Spiaggia rossa: Creta, Grecia

Алан-э-Дейл       06.06.2024 г.

Creta è la più grande delle isole greche nel Mar Mediterraneo e il centro turistico più popolare del Paese. È particolarmente apprezzata dai turisti per il suo meraviglioso clima caldo con brezze rinfrescanti, i magnifici paesaggi montuosi intervallati da aranceti e uliveti e l’abbondanza di attrazioni storiche.

Vacanze al mare a Creta

La stagione balneare sull’isola inizia a fine maggio e dura fino a metà ottobre, ma l’acqua è più calda tra metà giugno e metà settembre.

Tutte le spiagge di Creta sono belle a modo loro, quindi quando si sceglie il luogo di «habitat principale» bisogna innanzitutto decidere le proprie preferenze: sabbia o ciottoli, divertimento o isolamento — in una parola, tenere conto di quei momenti che possono rovinare la vacanza o renderla indimenticabile per diverse persone.

Territorialmente Creta è composta da 4 unità amministrative: Heraklion, Rethymno, Chania e Lassithi.

A Heraklion e nei suoi dintorni si possono trovare sia chiassose feste giovanili (ad esempio, nella stessa capitale o a Hersonissos), sia luoghi tranquilli e accoglienti per una tranquilla vacanza familiare o romantica (Kokkini Hani, Malia, Gouves).

Rethymno piacerà agli appassionati di cultura, con un gran numero di siti archeologici, monasteri ricchi di storia e, naturalmente, spiagge lussuose.

Chania, oltre che per le sue spiagge e i suoi monumenti architettonici, è famosa per le sue grotte e le sue gole, per la popolare spiaggia di Elafonisi con la sua insolita sabbia rosa e per la bellissima baia di Balos.

Lassithi, situata nella parte orientale dell’isola, è la parte più pittoresca dell’isola. Questa parte di Creta presenta il maggior numero di piccole insenature e baie, protette dal vento dalla costa frastagliata.

Sull’isola non ci sono spiagge private, ma solo comunali, quindi potete andare in qualsiasi spiaggia vogliate, pagando solo lettini e ombrelloni se volete usarli.

Spiaggia Rossa di K rita

Caratteristiche, posizione sulla mappa

La Spiaggia Rossa di Creta si trova vicino a Matala, un villaggio nel sud dell’isola, noto anche come «paradiso degli hippie» e famoso per le sue grotte di roccia.

Durante il Neolitico, gli antichi popoli scavarono grotte nella roccia che circonda la costa e vi si stabilirono. Nel periodo successivo furono utilizzate come luoghi di sepoltura. Alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, le grotte divennero un rifugio per gli hippy provenienti da tutto il mondo.

La popolarità delle grotte aumentò dopo che furono visitate dai Rolling Stones e da molti altri artisti.

Esistono diverse teorie sul perché gli hippy abbiano lasciato questi luoghi:

  • Un crollo della grotta che ha causato la morte di un uomo, dopo il quale le autorità hanno costretto tutti gli altri a lasciare le grotte e le hanno recintate con delle sbarre;
  • il malcontento dei greci che vivevano nell’insediamento, che hanno gradualmente costretto i nuovi «occupanti» a lasciare le grotte.

Ma ci sono sempre alcuni ricordi della loro antica presenza: iscrizioni e disegni sulle pareti e occasionali venditori ambulanti che li intrecciano sulle ginocchia.

Ufficialmente le grotte possono essere visitate al costo di 3 euro*, ma molti turisti preferiscono vederle dal mare: si può nuotare da vicino, alcuni riescono anche ad arrampicarsi nelle grotte sugli scogli, anche se ovviamente è vietato.

La spiaggia rossa di Creta si fregia della Bandiera Blu, inoltre è dotata di tutto il necessario per una vacanza confortevole.

Durante il giorno si può nuotare in acque cristalline, la sera si può godere di magnifici tramonti, osservando la palla di sole incandescente che affonda nelle misteriose profondità del mare.

Una nota a margine. Dal 2010, Matala ospita ogni giugno un festival musicale che celebra tutti i successi mondiali dagli anni ’60 in poi.

Per raggiungere la Red Beach, bisogna fare una breve salita su una delle montagne che circondano il villaggio, seguita ovviamente da una discesa.

Red Beach è un piccolo tratto di spiaggia delimitato su tutti i lati da una catena montuosa. Deve il suo nome al colore della sabbia che la ricopre. Anche se è un po’ esagerato definirla rossa, la sabbia ha sicuramente una tonalità rossastra.

Spiaggia rossa di Creta Grecia

L’ingresso in acqua è agevole e comodo. La spiaggia stessa è abbastanza grande, il che permette ai vacanzieri di sistemarsi abbastanza liberamente. A seconda delle condizioni, può essere divisa in due zone: la parte più vicina alle rocce è solitamente occupata da coloro che amano prendere il sole senza costume, mentre la parte centrale è occupata da tutti gli altri.

