Spagna (paese)

Алан-э-Дейл       03.04.2024 г.

La Spagna moderna è un paesaggio naturale di incredibile bellezza, un paese di carnevali e corride, dove si cucinano cibi deliziosi e bevande a base di vino, che sono parte integrante della tradizione, e sono famosi come uno dei migliori del pianeta. La Spagna è anche il terzo Paese più grande d’Europa (dopo la Federazione Russa e la Francia).

Lo Stato è comodamente situato nella parte sud-occidentale dell’Europa, che occupa la maggior parte della penisola iberica. La superficie del territorio statale è di 504.782 km². Secondo la mappa, la lunghezza del territorio statale dalla parte settentrionale a quella meridionale è di 840 chilometri, da est a ovest di circa 1000 chilometri. La Spagna è bagnata a sud e a est dal Mediterraneo, a ovest dalle acque dell’Atlantico e a nord dal Golfo di Biscaglia.

La parte territoriale del Paese comprende le Isole Baleari nel Mediterraneo, le Canarie e nell’Atlantico diversi territori peninsulari. Lo Stato confina con i territori francese, portoghese, marocchino e di Gibilterra. Città principali:

  • Madrid (centro, capitale);
  • Barcellona;
  • Valencia;
  • Alicante;
  • Siviglia;
  • Saragozza;
  • Malaga;
  • Las Palmas;
  • Murcia;
  • Palma;
  • Bilbao;
  • Valladolid;
  • Cordoba.

Il nome Spagna non è un nome completo. Spagna — il nome ufficiale del Paese è composto da due parole: Regno di Spagna. È una repubblica? La forma di governo è una monarchia costituzionale. La valuta della Spagna è l’euro. L’ora spagnola è 2 ore indietro rispetto all’ora di Mosca. Il fuso orario della Spagna è di +1 ora GMT. Che ora è in Spagna nel 2018 può essere chiarito online.

Il clima

L’inverno in Spagna di solito passa velocemente, il clima è mite. In inverno, il termometro non scende al di sotto di +8-10°C, e talvolta sale a +16-17°C. A Tenerife il periodo invernale è il periodo delle sfilate di carnevale. Le montagne, che si estendono lungo la costa, proteggono dall’influenza delle acque marine. Il clima diventa continentale man mano che ci si allontana dalla costa.

In inverno si può sciare su veloci piste di montagna o fare interessanti escursioni sciistiche, pattinare sul ghiaccio o fare sci di fondo nei boschi, e molto altro ancora. In primavera si aprono le spiagge della famosa località. La Spagna è chilometri di sabbia bianca e pulita, mare cristallino e sole gentile.

L’estate è tranquilla, silenziosa, praticamente incontaminata dalla natura. Per chi ama le discoteche e il riposo attivo, si consiglia di andare a Ibiza, che combina il relax sulla costa del mare con l’abbondanza di vivaci programmi di intrattenimento ed escursioni nelle province dell’affascinante e sorprendente Paese. Per entrare nel Paese è necessario un visto «Schengen» o ordinario, rivolgendosi a un centro visti.

Natura della Spagna

La Spagna è ricca di natura, che colpisce per l’abbondanza di colori. Sul territorio sono presenti più di 400 riserve naturali. In Spagna crescono più di 900 varietà di piante, di cui più della metà sono sempreverdi. Nelle aree boschive si trovano più di 368 specie di rapaci, di cui circa 25 specie di rapaci presenti sulle montagne spagnole, tra cui:

  • {Nibbio rosso;
  • l’avvoltoio dalla testa bianca;
  • l’aquila imperiale, a rischio di estinzione.

La fauna nord-occidentale è vicina a quella dell’Europa centrale, ed è realistico vedere molti animali selvatici e rari nelle foreste di queste zone. In altre aree spagnole è possibile osservare i rappresentanti della fauna del nord del continente africano. Non lontano da Gibilterra si trovano le uniche scimmie del territorio europeo: i macachi. Anche il mondo acquatico è ricco di diversi abitanti.

La lingua

Molti saranno interessati alla lingua spagnola. La lingua appartiene al gruppo delle lingue romanze, derivate dal latino, che fu portato dai conquistatori di Roma nel III secolo a.C. Infatti, «spagnolo» è chiamato il dialetto della Castiglia, la parte centrale del Paese. Lo spagnolo è una lingua varia, che comprende molti dialetti. I suoni dolci dell’Andalusia non assomigliano assolutamente allo scatto squillante degli abitanti di Madrid, molto diversi dalle lingue:

  • Catalano;
  • Basco;
  • Galiziano.

