Porta di Brandeburgo (Kaliningrad)

Алан-э-Дейл       04.04.2024 г.

La storia di Königsberg, capitale della Prussia orientale, attraversa centinaia di anni e termina nel 1946, anno in cui ha inizio la storia della giovane città sovietica di Kaliningrad, la più occidentale della Federazione Russa.

Questo ha impresso la composizione degli oggetti storici e culturali, la loro collocazione e la loro sorprendente interazione:

  • Il nome del maresciallo Alexander Mikhailovich Vasilevsky, che guidò l’assalto a Koenigsberg, ha dato il nome alla piazza dove è eretto il suo monumento. La piazza si trova presso le mura dell’antica fortezza difensiva tedesca intitolata a Friedrich Karl Don. Nel 1945 la bandiera sovietica fu posta sulla torre principale della fortezza dai soldati vittoriosi. Oggi in questa torre si trova l’unico «Museo dell’Ambra», sito web.
  • Un altro luogo iconico è l’Isola di Kant.

La struttura della cattedrale ha vissuto sia lo splendore della prosperità che la cupezza dell’oblio nel corso dei 700 anni della sua esistenza. La realtà moderna ha contribuito a infondere nuova vita alle vecchie mura, la cattedrale ha riacquistato la voce persa durante gli anni della guerra.

Il 1946 ha diviso la vita della città in due epoche: «prima» e «dopo».

Le leggende di un tempo sono custodite nelle mura del Museo Kant della Cattedrale, vicino alle cui mura è sepolto il filosofo tedesco.

Sulle grandi scoperte dei navigatori e degli esploratori degli oceani racconta l’esposizione del «Museo dell’Oceano Mondiale» — Sito.

Uno dei più nuovi e interessanti musei di Kaliningrad è attrezzato secondo i più moderni standard di un’istituzione museale. Tra i reperti esposti, sono aperte al pubblico le imbarcazioni marittime ormeggiate sulla banchina.

Museo del trasporto ferroviario — Sito web.

Un programma in corso in tutto il Paese per preservare la storia delle ferrovie russe racconta le peculiarità regionali dell’esplorazione e dello sviluppo di questa modalità di trasporto in Russia.

È interessante! L’esposizione locale racconta la storia della stazione ferroviaria di Königsberg. I visitatori possono conoscere le caratteristiche delle carrozze tedesche utilizzate sul territorio della Prussia, vedere quali oggetti venivano utilizzati dai lavoratori della stazione.

I cittadini di Kaliningrad e gli ospiti della città possono assistere a concerti d’organo giornalieri.

Anche il Museo del Bunker racconta la storia «tedesca» della città. I visitatori possono immergersi nell’atmosfera che regnava negli ultimi giorni della Germania di Hitler. Nell’attuale sede del museo si trovava il quartier generale dell’esercito tedesco sotto il comando del generale O. Lyash, che in seguito firmò il patto di resa. Gli oggetti esposti ricreano in modo chiaro e colorato l’immagine e il suono della sirena dei raid aerei la rende ancora più realistica.

Il Museo del Marzapane di Kaliningrad attira adulti e bambini. Le figure dei personaggi preferiti dei cartoni animati, realizzate con una miscela di nocciole dolci, sono molto belle per la loro somiglianza con i loro prototipi. I pezzi degli scacchi di marzapane uno accanto all’altro spiegano l’espressione «mangiare il pezzo dell’avversario» usata nel gioco degli scacchi.

Attenzione! Nel negozio qui presente è possibile mangiare il marzapane e bere una tazza di tè aromatizzato. Il prodotto, realizzato secondo le ricette originali, viene venduto sotto forma di cioccolatini, caramelle e barrette in confezioni speciali.

Il museo, situato nell’edificio della Porta di Brandeburgo, espone un modello di marzapane della struttura storica.

Nota bene! Per conoscere l’indirizzo, il numero di telefono, gli orari di apertura, i prezzi dei biglietti e altre informazioni rilevanti e affidabili, è meglio utilizzare i materiali del sito web ufficiale dell’oggetto o dell’istituzione museale selezionata!

Porta di Brandeburgo di Kaliningrad

La porta, che sotto le sue volte ospita il Museo del Marzapane, è un altro esempio lampante dell’interazione tra antichità e modernità. La struttura, che ha un valore storico, è utilizzata come porta per il trasporto cittadino, proprio come avveniva 200 anni fa.

Un po’ di storia

La costruzione della Porta di Brandeburgo in legno nel 1657 era intesa come una fortificazione. Il suo nome deriva dal Castello di Brandeburgo, che si trova in direzione della strada che la attraversa. Il viaggiatore di oggi che si incammina lungo questa strada si imbatte in un insediamento dal nome prosaico di Ushakovo.