Qui non c’è praticamente nessuna infrastruttura: solo una piccola tenda con le bevande e non più di una dozzina di lettini e ombrelloni, che vengono rapidamente smontati al mattino.

Una nota a margine. Il costo è identico a quello del villaggio: 2 euro* per ogni attrezzatura, l’affitto è a carico del venditore di bevande.

Non c’è ombra naturale sulla spiaggia, quindi è meglio visitarla nelle ore mattutine o serali.

A Matala ci sono molti caffè, ristoranti, hotel e un grande parcheggio, oltre a docce e cabine per cambiarsi sulla spiaggia, quindi una visita alla Red Beach può essere organizzata con una certa comodità — almeno c’è un posto dove mangiare dopo il ritorno e lavarsi dal sale marino.

Come arrivare

Ci sono tre modi per arrivare a Matala:

  • In auto. Avendo un navigatore o almeno una mappa, non sarà difficile anche per i viaggiatori meno esperti. La distanza da Heraklion è di circa 70 chilometri, il tempo di percorrenza non supera l’ora e mezza.
  • In autobus — partono dalla Stazione centrale degli autobus della capitale; i biglietti possono essere acquistati per 8,5 euro* presso la biglietteria. Il viaggio dura circa due ore.
  • In taxi: un viaggio dalla capitale costa circa 70 €*.

Coordinate della spiaggia:

  • Latitudine 34.9858903;
  • Longitudine 24.7494938.

Strada per Matala

La Red Beach dista meno di un chilometro da Matala, ma a causa del terreno non è possibile raggiungerla a piedi in meno di 40 minuti.

Ci sono due sentieri che portano alla spiaggia: il primo parte quasi dal parcheggio (linea tratteggiata rossa nella foto qui sotto), il secondo parte dal retro del villaggio (linea tratteggiata blu).

Il primo è più facile da trovare, ma è molto più ripido, anche se un po’ più breve.

Per raggiungere il secondo, dovrete cercarlo o chiedere alla gente del posto, ma questo sentiero è più dolce.

È quasi impossibile perdersi lungo il percorso: ci sono frecce sui massi lungo la strada per guidarvi.

La prima metà del percorso è la più difficile, poiché si deve risalire il pendio della montagna, ma la vista dalla cima del passo è così bella che la fatica comincia a essere dimenticata e si apre un secondo respiro. Il tratto in discesa del sentiero è relativamente dolce, ma la strada è comunque stretta e sassosa, e da metà della discesa si può già vedere la spiaggia.

Attenzione! La strada è comunque abbastanza faticosa, quindi chi non sopporta bene il caldo o ha problemi di pressione, è meglio che non rischi la salute!

La strada per la Spiaggia Rossa

Consigli dei viaggiatori esperti

Non ci si deve aspettare qualcosa di fantastico dalla Red Beach di K rita, anche se la spiaggia è spesso inclusa negli elenchi delle attrazioni popolari dell’isola.

Ma per i turisti che decidono di visitarla, i viaggiatori esperti consigliano di attenersi alle regole che renderanno il cammino verso la meta un po’ più comodo e semplice:

  • È meglio utilizzare la strada che parte dal villaggio: la sua lunghezza leggermente maggiore è più che compensata dalla dolcezza, che la rende più facile da percorrere.
  • Assicuratevi di portare almeno un litro d’acqua per ogni viaggiatore, perché il passaggio alla spiaggia, pur non essendo lungo, è piuttosto faticoso e non c’è ombra lungo il percorso. L’acqua non solo disseta, ma aiuta anche a rinfrescare il viso.
  • Prima di uscire, è necessario applicare una protezione solare su tutte le parti esposte del viso, in particolare sul viso e sulle spalle. Inoltre, è meglio indossare abiti leggeri e a maniche lunghe.
  • Assicurarsi di portare un cappello per evitare il caldo o i colpi di sole.
  • Indossare scarpe comode — sandali sportivi o scarpe da ginnastica ben fissate ai piedi, perché andare in ardesia o infradito su pietre che rotolano e scivolano continuamente da sotto i piedi è molto scomodo, se mai è possibile.
  • Se si prevede di trascorrere l’intera giornata o le ore di mezzogiorno in spiaggia, si consiglia di portare con sé un ombrellone (è possibile noleggiare un ombrellone, ma ce ne sono pochissimi e non è garantito che ce ne siano di liberi).
  • È meglio non portare con sé bambini piccoli: in primo luogo, sarà molto difficile per loro fare un viaggio del genere da soli, e portare un bambino in braccio o addirittura in una fascia sul sentiero di montagna non è solo difficile, ma anche poco sicuro; in secondo luogo, i nudisti che hanno preso gusto alla spiaggia — uno spettacolo che quasi nessuno approverebbe per i propri figli.

Ciononostante, la spiaggia è degna di attenzione e, se avete tempo ed energia, potete compensare volentieri con l’attività fisica e le delizie gastronomiche delle vacanze. Per i collezionisti di sabbia, la Spiaggia Rossa è una tappa obbligata, insieme alla rosa Elafonisi.

*I prezzi sono aggiornati ad agosto 2018.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]