Interessante! Grazie ai conquistatori spagnoli dei mari e ai conquistadores, lo spagnolo nazionale è, di fatto, una delle lingue più rilevanti, essendo la lingua ufficiale di 21 Paesi del mondo e diventando la lingua madre di oltre 400.000.000 di persone.

Dati storici

La Spagna è un Paese ricco di storia che ha conservato un gran numero di famosi monumenti architettonici. I primi segni di colonizzazione del territorio sono apparsi già 25.000.000 di anni fa, come ci dicono gli antichi disegni sulle rocce ritrovati nelle grotte di Altamira in Cantabria. Ma gli scienziati continuano a credere che l’emergere di uno stile di vita stanziale in Spagna sia da associare all’arrivo degli Iberi, nativi del continente nordafricano.

Un grande mistero della storia spagnola rimane la formazione e la scomparsa di Tartesso, uno degli stati più ricchi dell’Età del Bronzo. Nessuno è riuscito a trovare Tartesso, alcuni ritengono che la città si trovasse sulle isole di Gibilterra, altri che si trovasse a sud delle coste spagnole, sulla costa atlantica. Esistono versioni secondo le quali la città farebbe parte della famosissima Atlandita e insieme ad essa sarebbe caduta nei secoli, essendo andata a fondo al momento della geocatastrofe.

All’inizio della nostra era, l’odierno territorio spagnolo divenne parte della grande Roma, il cui potere durò per circa 500 anni. Gli spagnoli hanno ereditato da quest’epoca una grande quantità di incredibili bellezze:

  • archi di trionfo;
  • monumenti dell’antichità;
  • anfiteatri.

In seguito, alcune parti del territorio furono conquistate dai Visigoti, dagli Alani e dai Vandali, che fondarono piccoli regni. Nel 711, il territorio fu conquistato dagli Arabi e incorporato nel loro Califfato, che alla fine collassò in diversi territori statali.

Questo periodo storico è caratterizzato da guerre senza fine. All’inizio del XII secolo inizia la Reconquista, che si traduce con «conquista». Così, i regni cristiani, che si unirono, conquistarono il potere su tutte le terre del mondo islamico, liberando i cristiani che erano sotto l’oppressione dell’Islam e attirando nuovi sostenitori dalla loro parte.

Alla fine del XV secolo, la situazione si era stabilizzata e i re cominciarono ad equipaggiare navi, cercando e conquistando nuovi territori per ottenere più potere. Le fondamenta dell’impero coloniale spagnolo furono gettate dopo il viaggio di Colombo nel 1492 e la scoperta del Nuovo Mondo.

Questa politica della Spagna ebbe successo, il neoeletto re Carlo I di Spagna divenne imperatore del Sacro Romano Impero — un Paese che si stava trasformando in una potenza mondiale sotto la guida di un monarca forte e influente. Ma il potere fu effimero: subito dopo la vittoria dell’Inghilterra sugli spagnoli, la Spagna perse alcune delle sue colonie, provocando il declino del Paese. Sfruttando questa situazione, le influenti dinastie spagnole iniziarono a lottare per il potere.

Per i successivi 500 anni, le guerre devastarono la Spagna:

  • la lotta per la successione spagnola;
  • le guerre napoleoniche del XIX secolo;
  • le guerre carliste del XIX secolo.

La tragedia del XX secolo è stata la terribile guerra civile che alla fine degli anni ’30 ha diviso la Spagna in due campi belligeranti. Essa causò i 40 anni di dittatura del generale Franco. Solo nel 1947 il Paese fu dichiarato regno, ma il trono rimase vacante sotto la reggenza di Franco. Egli nominò il principe Juan Carlos I come suo successore, il che fu la causa della trasformazione democratica.

Nel 1978 inizia a funzionare una nuova Costituzione, che limita il suo potere e consolida le basi della democrazia. Dagli anni ’80, la Spagna è membro dell’Unione Europea e della NATO. Le bandiere della Spagna hanno subito dei cambiamenti. La descrizione di quella attuale è la seguente: è composta da 3 strisce orizzontali di 2 strisce rosse uguali, superiore e inferiore, tra le quali si trova una striscia gialla larga 2 volte la larghezza di ciascuna striscia rossa. Sulla striscia gialla (a una distanza di 1/3 dal bordo dell’asta) del drappo si trova lo stemma della Spagna. E questo, ovviamente, non riguarda solo la Spagna storica.

Lo spagnolo: cos’è

La popolazione autoctona è quella basca. Gli spagnoli sono persone energiche, rumorose, amichevoli e imprevedibili. La parola principale nel vocabolario degli abitanti della Spagna è «mañana», che significa — domani o dopodomani, o il mese prossimo, o l’anno prossimo, o mai, o mai.