Dopo soli cento anni, la porta fu demolita e ricostruita in mattoni per rafforzare la sua posizione. In seguito, fu ricostruita e riedificata altre due volte. Prima nel 1843 e poi nel 1860.

La Porta di Brandeburgo nella Repubblica Federale Tedesca a Berlino ha un secondo nome, «Porta della Pace». Considerata a ragione uno dei simboli riconoscibili della città tedesca, l’omonima porta ha recentemente festeggiato il suo 225° compleanno.

L’ultima ristrutturazione è stata realizzata sotto il patrocinio dell’architetto prussiano Friedrich August Stüller. A lui si deve anche la realizzazione delle altre porte della città.

Fatto interessante! Il nome di Stüller è entrato nella storia dell’architettura come quello dell’ideatore del progetto di ricostruzione del Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo.

Dopo tutte le modifiche, la porta acquisì un aspetto che non è cambiato fino ad oggi. Le forme gotiche ingrandiscono visivamente l’edificio basso. Interessanti sono gli alti rilievi che decorano i frontoni della porta. Furono eretti in memoria dei capi militari prussiani dell’epoca, H. von Boyen e E. von Aster.

Nel 1929 è stata costruita la stazione ferroviaria meridionale vicino alla porta, attualmente utilizzata da turisti russi e stranieri. Da Mosca a Kaliningrad in treno è conveniente arrivare con il treno della compagnia «Yantar» №029Ch, che attraversa Bielorussia e Lituania. Il treno parte dalla stazione ferroviaria Belorussky, situata a Mosca vicino all’omonima stazione della metropolitana.

Per fortuna, la struttura è rimasta praticamente illesa durante la Grande Guerra Patriottica, anche se gli incessanti bombardamenti hanno distrutto l’intero centro storico di Koenigsberg. Nonostante ciò, il cancello divenne molto fatiscente nel dopoguerra.

I locali, un tempo adibiti a caserma, divennero i magazzini della città, collocati qui dalle nuove autorità.

Nel 1960 si decise di conferire alla porta lo status di edificio storico. Dal 2012 sono stati eseguiti lavori di restauro per ripristinare l’oggetto.

La visita

La vicinanza della stazione ferroviaria rende facile visitare la Porta di Brandeburgo da soli. Chi desidera fare il giro delle antiche mura può prendere un qualsiasi autobus per la Stazione Sud. La stazione è il capolinea degli autobus 29, 34, 593 e dei minibus 147, 218E, 219E.

Yuzhny è anche un buon punto di riferimento sulla mappa per chi decide di raggiungerla a piedi o di attraversare in auto una città sconosciuta.

Interessante! La via Bagration, che arriva fino alla porta, cambia nome in questo punto. Le auto che entrano sotto l’arco proseguono il loro viaggio lungo la strada intitolata a Suvorov.

Escursioni

Per chi vuole vedere e imparare il massimo di cose nuove e interessanti in poco tempo, sarà più ragionevole approfittare delle numerose offerte di escursioni in città e nella regione.

Non è necessario ordinare una passeggiata sul posto. Sono ormai numerose le offerte delle compagnie della capitale che propongono ai turisti in viaggio da Mosca un viaggio ricco e vario.

La maggior parte delle proposte è pensata non solo per i russi, ma anche per i turisti stranieri, la cui escursione è condotta in inglese e tedesco.

Le porte di Kaliningrad

Decidendo di conoscere la Porta di Brandeburgo, sarà utile per un turista sapere che nell’antica Koenigsberg il centro della città era situato in un anello composto da 10 porte. Oggi il loro numero è stato ridotto a 7 porte:

  • Ausfalskie — meno di tutte le altre hanno conservato la loro immagine originale;
  • Brandenburg — le auto che passano sotto il suo arco possono stare in una sola corsia, il che causa spesso ingorghi;
  • Porta della ferrovia — l’unica rimasta delle antiche porte ferroviarie della città;
  • Zakheim — la versione di Königsberg dell’arco di trionfo;
  • Porta Reale — la più riconoscibile di tutte le porte, uno dei principali simboli della città;
  • Rosgartenskie — accesso graduale al museo dell’ambra, vi invitano a consumare un gustoso pranzo dopo le vostre escursioni nel ristorante situato all’ingresso;
  • Friedlandskie — l’omonimo museo racconta la storia della città prima della guerra.

I Friedlander sono stati costruiti per ultimi nell’anello delle porte

Una caratteristica distintiva di Kaliningrad è la mescolanza di diverse epoche storiche e di stili architettonici che le riflettono. Gli antichi edifici e le strutture che conservano la storia dell’ex città tedesca di Koenigsberg sono inestricabilmente legati alla vita quotidiana della moderna Kaliningrad.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]