Porta Reale (Kaliningrad)

Алан-э-Дейл       02.04.2024 г.

La storia di Kaliningrad affonda le sue radici in un passato lontano, la cui memoria è conservata dalle sentinelle silenziose — le porte cittadine che circondano il centro storico della città.

Bastione della fortezza

Nel 1255, sul sito dell’odierna Kaliningrad fu eretta una fortezza. I Cavalieri Teutonici, che costruirono la fortezza sulle terre conquistate, le diedero un nome sonoro basato su due radici: «re» e «montagna». Nei secoli successivi gli insediamenti che si estendevano vicino alle mura della fortezza formarono un’unica città, che ereditò il nome della fortezza: Königsberg.

Una caratteristica distintiva delle città medievali sono le fortificazioni difensive che circondano gli insediamenti urbani. Königsberg non faceva eccezione ed era circondata da un bastione di terra.

Nel XIX secolo si rese necessaria la costruzione di un nuovo muro di cinta che rispondesse ai requisiti delle fortificazioni dell’epoca. Nacque così un muro di pietra dotato di un sistema di fossati, bastioni, rivellini e ridotte.

La porta di Kaliningrad attira l’attenzione dei turisti con le sue caratteristiche architettoniche e i musei che occupano le sale interne.

Ma la fortezza non è famosa per la sua potenza militare, bensì per le 10 porte cittadine situate sulla circonferenza della fortezza. Nei locali delle strutture restaurate, sopravvissute fino ad oggi, si trovano musei e mostre moderne. Tutti sono molto apprezzati sia dagli abitanti di Kaliningrad che dai visitatori della città.

Vicinanza di epoche

I siti storici di Königsberg sono vicini ai monumenti della nuova storia di Kaliningrad. Targhe di marmo che descrivono gli eventi della liberazione della città nella primavera del 1945 sono state collocate su edifici e strutture in diverse parti della città. Per vedere l’antica ferrovia e la Porta d’Ausfalia, si deve andare al Parco della Vittoria. http://www.klgd.ru/city/tourism/sights_k/detail.php?ID=600698

  • Memoriale dei 1200 guardiani. Andando al parco, è bene capire in anticipo che questo luogo è stato creato in memoria dei giorni di battaglie calde, dei soldati sovietici che hanno dato la vita durante l’assalto di tre giorni a Koenigsberg. Nel parco non ci sono piste ciclabili o giostre per bambini. È un luogo di tranquilla tristezza.

Tra le lapidi e gli epitaffi, un posto speciale è occupato dalla Fiamma Eterna, accesa in memoria delle sanguinose battaglie e dei soldati che vi presero parte, che non vissero per vedere il grande giorno della Vittoria.

  • Porta Ausfal. Originariamente utilizzata per i pedoni durante la Grande Guerra Patriottica, la porta fu usata come punto di comando e di controllo. Nel periodo di pace che seguì, svolse il ruolo di magazzino, poi fu trasformata in un collettore di acque reflue, il che contribuì notevolmente alla sua distruzione. La struttura non è mai stata riccamente decorata e, dopo diversi decenni di abbandono, ha un aspetto poco rappresentativo.

L’ingresso al cancello è ora murato, ma vi è annessa una cappella ortodossa funzionante. È stata inaugurata nel 1993 in memoria dei partecipanti alla battaglia per Königsberg, sepolti nel monumento. L’edificio della Cappella di San Giorgio, dal lato della strada, si trova al livello della carreggiata. Scendendo nel parco è possibile vedere l’antica muratura e alcuni denti sui cancelli.

  • La porta della ferrovia, costruita tra il 1866 e il 1869, coronava la linea ferroviaria per Pilau, da cui ha preso il nome.

Un fatto interessante! Poiché le porte facevano parte del sistema di difesa militare, avevano un «trucco militare» nonostante il loro scopo piuttosto pacifico. Sulle pareti delle aperture d’ingresso sono presenti numerose scanalature speciali. In caso di attacco nemico, era possibile inserirvi delle robuste barre, che avrebbero protetto in modo affidabile dall’attacco nemico, bloccando l’ingresso e trasformandolo in un reticolo invalicabile.

La Gvardeyskiy Prospekt, un’arteria stradale, correva lungo la sommità della struttura.

Al posto della ferrovia, attraverso le aperture ad arco è stata realizzata una pista ciclabile.

L’Ausfala e la Porta della Ferrovia si trovano nel Parco della Vittoria e fanno parte del monumento commemorativo. Entrambe le strutture appartengono al Museo di Storia e Arte di Kaliningrad.

  • Porta di Brandeburgo. Nonostante sia stata ricostruita e migliorata più volte nel corso della sua vita e le sue pareti presentino elementi architettonici e altorilievi, l’edificio è diventato irrilevante nella seconda metà del XX secolo: non colpita dai bombardamenti durante la guerra, la porta è stata gravemente danneggiata in tempo di pace. All’inizio di questo secolo è iniziata la ricostruzione, che ha ripristinato e prolungato la vita dell’edificio storico.