Famiglia al primo posto per gli spagnoli, una donna e un uomo si uniscono in matrimonio a circa 30 anni, ma iniziano a costruire la loro famiglia quasi dalla scuola, raccogliendo il primo sposo (sposa). Prima di sposarsi, le coppie spagnole si incontrano per 10-15 anni, fanno progetti per il futuro insieme, acquistano un alloggio e accumulano capitale per le necessità della famiglia.

Molti spagnoli aspettano i 65 anni per andare in pensione e godersi la vita. I pensionati spagnoli sono amanti del divertimento, godono di buona salute e hanno una gran voglia di recuperare la loro vita, di avere un aspetto magnifico, di programmare gite turistiche, visite, sieste e incontri.

Il Paese è famoso per il buon calcio, la Coppa del Mondo si è svolta qui. L’animale simbolo della Spagna è il toro. Questa è la prima associazione con il Paese. La Spagna è brillante, la religione è altrettanto varia. Oggi gli spagnoli hanno libertà di religione.

Qual è la fede in Spagna oggi? La religione preferita in Spagna è il cattolicesimo. Ci sono anche più di 300.000 musulmani in Spagna.

Nel fine settimana, oltre l’80% degli spagnoli va in vacanza nel Paese. Le destinazioni di vacanza più popolari per i locali si trovano nella penisola iberica: in Catalogna e in Andalusia. Anche le località più visitate sono:

  • Alicante;
  • Salou;
  • Sabadell;
  • Maiorca.

La corrida è incredibilmente rilevante. Sia gli abitanti del luogo che i visitatori amano festeggiare e rilassarsi, quindi se una festività cade di martedì o giovedì, non sorprende che il fine settimana si prolunghi e che gli spagnoli non vadano al lavoro il lunedì o il venerdì.

La gente del posto ama i gruppi rumorosi e divertenti. Per trascorrere una buona vacanza, gli spagnoli hanno bisogno di sentirsi protagonisti. In particolare, amano divertirsi nei giorni in cui i servizi speciali lo sconsigliano, durante le forti nevicate e le piogge incessanti.

Le famiglie vanno in vacanza sulla costa, con musica ad alto volume e prodotti a base di carne che sono l’attributo principale della vacanza. Inoltre, montano un’enorme tenda dove una famiglia di 22 persone può nascondersi dalla tempesta. Agli spagnoli piace anche riunirsi la sera sulla terrazza di casa e parlare di tutto il mondo.

Alcune curiosità

Alcune curiosità sulla Spagna:

  • «Spagna» significa «terra dei conigli».
  • le donne non mantengono il loro cognome quando si sposano, e ai bambini viene dato il primo cognome del padre seguito dal primo cognome della madre;
  • alla fine del secolo scorso il comune di Madrid ha preso la storica decisione di demolire il centro storico di Madrid, che non si adattava alla grande capitale e ne ostacolava lo sviluppo, così quasi tutta la città moderna è stata costruita nei secoli XIX e XX;
  • tra i monumenti originali di Madrid spicca il simbolo del diavolo, «L’Angelo Caduto», che si trova nel Parco del Retiro;
  • Siviglia è la città natale del famoso Don Giovanni, del barbiere Figaro, della passionale Carmen, la città natale di Cervantes, Goya, Lope de Vega, Calderon, Murillo, Picasso e Velázquez.

Da qui partirono anche le caravelle di Colombo e Magellano che aprirono nuove terre del mondo.

Suggerimenti: cosa portare

Cosa portare dal resort? I viaggiatori più esperti consigliano di acquistare:

  • Una bottiglia di vino in pelle;
  • Brandy spagnolo di Jerez de la Frontera, bevande a base di vino della Rioja, Cava (champagne spagnolo) della Catalogna e sidro delle Asturie;
  • Olio d’oliva naturale; zafferano (spezia);
  • el hamon — prosciutto crudo di maiale stagionato;
  • manifesti di corride, particolarmente popolari a Siviglia (il manifesto è una copia del manifesto originale, dove il nome dell’acquirente è inciso tra i nomi dei toreri);
  • spada di Toledo;
  • un ventaglio spagnolo;
  • dischi di flamenco;
  • magliette di Kukuxumusu.

Non c’è differenza sul tipo di oggetto da portare, ma è utile acquistare qualcosa da ricordare, perché guardando il souvenir, si può tornare mentalmente in Spagna e vivere una tempesta di emozioni incredibili. Un viaggio in Spagna sarà ricordato per molto tempo, il viaggio vi permetterà di conoscere le tradizioni locali e il colore del Paese.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]