Tsarskoe Selo

Алан-э-Дейл       31.05.2024 г.

La vita di palazzo di tutti i tempi aveva le sue peculiarità, una delle quali erano i regali reali offerti dai monarchi ai loro cari. È stato questo edificio a gettare le basi per la creazione e la sistemazione del complesso di palazzi e parchi di Tsarskoe Selo, che per molti anni ha svolto la funzione di residenza cerimoniale della Casa Romanov e ora ha lo status di Museo-Riserva di Stato.

Tsarskoye Selo

Nella storia di questo luogo ci sono molti giorni luminosi e di parata, ma anche momenti di oblio. Tutti erano direttamente collegati alle predilezioni e agli affetti personali dei monarchi che hanno governato in tempi diversi.

Elisabetta Petrovna, degno successore delle gesta del padre, trasferì la Sala d’Ambra, giustamente chiamata l’ottava meraviglia del mondo, nel Palazzo di Caterina.

Caterina II coinvolse il suo architetto di corte Bartolomeo Rastrelli, il cui nome è strettamente legato alla storia dell’architettura di San Pietroburgo, nei lavori di ricostruzione e decorazione degli interni. All’epoca di Caterina fu costruito il «Bagno freddo».

Suo figlio Paolo non amava questo luogo, che gli procurava tristezza con i suoi ricordi d’infanzia. Sotto di lui iniziò il declino del parco, la desolazione.

Ma Alessandro I, salito al trono, a differenza del padre, amava Tsarskoe Selo con tutto il cuore. Sotto di lui tutto qui riprese vita, giocando con colori vivaci. Apparvero nuove idee e nuove soluzioni: la Galleria Cameron e la Collina Rotolante.

Alessandro I costruì il Liceo di Tsarskoe Selo, un’istituzione educativa che prese il nome dal suo diplomato Alexander Pushkin.

Nicola Pavlovich, che governò dopo la morte inaspettata del fratello, introdusse elementi gotici. L’insieme architettonico fu arricchito da una torre bianca (la Casa del Cavaliere) e da cancelli gotici. Fu allestito un giardino cinese.

In memoria della nonna, l’imperatrice Caterina II, furono costruiti un bagno turco e una moschea turca.

L’ultimo imperatore della dinastia Romanov, Nicola II, lasciò San Pietroburgo e visse a Tsarskoe Selo in modo permanente, insieme alla sua famiglia.

Oggi è il nome della riserva-museo, che comprende palazzi e parchi, che incantano i visitatori con lo splendore delle decorazioni, la varietà degli stili e delle tendenze utilizzate per la decorazione.

Le sculture in metallo decorano gli angoli appartati del giardino ombroso con la loro nobile semplicità. Sorprendono per la loro fusione organica con la natura, completando il colore naturale del parco.

Tra i cespugli verdi si trova la statua di un fauno che gioca con una capra. Una statua di un fauno che gioca con una capra e una statua dell’atleta Apokseonen, sorprendentemente calma. La bella Venere sorride enigmaticamente. Il molo di granito è diventato l’arena per due statue: un atleta che lancia il disco e un combattente di Barges.

Su un piedistallo di granito, da cui sgorga un ruscello di acqua fresca di sorgente, sedeva la Ragazza con la brocca, la lattaia.

Nei palazzi e nei parchi di Tsarskoye Selo si possono ammirare veri e propri capolavori, opere di grandi maestri, i cui nomi sono noti agli intenditori di bellezza di tutto il mondo. Una delle attrazioni più luminose del museo-riserva è giustamente considerata la «Sala d’Ambra».

Sala d’Ambra

La storia della sua comparsa non è legata a Tsarskoye Selo. Pietro I venne a conoscenza dei pannelli d’ambra messi a disposizione dal re prussiano per la decorazione delle pareti. Lo zar russo, appassionato di mineralogia e che aveva sviluppato diligentemente il lavoro con le pietre ornamentali in Russia, desiderava ardentemente decorare il suo studio con l’ambra. Tra i monarchi fu fatto uno scambio, grazie al quale Pietro ricevette una stanza d’ambra e Federico I ricevette 55 granatieri russi e un calice realizzato dallo stesso Pietro Alekseevich.

La statua appositamente commissionata per il parco fu poi chiamata «Tristezza silenziosa».

Con disappunto dell’imperatore russo, i pannelli non furono completamente completati, mancando gli elementi necessari. L’interesse dello zar per l’idea svanì.

Elisabetta Petrovna si ricordò della stanza durante il suo regno. Il pannello precedentemente mancante fu trovato in Prussia e consegnato alla corte di Elisabetta. Fu ordinato di decorare con l’ambra la stanza dell’imperatrice per i ricevimenti cerimoniali nel Palazzo d’Inverno.

Dopo un po’ di tempo, Elisabetta emise un decreto imperiale per trasferire la stanza d’ambra nel Palazzo di Caterina a Tsarskoye Selo.

Da quel momento in poi, la decorazione della sala fu ripetutamente rivista e migliorata. Tuttavia, gli operatori del museo sovietico progettarono di effettuare un restauro davvero significativo nel 1941. Questi piani non erano destinati a realizzarsi, poiché era scoppiata la Seconda Guerra Mondiale.

