatra dagli anni ’90 circa, ma il nuovo nome è stato molto più efficace del precedente e in meno di due decenni il Lago di Cleopatra è diventato un marchio di Pamukkale.

Le acque curative di Pamukkale

Le acque di Cleopatra a Pamukkale hanno un effetto positivo sulle malattie respiratorie, sul sistema cardiovascolare, sulla gastrite e sulla bronchite croniche, sulla stitichezza e sul sovrappeso. Inoltre, i bagni dopo interventi chirurgici ortopedici rappresentano un buon metodo di riabilitazione.

Si ritiene che l’acqua ringiovanisca e rivitalizzi la pelle e riduca la reazione agli allergeni.

Importante: se si visitano bambini di età inferiore ai 6 anni, è bene ricordare che le proprietà attive dell’acqua minerale possono avere un effetto negativo sulla crescita di un organismo giovane.

L’acqua dei bagni di Cleopatra a Pamukkale è stabilmente calda, la sua temperatura è di 35 gradi. La particolarità del bagno è che, tra le altre cose, l’acqua è gassata; per questo motivo, stando in acqua, si inizia gradualmente a essere ricoperti da piccole bolle, che con un sibilo silenzioso saltano fuori, vale la pena solo toccarle.

Qualche parola va spesa per la piscina. Ha un aspetto molto pittoresco: un tempo era circondata da antiche colonne, distrutte da un terremoto nel VII secolo d.C. Da allora, i frammenti delle colonne riposano sul fondo della piscina, decorandola.

La piscina è divisa in due metà: nella metà profonda ci sono sorgenti calde che rendono l’acqua più calda. Nella metà bassa, dove l’acqua è un po’ più fresca, anche una persona che non sa nuotare si sentirà a suo agio.

In generale, l’acqua è pulita, calda e trasparente, ma a causa della scarsa pulizia, a volte si possono vedere i resti di rami e foglie.

Attenzione! Il tempo massimo di permanenza in piscina è di 2 ore. Per tenere sotto controllo l’ora, ci sono orologi situati intorno alla piscina in punti accessibili.

È possibile lasciare i vestiti nello spogliatoio, prendere dell’acqua minerale con una pompa per chi vuole lavarsi nell’acqua minerale, ma non vuole scendere in piscina, c’è una doccia con acqua termale vicino alla piscina.

A Pamukkale ci sono negozi di souvenir, situati accanto alla piscina. Nei caffè e nei ristoranti vicini si può anche mangiare un boccone senza allontanarsi troppo dall’acqua.

Colonne sul fondo della piscina di Cleopatra

Visita alla piscina di Pamukkale

Il prezzo del biglietto d’ingresso a Pamukkale è di 50 lire turche*. La possibilità di nuotare deve essere pagata separatamente. Il prezzo del bagno per un adulto è di 30 lire*, per un bambino dai 7 ai 12 anni 13 lire*, i bambini sotto i 6 anni possono entrare in piscina gratuitamente.

Va tenuto presente che nella stagione estiva può essere molto affollata, quindi non contate di fare il bagno. È meglio prendere una decisione sul posto, in base alla situazione.

Attenzione! L’orario di visita della piscina nei diversi periodi dell’anno è diverso. Da aprile a ottobre i turisti hanno accesso alle acque della piscina dalle 8:00 alle 21:00, da novembre a marzo si può nuotare in piscina solo dalle 8:00 alle 17:00.

Per i visitatori ci sono alcune regole da rispettare per non rovinare la vacanza con situazioni spiacevoli:

  • È vietato trascorrere più di 2 ore in acqua.
  • Prima di fare il bagno, togliere i gioielli per evitare di danneggiarli nell’acqua minerale.
  • È vietato immergersi a causa dei detriti di colonne che giacciono sul fondo.

Caffè della piscina di Cleopatra

Come arrivare alla Piscina di Cleopatra

È più conveniente visitare l’attrazione durante una delle escursioni. Molti resort offrono ai turisti la possibilità di rigenerarsi nelle sorgenti termali. La piscina di Cleopatra può essere raggiunta da Marmaris, Antalya, Kusadas, Budrum e altre località famose.

Una nota a margine. È più comodo arrivare a Pamukkale da soli passando per la città di Denizli. Da lì alle famose sorgenti termali partono costantemente dolmushi. Il biglietto non costa più di 10 lire* e il viaggio dura circa 20 minuti.

È possibile raggiungere Denizli con i mezzi pubblici da quasi tutte le città della Turchia. L’aeroporto di Denizli riceve voli da Istanbul.

Se si desidera o si ha la necessità di soggiornare nei mesi più freddi, l’hotel sarà un’ottima opzione di alloggio. Per un prezzo moderato, ha molti servizi: vasche termali in ogni stanza, arredi graziosi, spa, bagno turco e cibo eccellente.

Chi arriva da solo e con un navigatore avrà bisogno delle coordinate di Pamukkale sulla mappa: 37 57.3189′ 0″N. (N), 29 4.6847′ 0″ E. (E).

Mappa della Turchia con i principali luoghi di interesse

Visitare Pamukkale senza visitare le sorgenti termali è una perdita di tempo. Gli effetti curativi e ringiovanenti dell’acqua termale sono riconosciuti fin dall’antichità. Tuttavia, non tutti i bambini possono trarre beneficio dal bagno. Anche gli adulti che si recano in vacanza nella piscina di Pamukkale devono fare attenzione: le colonne che decorano il fondo possono essere scivolose o taglienti, e si può facilmente sbattere contro di esse se ci si muove bruscamente.

*I prezzi sono aggiornati a settembre 2018.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]