I cancelli svolgono ancora la loro funzione diretta, consentendo ai trasporti automobilistici di passare attraverso le aperture ad arco per tutto il giorno.

La vicinanza della stazione ferroviaria meridionale consente di trovare facilmente l’edificio sulla mappa di Kaliningrad e di recarsi al Museo del Marzapane, situato all’interno delle mura dell’edificio storico. Dopo la visita gratuita, potrete assaporare il gusto e l’aroma di questo dolce nella caffetteria e acquistarne altri nel negozio del museo.

  • Porta di Friedland. Una sezione delle mura di difesa esistenti con la porta sud, che anticamente si trovava sulla strada per la città di Friedland. Oggi gli archi utilizzati per il passaggio sono posati, ma grazie a un’abile decorazione artistica imitano le porte chiuse.

Sul sito ufficiale si possono leggere informazioni sulla storia dell’edificio storico, su tutte le mostre del museo in esso ospitate, nonché informazioni relative a visite e tour.

  • Porta di Rosgarten. Situata in Piazza Maresciallo Vasilevskij. La vicinanza diretta al «Museo dell’Ambra» permette di vedere due attrazioni contemporaneamente. I turisti affamati possono pranzare nel ristorante «Sun Stone», situato all’interno della porta.
  • Porta Zakheim. Il destino di questa struttura è molto simile a quello delle porte descritte in precedenza. Nei pacifici anni del dopoguerra del XX secolo la porta era in decadenza e distrutta, utilizzata come magazzino. Il nuovo millennio ha portato nuovi proprietari che hanno riempito le pareti con l’atmosfera della creatività e dell’arte moderna.

Una piattaforma per la realizzazione di idee e progetti di fotografi e artisti. Lo spazio espositivo «Gates» attira ospiti e maestri che vivono lontano da Kaliningrad e dintorni, ed è amato e visitato dagli abitanti della città.

  • Porta di Friedrichsburg. Si trova sulla strada che porta al castello dell’Elettore Federico Guglielmo, costruito nel 1657, e ha una storia movimentata.

Un fatto storico! Nella fortezza di Friedrichsburg si tennero lezioni di artiglieria per la «Grande Ambasciata» in arrivo dalla Russia nel 1697, di cui uno dei partecipanti era lo zar russo Pietro. La visita al castello ispirò l’imperatore a costruire un avamposto russo per la flotta del Baltico, Krondstatt.

Le quattro torri rotonde portavano i nomi dei preziosi minerali Diamante, Rubino, Smeraldo e il nome della splendida perla marittima.

Attualmente, le antiche mura ospitano una sezione dell’unico «Museo dell’oceano mondiale» della Russia, il Centro di storia e cultura «Nave della domenica».

  • Porta Reale. Un’altra filiale del «Museo Mondiale dell’Oceano», in funzione con successo dal 2005. La struttura ha il suo nome moderno dal 1811. Anche la strada su cui si trovava la porta aveva lo stesso nome. Il nome precedente, Gumbinnenskie, era dovuto al fatto che la strada che i viaggiatori usavano per lasciare questa porta della città portava a Gumbinnen, che fino al 1946 era il nome della città di Gusev, situata a est di Kaliningrad. La struttura sembra il castello di un cavaliere di una vecchia fiaba. Le torrette merlate agli angoli delle casematte, che circondano anche la parte superiore dell’edificio, contribuiscono a questa sensazione. Un elemento distintivo sono le figure di tre re che svettano sul frontone. Il re prussiano Federico I al centro, circondato dal duca Albrecht I (a destra) e dal re Ottekar II di Boemia (a sinistra), ha un aspetto regalmente maestoso.

La Porta Reale di Kaliningrad

Lo spettatore interessato può vedere gli stemmi di famiglia dei sovrani. Sopra le loro teste si trovano gli stemmi della Prussia. Il destino di questo edificio è stato un po’ più fortunato di quello delle altre porte. Per molti anni le ex casematte hanno ospitato una libreria.

Tuttavia, i danni di guerra hanno compromesso le condizioni generali dell’edificio. Nel 2005, la città, che celebrava il suo 750° anniversario, scelse la Porta Reale come simbolo dei festeggiamenti. L’edificio è stato ristrutturato e vicino alle sue mura è stato deposto un messaggio per i futuri abitanti della città: una capsula di vetro con il libro «La città dei miei sogni».

Il nome «Porta del Re» è diventato un nome familiare per la città, che è il nome della rivista patinata locale.

Il Centro Storico Culturale «Grande Ambasciata», aperto tra le antiche mura, ha un sito web ufficiale con una descrizione dettagliata dell’indirizzo del museo e una spiegazione di come arrivarci, i numeri di telefono del banco informazioni, le informazioni sui biglietti, le modalità e gli orari di funzionamento dell’istituzione museale.

La nuova vita degli edifici antichi fa storia oggi e lascia un degno esempio alle future generazioni di discendenti che conoscono e amano la loro storia.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]