Una nota a margine: il reperto non fu portato all’evacuazione per paura di disturbarne l’integrità. Ma i tedeschi non avevano paura di questo. Riuscirono a smontare e poi rimontare la sala nel castello di Königsberg, confermando le loro gesta con dei reportage fotografici.

Durante la ritirata, la stanza fu smontata e portata in una destinazione sconosciuta.

Dagli anni ’80 del XX secolo fino ai primi anni 2000, i lavori di restauro sono proseguiti. La sala ha aperto le porte ai visitatori nel 2003.

L’area del parco

Durante il periodo in cui Tsarskoye Selo era di proprietà della famiglia reale, i parchi che circondavano i palazzi furono oggetto di ripetuti miglioramenti. Gli architetti che si sono succeduti negli anni hanno introdotto nuovi elementi di design nell’insieme del parco. Le innovazioni integravano abilmente le idee degli architetti precedenti senza disturbare il concetto compositivo generale.

Nel parco c’è un’altra porta, la cui caratteristica principale è la scritta egizia che ne ricopre la superficie.

Nelle giornate estive è particolarmente piacevole stare vicino all’acqua. Per questo ci sono stagni e fontane artificiali. Uno dei dettagli più recenti, apparso durante il regno di Nicola II, è un alto vaso di marmo di Carrara che si erge al centro della vasca.

È inoltre piacevole ripararsi dai raggi del sole sotto le volte della pergola, un loggiato in stile italiano.

La Cappella, una cappella cattolica, attira gli sguardi dei passanti con i suoi vetri colorati. Il suo aspetto riporta all’epoca dei cavalieri, dei tornei e delle belle dame.

Recinzioni del parco

Non possiamo ignorare i cancelli e le recinzioni del parco:

  • Nella parte sud-orientale del parco si trova un cancello trionfale in onore della vittoria nella guerra del 1812, decorato con scudi, maschere e spade;
  • al confine con il Parco Alexander si trovano le porte neogotiche Krasnoselskie;
  • le porte gotiche per Caterina sono state fuse nella fabbrica Kamensky con ghisa di particolare morbidezza.

Bagno freddo

Il lascito di Caterina fu un edificio indipendente nel Parco di Caterina chiamato Bagno freddo. Le stanze di agata al suo interno non hanno analoghi. All’epoca di Caterina furono scoperti i più ricchi giacimenti di «pietre colorate»: agata, corniola e diaspro.

L’interno del bagno è stato decorato dall’architetto Charles Cameron.

Teatro cinese

Un altro progetto di Caterina la Grande, il Teatro dell’Opera in pietra, si trova nel Giardino di Alessandro. L’architetto Antonio Renaldi lo costruì per compiacere l’imperatrice nel 1779. Il progetto riflette l’interesse dell’epoca per il Rinascimento della cultura cinese e ha un secondo nome «Teatro cinese».

Liceo Pushkin

Il Liceo fu fondato da Alessandro I come istituzione educativa per l’educazione dei suoi fratelli minori Nicola e Michail. Nonostante il fatto che i fratelli del monarca non siano diventati studenti del liceo, la gloria dell’istituzione educativa è sopravvissuta fino ad oggi.

Una nota a margine. Il liceo è esistito per quasi 100 anni. Dalle sue mura sono usciti molti degni figli della nostra patria, i cui nomi oggi adornano le pagine della storia russa.

La fama mondiale è stata data all’istituzione educativa dal primo diplomato del liceo, che è diventato un poeta pubblicato e letto in molti Paesi: Alexander Sergeyevich Pushkin.

Oggi il nome Tsarskoye Selo appartiene alla riserva e la città porta il nome del poeta preferito e si chiama Pushkin.

Palazzo di Alessandro

Questa esposizione del Museo di Tsarskoye Selo è indissolubilmente legata al nome di Nicola Romanov e della sua famiglia, che vi si trasferì dal Palazzo d’Inverno dal momento dell’ascesa al trono. Grazie a ciò, qui si concentrò il centro della vita sociale. Il 300° anniversario della Casa Romanov, il 200° anniversario di Tsarskoye Selo e altri eventi significativi dell’epoca sono stati celebrati sotto le arcate del palazzo.

La città di Feodorovskij (Fedorovskij)

Nel 1913 iniziò la costruzione della borgata

Sotto Nicola II, nel 1909, fu decisa la costruzione della Cattedrale Feodorovskij (Fedorovskij), illuminata in onore della Madre di Dio Feodorovskaya. I bozzetti approvati dall’imperatore appartenevano all’architetto Stepan Samoilovich Krichinsky. L’esposizione è un insieme architettonico composto da edifici realizzati all’inizio del XX secolo, decorati nello spirito della Russia pre-petrina. Fin dall’inizio dell’esistenza della città, la «Società per la rinascita della Russia artistica» ha preso l’iniziativa di creare una collezione di oggetti d’arte russa dei secoli XVI e XVII.

Escursioni

È importante saperlo! L’ingresso al giardino è a pagamento. Esistono abbonamenti per visite multiple.

I palazzi e i musei sono esposizioni indipendenti, per visitare le quali è necessario acquistare biglietti separati.

Molte escursioni interessanti attendono i visitatori del museo della riserva. È possibile:

  • visitare le mostre permanenti e periodiche;
  • guidare auto elettriche nei giardini di Caterina e Alessandro;
  • prendere un traghetto per attraversare il Grande Stagno.

È inoltre possibile visitare gli edifici distaccati:

  • i palazzi Caterina e Alessandro;
  • La Casa del Cavaliere (Torre Bianca), costruita per ordine di Nicola I per i suoi figli e dotata di una piattaforma panoramica;
  • Padiglione del bagno turco: la moschea e il minareto sono decorati con incredibili mosaici, stucchi e targhe di marmo con poesie e cascate scintillanti che sgorgano da 2 bacini di acqua calda e fredda;
  • il padiglione (portico) della «Sala dei concerti», decorato con graziose cariatidi all’esterno e amorini e daini all’interno; sul soffitto sono dipinte le immagini delle dee Flora e Diana.

Particolare attenzione meritano il museo delle armi, la visita al cortile delle carrozze e la fabbrica di sapone del XXI secolo.

Per i gruppi sono disponibili escursioni organizzate preparate da guide turistiche professionali.

Per visitare autonomamente le attrazioni del complesso museale è possibile avvalersi dei servizi di un’audioguida.

Attenzione! Per l’acquisto è richiesto un deposito.

Programma

Il Museo-Riserva di Tsarskoye Selo modifica i suoi orari di lavoro a seconda del periodo dell’anno. Durante il periodo estivo la durata dell’orario di lavoro aumenta.

È importante tenerne conto! Tutte le mostre del museo funzionano in modo diverso. A questo proposito, ognuna di esse ha una cassa separata. Esistono categorie di persone che hanno diritto a uno sconto sull’acquisto dei biglietti.

Attenzione! Ai visitatori con disabilità vengono offerte sedie a rotelle in pegno, il territorio è attrezzato con dispositivi che facilitano il movimento su tali sedie.

Tutte le informazioni aggiuntive devono essere specificate in Internet all’indirizzo del sito ufficiale di Tsarskoye Selo San Pietroburgo.

Gli operatori del museo sono particolarmente attenti alle scolaresche. Per i bambini vengono organizzati eventi speciali e lezioni didattiche. Esistono anche pass per bambini per visite multiple.

Bambini in gita al liceo

Biglietti

Il sito web mostra il numero di posti disponibili per qualsiasi escursione; c’è la possibilità di preordinare un biglietto elettronico.

L’ordine e l’acquisto dei biglietti online presenta un altro importante vantaggio.

Attenzione! Dopo la registrazione dei dati, l’acquirente riceve per e-mail un voucher che deve essere scambiato con un biglietto d’ingresso.

Il cambio si effettua con un documento d’identità. È possibile farlo presso la biglietteria del Palazzo di Caterina, all’indirizzo: via Sadovaya 7, Pushkin.

Il numero di telefono per chiarimenti sulla procedura di cambio è (812) 470 08 98.

Come arrivare a Tsarskoye Selo

Se si guarda sulla mappa, il complesso museale si trova a sud di San Pietroburgo, a una distanza di 22 chilometri.

Per coloro che raggiungono il luogo con la propria auto, è stato organizzato un parcheggio a pagamento aperto 24 ore su 24, situato in via Orangerainaya d. 1.

Numero di telefono per le richieste di informazioni:

Per chi sceglie di viaggiare con i mezzi pubblici, sono disponibili le seguenti opzioni di viaggio.

Autobus

Dalle stazioni della metropolitana «Zvezdnaya» e «Kupchino»: №186 fino al museo.

Dalla stazione della metropolitana «Moskovskaya»: №187 fino alla stazione ferroviaria «Pushkin», poi in autobus №371, 382; oppure in minibus №371, 377, 382 fino al museo.

Navetta

Dalla stazione ferroviaria Vitebsky №371, 377, 382 al museo.

Dalla stazione della metropolitana Moskovskaya #286, 287, 342, 347, 545 al museo.

Dalla stazione della metropolitana «Kupchino»: n. K-545a, K-286, K-287, K-347a.

Treno elettrico

Andare alla stazione «Tsarskoye Selo», da lì autobus n. 371, 382; oppure taxi navetta n. 371, 377, 382 per il museo.

Taxi

Utilizzando l’applicazione mobile, è possibile prendere un taxi Yandex dal centro città al Museo della Riserva. Una corsa in classe economica varia da 900 a 1100 rubli*.

Tsarskoye Selo ha raccolto un gran numero di oggetti d’arte: grafiche, dipinti, sculture, molte forme architettoniche piccole e grandi circondate da fiori freschi. Il parco è vario nelle sue manifestazioni!

*I prezzi sono validi per agosto 2018.

Гость форума
От: admin

Эта тема закрыта для публикации ответов.

[yarpp]